Vescovo ausiliare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Vescovo ausiliare è, nella Chiesa cattolica, vetero-cattolica o anglicana, un ulteriore vescovo assegnato ad una diocesi come supporto ad un vescovo diocesano impossibilitato a svolgere il proprio compito o come ausilio per le diocesi molto estese.

Per il diritto canonico a ciascun vescovo deve comunque essere assegnata una distinta sede episcopale, i vescovi ausiliari sono ordinati per sedi titolari, ovvero diocesi che non esistono più.

In passato i vescovi ausiliari erano anche chiamati vescovi suffraganei, senza alcun riferimento al concetto di diocesi suffraganea.

Dal punto di vista sacramentale, sono vescovi a tutti gli effetti e possono conferire tutti i sacramenti, naturalmente in conformità al diritto canonico.

Spetta loro l'appellativo di Eccellenza Reverendissima, comune a tutti i vescovi.

Alcune diocesi hanno più vescovi ausiliari. Fra quelle che attualmente hanno un maggior numero di vescovi ausiliari si annoverano:

Fonti[modifica | modifica wikitesto]