Vescovato di Ratisbona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'attuale diocesi, vedi Diocesi di Ratisbona.
Principato Vescovile di Ratisbona
Principato Vescovile di Ratisbona - Stemma
Dati amministrativi
Nome ufficiale Fürstbistum Regensburg
Lingue ufficiali tedesca
Lingue parlate
Capitale Ratisbona
Politica
Forma di Stato Teocrazia
Forma di governo
Nascita XIII secolo con Sant'Alberto Magno
Causa Concessione del titolo di principe-vescovo
Fine 1803 con Karl Theodor Anton Maria von Dalberg
Causa Secolarizzazione del principato vescovile
Territorio e popolazione
Economia
Valuta Tallero di Ratisbona
Religione e società
Religioni preminenti Cattolicesimo
Religioni minoritarie Protestantesimo, ebraismo
Evoluzione storica
Preceduto da Wittelsbach Arms.svg Ducato di Baviera
Succeduto da Wappen Regensburg.svg Principato di Ratisbona

Il Vescovato di Ratisbona fu uno Stato ecclesiastico della Germania esistito dal XIII secolo al 1803.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La diocesi di Ratisbona venne fondata nel 739 da San Bonifacio ed era originariamente suborinata all'arcivescovo di Salisburgo. Fu nel XIII secolo che il vescovato di Ratisbona ottenne la qualificazione di 'Principato Vescovile e come tale divenne uno stato temporale del Sacro Romano Impero.

Con la Reichsdeputationshauptschluss del 1803, il vescovato venne unito ad altri territori per formare l'Arcivescovato di Ratisbona con a capo Karl Theodor Anton Maria von Dalberg, ecclesiastico distintosi per una estrema vicinanza alla causa rivoluzionaria francese prima ed a Napoleone stesso poi, riuscendo quindi ad trattenere solo formalmente il ruolo religioso e divenendo principe di un vero e proprio stato posto sotto la protezione della Confederazione del Reno. Nel 1810, il Principato di Ratisbona divenne parte del Regno di Baviera anche se Dalberg ne mantenne la reggenza episcopale. Il Concordato stilato con la Baviera nel 1817 alla morte di Dalberg degradò l'arcidiocesi al grado di semblice diocesi da subordinarsi all'arcivescovo di Monaco e Frisinga, ma non ne restaurò più il potere temporale, ripristinando solo l'attuale diocesi di Ratisbona.

Principi-Vescovi di Ratisbona (sino al 1808)[modifica | modifica sorgente]

Perdita del potere temporale nel 1803. Viene ripristinata la diocesi di Ratisbona dal 1817.

Argomenti correlati[modifica | modifica sorgente]