...e dirsi ciao/Ma che giornata strana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
...e dirsi ciao/Ma che giornata strana
Matiabazar.gif
I Matia Bazar vincitori al Festival di Sanremo 1978 con il brano ...e dirsi ciao
ArtistaMatia Bazar
Tipo albumSingolo
Pubblicazionefebbraio 1978
Album di provenienzanessuno
GenereMusica leggera
Pop
EtichettaAriston
ProduttorePaolo Cattaneo (lato A)
Salvatore Stellita (lato B)
ArrangiamentiMatia Bazar
Formati7"
Matia Bazar - cronologia
Singolo precedente
(1977)
Singolo successivo
(1978)

...e dirsi ciao/Ma che giornata strana è il settimo 45 giri dei Matia Bazar, pubblicato dalla Ariston (catalogo AR 00823) nel 1978[1][2][3].

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Raggiunge la prima posizione nella classifica dei singoli più venduti in Italia nel 1978[4].

Sulla copertina è presente l'intero gruppo[5].

...e dirsi ciao[modifica | modifica wikitesto]

Mai incluso in un album ufficiale, neppure in Semplicità pubblicato lo stesso anno, ma solo in qualche raccolta e spesso col titolo privo dei puntini iniziali.

Nella canzone, scritta e composta da tutto il gruppo, Cassano è la voce solista e Matia esegue i vocalizzi del ritornello privo di parole[6].

Brano con cui il gruppo, alla seconda partecipazione, vince il Festival di Sanremo 1978[7]. Nel confronto della fase finale fra i primi classificati di tre categorie, i "Complessi" (Matia Bazar con 34 voti su 45) superano sia i "Solisti" (30 voti per Anna Oxa con Un'emozione da poco) sia i "Cantautori" (17 voti per Rino Gaetano con Gianna).

Y decir, chao[modifica | modifica wikitesto]

Versione in spagnolo di E dirsi ciao (lett. "E dire, ciao") compasa nel 1978 nell'album Sencillez insieme ad altre traduzioni di successi. Quest'album è una raccolta di canzoni destinate al mercato latino, piuttosto che una versione in spagnolo del corrispondente album Semplicità pubblicato in Italia nello stesso anno.

Il brano sarà poi incluso rimasterizzato nella raccolta in CD e LP Grandes éxitos (1996).

Da non confondere con il titolo della raccolta per i mercati latini intitolata Y decirse ciao... pubblicata nel 1999 e che contiene anche il brano, riportato con lo stesso titolo dell'album.

Ma che giornata strana[modifica | modifica wikitesto]

Estratto dall'album Matia Bazar 1 del 1976.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Lato A
  1. ...e dirsi ciao[6] – 4:48 (testo: Giancarlo Golzi, Aldo Stellita – musica: Antonella Ruggiero, Piero Cassano, Carlo Marrale)
Lato B
  1. Ma che giornata strana – 4:44 (testo: Aldo Stellita – musica: Piero Cassano, Carlo Marrale)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Discografia singoli, Matia Bazar, sito ufficiale. URL consultato il 17 gennaio 2014.
  2. ^ Matia Bazar: discografia singoli, Hit Parade Italia. URL consultato il 17 gennaio 2014.
  3. ^ Scheda singolo, in Discografia Nazionale della Canzone Italiana, ICBSA. URL consultato il 17 gennaio 2014.
  4. ^ Classifica vendite singoli 1978, Hit Parade Italia. URL consultato il 17 gennaio 2014.
  5. ^ Copertina e recensione, 45 Mania. URL consultato il 17 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º novembre 2013).
  6. ^ a b c d Video, testo e accordi, Sanremo 2011 blogspot. URL consultato il 17 gennaio 2014.
  7. ^ Canzone e testo vincitore, in festival - storia - anno 1978, Viva Sanremo. URL consultato il 17 gennaio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]