Ratisbona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Regensburg
Città extracircondariale
(DE) Regensburg
Regensburg – Stemma
vista dal Danubio
vista dal Danubio
Localizzazione
Stato Germania Germania
Land Flag of Bavaria (striped).svg Baviera
Distretto gov. WappenOberpfalz.gif Alto Palatinato
Circondario Non presente
Amministrazione
Sindaco Hans Schaidinger (CSU)
Territorio
Coordinate 49°01′N 12°06′E / 49.016667°N 12.1°E49.016667; 12.1 (Regensburg)Coordinate: 49°01′N 12°06′E / 49.016667°N 12.1°E49.016667; 12.1 (Regensburg)
Altitudine 326 - 421 m s.l.m.
Superficie 80,76 km²
Abitanti 134 218 (31-12-2009)
Densità 1 661,94 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 93047 - 93059
Prefisso 0941
Fuso orario UTC+1
Codice Destatis 09 3 62 000
Targa R
Cartografia
Mappa di localizzazione: Germania
Regensburg
Regensburg – Mappa
Sito istituzionale

Ratisbona (in tedesco Regensburg, letteralmente: "fortezza sul Regen") è una città extracircondariale della Baviera.

Dal 13 luglio 2006 il centro storico della città fa parte del patrimonio dell'umanità dell'UNESCO.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Ratisbona sorge nella parte centrale della Baviera (sud est della Germania), nell'alto corso del Danubio presso la confluenza con il suo affluente Regen, a breve distanza dai rilievi della Selva Bavarese e della Selva Boema ad est e del Giura francone a nordovest; sorge ad una quota di 342 metri s.l.m..

Dal punto di vista amministrativo, la città di Ratisbona confina con i comuni di Lappersdorf, Zeitlarn, Wenzenbach, Tegernheim, Barbing, Neutraubling, Obertraubling, Pentling, Sinzing e Pettendorf, tutti facenti parte del suo circondario.

Clima[modifica | modifica sorgente]

La città ha un clima di tipo temperato umido (Cfb nella classificazione climatica di Köppen), caratterizzato da inverni piuttosto freddi ed estati tiepide; le temperature medie (periodo 1971-2000)[1] oscillano da -1,3 °C in gennaio (il mese più freddo) a 18,2 °C in luglio (quello più caldo). Conformemente alle caratteristiche dei climi temperati centroeuropei, le precipitazioni sono non abbondanti (637 mm annui in media), con massimi estivi (luglio 82 mm, mese più piovoso) e minimi relativi invernali (febbraio 34 mm, mese meno piovoso).

Ratisbona (Regensburg)[2] Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Inv Pri Est Aut
T. max. mediaC) 1,2 3,4 9,1 13,9 19,4 21,9 24,1 24,2 19,3 12,7 5,6 2,4 2,3 14,1 23,4 12,5 13,1
T. min. mediaC) -3,6 -3,1 0,5 3,2 7,8 10,9 12,8 12,6 9,3 4,9 0,6 -2,0 -2,9 3,8 12,1 4,9 4,5
Precipitazioni (mm) 40,8 34,1 39,2 38,6 57,0 80,8 81,4 64,7 52,1 48,8 48,5 50,0 124,9 134,8 226,9 149,4 636,0
Giorni di pioggia 9,0 7,9 8,5 8,0 9,6 11,3 11,3 9,5 8,3 7,7 9,9 10,4 27,3 26,1 32,1 25,9 111,4

Storia[modifica | modifica sorgente]

I resti della Porta praetoria.
Lo Steinerne Brücke, il "Ponte di Pietra".

Il primo insediamento risale all'età della pietra. Il nome della città odierna deriva dal celtico Radasbona, che era riferito ad un insediamento nelle vicinanze. Nell'anno 90, i Romani vi costruirono un piccolo forte, appartenente al sistema difensivo del limes germanico-retico, mentre nel 179 venne edificata una fortezza legionaria per la Legio III Italica sotto l'impero di Marco Aurelio. Castra Regina (il nome romano di Ratisbona) divenne la capitale della Rezia; tra il 356 e il 358 una invasione di Iutungi e di Alamanni la distrusse. Nell'epoca merovingia Ratisbona era la sede dei duchi e poi la capitale della Baviera. Nel 739 San Bonifacio, chiamato il patrono della nazione tedesca, vi fondò una diocesi. La città raggiunse il suo apice politico e economico nel XII e XIII secolo quando si trovò all'incrocio di grandi strade commerciali molto importanti. Da questo tempo datano i principali monumenti della città, lo Steinerne Brücke (ponte di pietra con una lunghezza di 310 metri sul Danubio, costruito tra 1135 e 1146), la cattedrale gotica (consacrata nel 1276), l'Altes Rathaus (Antico palazzo municipale) e le torri patrizie.

Nel 1245 l'imperatore Federico II nominò Ratisbona "Freie Reichsstadt" (libera città imperiale) e le diede una certa autonomia politica nell'impero. In seguito Ratisbona diminuì d'importanza rispetto ad altre grandi città bavaresi come Norimberga e Augusta.

Nel corso dei secoli seguenti numerosi "Reichstag" (assemblee dei principi del Sacro Romano Impero) vi ebbero luogo. Da 1663 la città fu persino la sede unica di questa istituzione permanente ("Immerwährender Reichstag"). Fu inoltre a Ratisbona dove l'Impero si sciolse sotto la pressione delle truppe napoleoniche nel 1803 ("Reichsdeputationshauptschluss"). Nel 1810 la città venne annessa dal nuovo regno di Baviera creato da Napoleone. Cadde al livello di città provinciale per più di 150 anni.

Durante la Seconda guerra mondiale fu colpita dai bombardamenti alleati perché la città ospitava le fabbriche Messerschmitt, produttrici dei caccia Bf 109. Nei pressi della città fu anche istituito un sottocampo del campo di concentramento di Flossenbürg. Dopo la guerra la città attirò diverse grandi imprese, soprattutto del settore automobilistico (la BMW produce qui le sue Serie 1, Serie 3 e le Z4 E89) e dell'industria elettronica (Siemens, AEG, Toshiba). Anche la fondazione della 4º università bavarese nella città contribuì allo sviluppo di Ratisbona.

Prima di diventare arcivescovo di Monaco, cardinale e poi papa Benedetto XVI, Joseph Ratzinger vi insegnò teologia. Vi è poi tornato da pontefice per tenere una lezione nel 2006.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO Flag of UNESCO.svg
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Città vecchia di Ratisbona e lo Stadtamhof
(EN) Old Town of Regensburg with Stadtamhof
Regensburg Neupfarrplatz 06 2006.jpg
Tipo Culturali
Criterio (ii) (iii) (iv)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 2006
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda
lo scenografico interno rococò dell'Alte Kapelle.

Edifici religiosi[modifica | modifica sorgente]

  • Duomo di San Pietro. La cattedrale è il monumento più importante della città. Rappresenta un esempio di primaria importanza dell'architettura gotica tedesca, pur non avendo dimensioni estremamente eccezionali, e è l'opera più significativa di questo stile nella Germania meridionale. Venne eretta a partire dal 1270 circa e completata nel 1520, con l'eccezione delle torri, che vennero terminate nel 1869 portandole ad un'altezza di 105 metri.
  • Alte Kapelle. L'Antica Cappella, venne eretta nel 1002-04 come cappella di corte. Ingrandita col coro gotico fra il 1441 e il 1465 venne dotata della straordinaria decorazione interna rococò di stucchi, affreschi e dorature fra il 1747 e il 1765.
  • Chiesa Niedermünster. Antica abbaziale eretta nel XII secolo e rivestita di decorazioni barocche nel corso del XVIII secolo.
  • Chiesa Sant'Ulrico. Antica parrocchiale cittadina, eretta nel XIII secolo.
  • Chiesa dei Domenicani ("Dominikanerkirche"; XIII secolo)
  • Chiesa di San Giacomo degli Scozzesi ("Schottenkirche St. Jakob"; XII secolo)

Edifici civili[modifica | modifica sorgente]

il Municipio Vecchio.
  • Il Ponte di Pietre occupa una posizione singolare nell'architettura occidentale, venne costruito tra 1135 e 1146 ed era, all'epoca, il primo passaggio sul Danubio. Attraversa il fiume con una lunghezza di 310 metri.
  • Il Municipio Vecchio fu costruito tra il XIII e il XVIII secolo ed era la sede dell'Immerwährender Reichstag (assemblea permanente dei principi del Sacro Romano Impero 1663-1806). Oggi alloggia un museo storico di questo periodo nel quale si può visitare fra l'altro la Reichssaal (sala dell'assemblea) dal bellissimo soffitto a travi lignee del 1408; vari appartamenti e la camera di tortura medievale.
  • Il Palazzo Thurn und Taxis a sud del centro storico fu costruito sulle fondazioni dell'antico monastero di S. Emmerame, ma allargato nel XIX secolo in stile neoclassico. Oggi è il domicilio della famiglia nobile Thurn und Taxis ben conosciuta per la principessa Maria Gloriae.
  • Ostdeutsche Galerie. Nella "Galleria d'arte delle Germania orientale" si mostra arte moderna prodotta da artisti tedeschi attivi nella RDT o nelle regioni orientali perse dopo la Seconda guerra mondiale.
  • Il Walhalla sorge, a breve distanza dalla città, lungo le sponde del Danubio. È un monumentale tempio neoclassico in cui sono collocati i busti delle più importanti personalità della storia e della cultura tedesca voluto dal re Ludovico I.

Nella Zieroldsplatz di Kohlemmarkt a Ratisbona è collocata una statua di don Giovanni d'Austria. Questo monumento, eseguito nel 1978, è stato collocato nel 400º anniversario della morte di don Giovanni d'Austria ed è la fedele replica dell'originale esistente a Messina in piazza Lepanto e commissionata dal senato messinese ad Andrea Calamech nel 1572.

Persone legate a Ratisbona[modifica | modifica sorgente]

Sport[modifica | modifica sorgente]

Il SSV Jahn Regensburg è la società calcistica cittadina. I Regensburg Legionaire sono la squadra di Baseball cittadina. Attualmente militano nella Bundesliga e lo stadio cittadino è stato sede della prima fase della IBAF Baseball World Cup 2009.

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Galleria immagini[modifica | modifica sorgente]

Regensburg Uferpanorama 08 2006 2.jpg

Magnify-clip.png
Vista panoramica del centro di Ratisbona al crepuscolo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (DE) Das Klima in Regensburg, klimadiagramme.de. URL consultato il 26 marzo 2011.
  2. ^ (EN) Regensburg Climate & Temperature, climatetemp.info. URL consultato il 26 marzo 2011.
  3. ^ Book of Nature in World Digital Library, 20 agosto 1481. URL consultato il 27 agosto 2013.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]