Per tutte le volte che... (singolo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Per tutte le volte che...
ValerioScanuTutteLeVolteVideo.jpg
Screenshot del video musicale del brano
ArtistaValerio Scanu
Tipo albumSingolo
Pubblicazione16 febbraio 2010
Durata3:57
Album di provenienzaPer tutte le volte che...
GenerePop
EtichettaEMI
Registrazione2010
Formatidownload digitale
Certificazioni
Dischi di platinoItalia Italia[1]
(vendite: 50 000+)
Valerio Scanu - cronologia
Singolo precedente
(2009)
Singolo successivo
(2010)

Per tutte le volte che... è un brano musicale del cantante italiano Valerio Scanu, pubblicato il 17 febbraio 2010 dall'etichetta discografica EMI, come primo singolo estratto dal suo secondo album in studio, intitolato anch'esso Per tutte le volte che....

Il brano e la partecipazione a Sanremo[modifica | modifica wikitesto]

Il cantante ha partecipato al Festival di Sanremo 2010 con questo brano che, eliminato dopo la prima esecuzione avvenuta durante la seconda serata della manifestazione, è stato ripescato al termine della quarta serata, risultando poi il più votato nella finale e venendo proclamato vincitore della gara.

Il brano è stato eseguito al Festival di Sanremo sotto la direzione del maestro Peppe Vessicchio e interpretato, durante la quarta serata dedicata ai duetti, insieme ad Alessandra Amoroso, vincitrice nel 2009 dell'ottava edizione del talent show Amici di Maria De Filippi, che aveva visto lo stesso Scanu classificarsi secondo.[2]

È stato composto da Pierdavide Carone, concorrente della nona edizione del citato programma, che era in svolgimento durante la partecipazione del brano a Sanremo.[2] Scanu, in un'intervista durante la quale gli è stato chiesto cosa lo avesse colpito del testo di Carone, ha dichiarato: Mi ha colpito il fatto che dopo cinque giorni me lo ricordavo ancora, e soprattutto la fluidità del testo.[3] Il brano era stato in un primo momento annunciato dall'ufficio stampa del Festival con il titolo Un attimo con te.[4]

Il video[modifica | modifica wikitesto]

Sono state pubblicate due versioni ufficiali del video.[5] La prima versione, diretta da Gaetano Morbioli è ambientata a Milano e mostra un momento intimo del cantante, mentre la seconda mostra il percorso di una storia di amore, interpretata da due giovani innamorati.[5][6]

Il video musicale ha vinto nella categoria My TRL Best Video ai TRL Awards 2010.[7]

La parodia di Elio e le Storie Tese[modifica | modifica wikitesto]

Della canzone è stata fatta una parodia da parte del gruppo musicale Elio e le Storie Tese, in cui si fa riferimento al fatto che Maurizio Costanzo possa aver aiutato Scanu a vincere il festival.[8]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Download digitale
  1. Per tutte le volte che... - 3:57 (Pierdavide Carone)

Successo commerciale[modifica | modifica wikitesto]

Poco dopo la pubblicazione il singolo supera i 30.000 download divenendo platino digitale,[1] e in seguito premiato dal comico Beppe Braida ai Wind Music Awards 2010.

È stato l'undicesimo singolo più venduto in Italia nel 2010 secondo FIMI.

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2010) Posizione
massima
Italia[9] 1
Svizzera[10] 30

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Trinità: tutto pronto per accogliere Valerio Scanu - Quotidiano online della provincia di Cuneo
  2. ^ a b Andrea Laffranchi, "Amici" verso Sanremo con la De Filippi Records, in Corriere della Sera, 7 febbraio 2010, p. 39. URL consultato il 18-02-2010 (archiviato dall'url originale in data pre 1/1/2016).
  3. ^ intervista con Marco e Giò a Radio Kiss Kiss, in Radio Kiss Kiss, 02 marzo 2010.
  4. ^ Sanremo 2010: Valerio Scanu presenta “Per tutte le volte che”, su musicroom.it. URL consultato il 23 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 23 dicembre 2015).
  5. ^ a b Per tutte le volte che i due video ufficiali
  6. ^ info video Archiviato il 9 marzo 2010 in Internet Archive.
  7. ^ Best Trl Video
  8. ^ Elio e le Storie Tese cantano Per tutte le volte che di Valerio Scanu Archiviato il 27 febbraio 2010 in Internet Archive.
  9. ^ FIMI, Classifica 8 del 2010, su fimi.it. URL consultato il 06-03-2010 (archiviato dall'url originale il 25 ottobre 2012).
  10. ^ Italiancharts