Damian Hartard von der Leyen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Damian Hartard von der Leyen
arcivescovo della Chiesa cattolica
Damian hartard leyen.jpg
Damian Hartard von der Leyen
ArchbishopPallium PioM.svg
Incarichi ricoperti Dal 1675 alla sua morte Principe-Arcivescovo di Magonza. Egli fu anche Vescovo di Worms, in unione personale con il proprio titolo
Nato 12 marzo 1624, Treviri
Ordinato presbitero 1654
Elevato arcivescovo 1675
Deceduto 6 dicembre 1678, Magonza
Damian Hartard von der Leyen; incisione-ritratto di Philipp Kilian (1628-1693).

Damian Hartard von der Leyen, anche Damian Hartard Reichsfreiherr von Leyen-Hohengeroldseck, Barone di Leyen-Hohengeroldseck (Treviri, 12 marzo 1624Magonza, 6 dicembre 1678), fu dal 1675 alla sua morte Principe-Arcivescovo di Magonza. Egli fu anche Vescovo di Worms, in unione personale con il proprio titolo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Damian Hartard von der Leyen era il fratello minore di Karl Kaspar von der Leyen, Principe-Arcivescovo di Treviri dal 1652 al 1676.


Damian Hartard divenne in un primo momento della propria carriera, collaboratore del fratello Karl Kaspar attorno al 1654 divenendo dapprima Arcidiacono di Karden e poi Prevosto della Collegiata di San Castore, sempre a Karden.

Damian Hartard venne eletto Vescovo di Worms il 31 ottobre 1676 nella cappella (St. Josephskapelle) del nuovo Collegio dei Gesuiti di Worms.

Sotto il suo governo il Principato Arcivescovile di Magonza venne completato con l'acquisizione di ulteriori territori ad est.

L'Arcivescovo donò all'altare di San Lorenzo della cattedrale di Magonza molti dei propri beni, erigendovi anche la propria tomba, un monumento che mostra la figura stante del vescovo tra i propri stemmi, il tutto inserito in una serie di decorazioni barocche. Era quello l'ultimo monumento eretto, dopo l'ultima tomba vescovile che era stata costruita nel XIV secolo.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Ludwig Falck: The successors of the Willigis on the Mainzer chair in William young (Hrsg.) 1000 years Mainzer cathedral - and change, Mainz, 1975.
  • Elizabeth Darapsky: History of the Welschnonnen in Mainz. Contributions for the history of the city Mainz, Mainzer antiquity association 1980.
  • (FR) L'Art de vérifier les dates, publié en 1750 par Charles Clémencet, avec la collaboration de Maur Dantine et d'Ursin Durand.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Arcivescovo di Magonza Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Lothar Friedrich von Metternich-Burscheid 1675-1678 Karl Heinrich von Metternich-Winneburg
Predecessore Primate di Germania e Legatus natus a Magonza Successore PrimateNonCardinal PioM.svg
Lothar Friedrich von Metternich-Burscheid 1675-1678 Karl Heinrich von Metternich-Winneburg
Predecessore Vescovo di Worms Successore BishopCoA PioM.svg
Lothar Friedrich von Metternich-Burscheid 1675-1678 Karl Heinrich von Metternich-Winneburg