Lucie Šafářová

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lucie Šafářová
Safarova US16 (10) (29236429173).jpg
Lucie Šafářová nel 2016
Nazionalità Rep. Ceca Rep. Ceca
Altezza 177 cm
Peso 62 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 417 - 295 (58,57%)
Titoli vinti 7 WTA, 7 ITF
Miglior ranking 5ª (14 settembre 2015)
Ranking attuale 28ª (3 aprile 2017)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open QF (2007)
Francia Roland Garros F (2015)
Regno Unito Wimbledon SF (2014)
Stati Uniti US Open 4T (2014, 2017)
Altri tornei
Tour Finals RR (2015)
Olympic flag.svg Giochi olimpici 3T (2008)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 164 - 133 (55,22%)
Titoli vinti 14 WTA, 1 ITF
Miglior ranking 1ª (21 agosto 2017)
Ranking attuale 1ª (2 settembre 2017)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open V (2015, 2017)
Francia Roland Garros V (2015, 2017)
Regno Unito Wimbledon QF (2014, 2015)
Stati Uniti US Open V (2016)
Altri tornei
Tour Finals F (2016)
Olympic flag.svg Giochi olimpici Bronzo (2016)
Palmarès
2011 2012
2014 2015
Fed CupRep. Ceca Rep. Ceca
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 3 aprile 2017

Lucie Šafářová (Brno, 4 febbraio 1987) è una tennista ceca.

Ha vinto 7 titoli WTA. I suoi migliori risultati negli slam sono una finale all'Open di Francia 2015, dove ha eliminato Marija Šarapova e Ana Ivanović, una semifinale a Wimbledon 2014, in cui ha battuto Dominika Cibulková e Ekaterina Makarova, e un quarto di finale agli Australian Open 2007, dove ha battuto fra le altre anche Amélie Mauresmo e Francesca Schiavone.

Ha disputato sedici finali vincendone sette: ad Estoril, Forest Hills (2 volte), Gold Coast, Québec, Doha e Praga.

In doppio ha conquistato 15 titoli WTA, tra cui l'Australian Open 2015 e 2017 e gli Open di Francia 2015 e 2017, insieme a Bethanie Mattek-Sands, diventando numero 1 del mondo il 21 agosto 2017.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

2003 - 2004[modifica | modifica wikitesto]

La giovane ceca si affaccia nel circuito ITF dove raggiunge due semifinali, a Greenville e a Ostrava, ed una finale a Valasske Mezirici.

Nel 2004 la Safarova vince il primo titolo ITF a Bergamo come lucky loser. Successivamente, dopo un periodo costellato da brutti risultati, vince il secondo titolo ITF dell'anno e della carriera a Båstad. Nel suo primo Grande Slam agli US Open esce al secondo turno delle qualificazioni. Nel resto della stagione perde due finali: ad Ashburn e a Valasske Mezirici, come l'anno precedente.

2005 - 2006[modifica | modifica wikitesto]

Inizia l'anno ad Auckland uscendo di scena al secondo turno. Vince il suo terzo ITF a Capriolo perdendo solo un set. Si qualifica al WTA di Doha ma viene eliminata al primo turno. Successivamente vince il suo quarto ITF a Redding ed il suo primo torneo WTA all'Estoril partendo dalle qualificazione, ed eliminando nel corso del torneo tre teste di serie, Virginia Ruano Pascual al primo turno, Gisela Dulko e Li Na rispettivamente in semifinale ed in finale. Viene ripescata come lucky loser al Roland Garros ma viene eliminata da Nicole Vaidišová. Vince il suo quinto titolo ITF a Protejov. Nel suo primo torneo in assoluto su erba a s'Hertogenbosch, giunge in finale ma nell'atto conclusivo è la connazionale Klára Zakopalová a sbarrarle la strada sconfiggendola con il punteggio di 3-6 6-2 6-2. Ad agosto vince il suo secondo titolo WTA dell'anno e della carriera a Forest Hills battendo in finale Sania Mirza per 3-6 7-5 6-4. Nel finale di stagione raggiunge le semifinale all'Itf di Poiters.

Inizia il 2006 vincendo il suo terzo titolo WTA a Gold Coast battendo tra le altre Patty Schnyder e Dinara Safina, due top 20. Il resto della stagione è deludente per la ceca che raggiunge i migliori risultati sulla terra giungendo alle semifinali ad Amelia Island, battuta dalla Petrova, e a Palermo, battuta dalla Medina Garrigues.

2007 - 2008[modifica | modifica wikitesto]

Il 2007 è l'anno della svolta della Safarova. All'Australian Open giunge ai quarti battendo Francesca Schiavone e la n. 3 del mondo Amélie Mauresmo. A Parigi arriva in finale eliminando nel corso del torneo tre top ten, Nicole Vaidišová al secondo turno, Svetlana Kuznecova ai quarti e Justine Henin n. 2 del mondo nella semifinale. In finale, avanti di un set contro la Petrova, si fa rimontare e cede 4-6 6-1 6-4. Agli Open di Francia batte al terzo turno Amelie Mauresmo per la seconda volta, ma agli ottavi la russa Čakvetadze la sconfigge 4-6 6-0 6-2. A Wimbledon raggiunge per la prima volta il terzo turno ma, dopo un match durato poco più di tre ore, la serba Jelena Janković vince per 5-7 7-6(4) 6-2. Agli US Open giunge al terzo turno e a batterla è la Bartoli per 4-6 6-2 6-3. A fine anno fa registrare il suo best ranking al n.°22.

Il 2008 è un anno deludente e bisogna attendere giugno per il suo miglior risultato stagionale giungendo ai quarti a Barcellona. Alla sua prima olimpiade raggiunge il terzo turno ma viene eliminata dall'austriaca Sybille Bammer 7-5 6-4. Vince il quarto titolo WTA per la seconda volta a Forest Hills battendo in finale la cinese Peng 6-4 6-2.

2009 - 2011[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009, giunge ai quarti a Brisbane e al terzo turno a Melbourne ma viene eliminata rispettivamente contro Victoria Azarenka e Marion Bartoli. Raggiunge il secondo, il terzo ed il quarto quarto di finale dell'anno a Memphis, a Monterrey ed a Barcellona cedendo contro Sabine Lisicki, Li Na e Francesca Schiavone. A Madrid giunge al terzo turno e vince il secondo set contro la n. 1 del mondo Dinara Safina per poi perdere 6-3 al terzo set. A Toronto, partendo dalle qualificazioni, batte in sequenza Kaia Kanepi, l'ex n. 1 del mondo Ana Ivanović e la cinese Jie Zheng, prima di arrendersi a Serena Williams. A Quebec City viene sconfitta nell'atto conclusivo da Melinda Czink per 4-6 6-3 7-5.

Nel 2010 esce di scena ai quarti a Brisbane per mano della rientrante Kim Clijsters, dopo averle strappato un set vinto per 6-0. Un mese dopo arriva nell'atto conclusivo del torneo di Parigi battendo in sequenza Paszek, Schiavone, Peer, Pennetta prima di arrendersi ad Elena Dement'eva. Sulla terra rossa fa registrare buoni risultati. A Stoccarda giunge ai quarti eliminando al secondo turno la n. 2 del mondo Caroline Wozniacki, a Roma ripete i quarti eliminando in sequenza Ol'ga Govorcova, Flavia Pennetta ed Agnieszka Radwańska. A Madrid batte sorprendendo tutti Marija Šarapova al primo turno, la Govorcova al secondo, Alexandra Dulgheru al terzo e la Petrova. Nella sua prima semifinale in un Premier Mondadory si ritira contro Aravane Rezaï quando era sotto di un set. Nel resto della stagione raggiunge due semifinali, la prima a Båstad, battuta sempre dalla Rezaï, e la seconda a Quebec City, battuta dalla Mattek-Sands.

Lucie Safarova in azione allo US Open 2010

Inizia il 2011 raggiungendo i quarti a Brisbane e il terzo turno a Melbourne eliminata rispettivamente da Pavljučenkova e Zvonarëva. Al torneo di Kuala Lumpur arriva nell'atto conclusivo, ma dopo aver mancato delle palle match viene punita dalla Dokić. A Madrid giunge ai quarti ma qui perde in tre set contro la n. 5 del mondo Viktoryja Azaranka. Nella sua seconda finale WTA dell'anno, viene battuta facilmente dalla Wozniacki. A Toronto giunge nuovamente ai quarti perdendo sempre da Serena Williams ma questa volta in tre set, 4-6 6-3 6-2. Agli US Open arriva per la seconda volta al terzo turno ma viene eliminata nettamente dalla rumena Monica Niculescu per 6-0 6-1. Nel finale di stagione raggiunge due semifinali. La prima a Linz battuta dalla Cibulková 6-1 6-4 e la seconda a Mosca battuta dalla Kanepi per 6-7(4) 6-4 6-3.

2012[modifica | modifica wikitesto]

Lucie Šafářová in allenamento al Brisbane International

Inizia male l'anno della Safarova che viene eliminata al primo del torneo di Brisbane da Iveta Benešová per 2-6 7-5 7-5. In seguito raggiunge i quarti a Sydney battendo Ivanović e Kuznecova, perdendo per 6-2 7-6(3) da Li Na. Perde nei primi turni a Melbourne e a Parigi, rispettivamente contro Christina McHale e Angelique Kerber. Arriva ai quarti a Doha battendo nel corso del torneo Wozniacki e Kuznecova, per poi perdere da Marion Bartoli per 7-5 4-6 6-1. Esce al secondo turno a Dubai contro Samantha Stosur e al quarto turno a Indian Wells ancora con Marion Bartoli. Perde sorprendentemente al secondo turno a Miami, dopo aver avuto un bye all'esordio, contro Heather Watson per 6-2 6-1. Arriva in finale a Charleston battendo nell'ordine Lučić-Baroni, Wozniak, Zvonarëva e Hercog, per poi perdere facilmente contro Serena Williams per 6-0 6-1. Aiuta la sua nazionale in Fed Cup battendo Francesca Schiavone per 7-6(3) 6-1. Perde al primo turno a Stoccarda contro Li Na per 7-6(4) 6-4. Raggiunge il terzo turno nel torneo di Madrid per poi ritirarsi contro Marija Šarapova al terzo turno. Nell'ITF di Praga vince il torneo battendo in finale Klára Zakopalová per 6-3 7-5. Delude al Roland Garros dove dopo aver vinto il primo turno per 6-2 6-0 contro Nastas'sja Jakimava, perde al secondo per 6-4 7-5 contro María José Martínez Sánchez. Inizia la stagione sull'erba e la ceca gioca ad Eastbourne, dove supera ai primi turni la giovane Tímea Babos per 3-6 6-3 7-6(6) e la tennista di casa Heather Watson con il punteggio di 7-6(5) 6-1 per poi soccombere da Marion Bartoli 6-4 6-2. Esce inaspettatamente al primo turno a Wimbledon contro la speranza olandese Kiki Bertens per 6-3 6-0 in 50 minuti. Ritorna a giocare alle Olimpiadi perdendo contro un'altra giovane tennista Laura Robson per 7-6(4) 6-4. La settimana dopo si presenta a Montréal ricevendo un bye all'esordio ed eliminando al secondo turno la kazaka Sesil Karatančeva con un doppio 6-4, al terzo turno riesce a battere la n.° 5 del mondo Samantha Stosur con un doppio tie-break e nei quarti si sbarazza dell'italiana Roberta Vinci per 6-2 6-2. Sfuma la sua finale più importante della sua carriera contro Li Na, il primo set la Safarova lo vince 6-3, mentre nel secondo la cinese si ripete con lo stesso punteggio, nel terzo set la ceca, avanti 5-1, si fa rimontare e perde 7-5. Questo risultato le vale il best ranking al n. 19. Al torneo di Cincinnati esce al primo turno per mano della kazaka Jaroslava Švedova 6-3 6-4. Nonostante l'uscita di scena al primo turno, il 20 agosto migliora nuovamente il ranking al n.°17. A New Haven supera il primo turno sfruttando il ritiro dell'uzbeko-americana Varvara Lepchenko sul punteggio di 6-3 4-1 in favore della ceca. Nel secondo turno domina la cinese Jie Zheng 6-4 6-0, ma esce nei quarti per mano della connazionale Kvitová con un doppio 6-3. Agli US Open esordisce nei migliori dei modi battendo al primo turno l'americana Melanie Oudin 6-4 6-0; segue un'altra vittoria al secondo turno contro la canadese Aleksandra Wozniak per 6-4 3-6 6-2, per poi soccombere da Nadia Petrova al terzo turno per 6-4 7-5, dopo essere stata nel secondo set avanti di un break. Ritorna a giocare a Tokyo superando al primo turno Cvetana Pironkova 6-4 7-6(3) e al secondo Klára Zakopalová per ritiro; viene fermata la terzo turno da Marija Šarapova per 6-2 7-6(5). La settimana dopo prende parte a Pechino e viene sconfitta piuttosto nettamente da Monica Niculescu per 6-2 6-0, confermando di soffrire il gioco della rumena nonostante veniva da un infortunio al polso. Al torneo di Linz entra come testa di serie n. 4, ma viene già sconfitta all'esordio per mano di Sofia Arvidsson, con il puntaggio di 3-6 6-2 7-5. Partecipa la settimana successiva al torneo di Mosca come ultima testa di serie, ed eliminando al primo turno la wild-card russa Margarita Gasparyan in tre set, 6-3 4-6 6-2; al secondo ostacolo viene sconfitta da Klára Zakopalová con un doppio 6-4. Nella finale di Fed Cup 2012 vince entrambi i singolari; batte nel primo incontro Ana Ivanović per 6-4 6-3, mentre nel secondo annichilisce Jelena Janković con un doppio 6-1, regalando la coppa alla sua nazionale.

2013[modifica | modifica wikitesto]

Lucie inizia l'anno al torneo di Brisbane rimediando una sconfitta al primo turno, per mano di Sabine Lisicki. In doppio, in coppia con Anastasija Pavljučenkova, perdono nei quarti contro Hantuchová/Srebotnik. A Sydney, perde al primo turno in singolare questa volta da Madison Keys. In doppio, con Dominika Cibulková, perde all'esordio contro Huber/Mirza. All'Australian Open 2013 viene battuta al secondo ostacolo da Bojana Jovanovski. In doppio, con Anastasija Pavljučenkova, raggiungono i quarti di finale, ma vengono fermate dalle australiane Barty/Dellacqua. Nel mese di febbraio, raggiunge i quarti in singolare al Paris indoor fermata dalla lucky loser Kiki Bertens; in doppio, sempre con Anastasija Pavljučenkova, si ritirano in semifinale, senza nemmeno scendere in campo a causa di un problema al ginocchio destro della Safarova. In seguito gioca a Doha, perdendo al secondo turno contro Christina McHale; in doppio, questa volta con Andrea Hlaváčková, perdono nei quarti contro Petrova/Srebotnik. Al torneo di Dubai, perde all'esordio contro Caroline Wozniacki; in doppio, con Anastasija Pavljučenkova, perdono nei quarti.

A marzo, perde all'esodio sia ad Indian Wells, perdendo contro Magdaléna Rybáriková, sia a Miami, contro Romina Oprandi. In doppio, gioca in entrambi i casi con Anastasija Pavljučenkova, uscendo di scena al primo turno ad Indian Wells e al secondo a Miami. Ad aprile, conquista i quarti a Charleston, fermandosi poi contro Serena Williams. In doppio, con Kristina Mladenovic, conquista il titolo battendo in finale Hlaváčková/Huber. A Stoccarda, gioca alla pari ma alla fine deve cedere nel secondo turno contro la numero 2 del mondo Marija Šarapova in un match durato più di tre ore; in doppio, con l'amica Anastasija Pavljučenkova, perdono all'esordio contro la coppia Jurak/Marosi.

Lucie agli US Open 2013

Nel mese di maggio, va fuori al primo turno a Madrid per mano di Ekaterina Makarova, mentre in doppio vince il titolo insieme ad Anastasija Pavljučenkova battendo in finale la coppia Black/Eraković per 6-2, 6-4. Si rituffa nel circuito ITF per giocare il torneo di Praga, vincendolo in finale contro la romena Alexandra Cadanțu in tre set. Si presenta al Roland Garros come numero 25 del seeding ma viene subito sconfitta al primo turno per mano della statunitense Jamie Hampton per 7-6, 3-6, 9-7. In doppio lei ed Anastasija Pavljučenkova, raggiungono i quarti di finale dove cedono alle terze teste di serie Nadia Petrova e Katarina Srebotnik.

Partecipa poi al nuovo torneo disputatosi a Norimberga dove esce sconfitta solo in semifinale dalla futura vincitrice Simona Halep al terzo set. La settimana seguente prende parte ad Eastbourne dove viene battuta ancora dalla Hampton questa volta nei quarti. In doppio, gioca questa volta con Hao-Ching Chan e raggiungono i quarti dove perdono dal duo italo-russo Pennetta/Vesnina. A Wimbledon perde al secondo turno contro Karin Knapp, mentre in doppio lei e la Pavljučenkova vengono subito sconfitte dal team Aoyama/Scheepers.

Il 15 settembre si aggiudica il suo quinto titolo WTA della carriera al torneo del Québec battendo in finale la neozelandese Marina Eraković con il punteggio di 6-4, 6-3.

2014[modifica | modifica wikitesto]

Lucie a Dubai 2014

L'anno di Lucie si apre con il torneo di Auckland dove viene accreditata della testa di serie numero 6, ma viene battuta subito al primo turno in due set dalla Morita. Disputa anche il torneo di Sydney e batte al primo turno Francesca Schiavone, estromette al secondo la numero 6 del torneo Caroline Wozniacki, prima di essere sconfitta ai quarti da Petra Kvitová, numero 2 del seeding. Vince il suo primo torneo dell'anno in doppio con Tímea Babos sempre a Sydney battendo in 3 set in finale la coppia Sara Errani/Roberta Vinci. Agli Australian Open, batte la Glushko al primo turno, la Hradecká nel secondo, ma viene estromessa dalla futura vincitrice del torneo Li Na in tre set, dopo che alla ceca è stato annullato un match point sul 6-1 6-5.

La tennista ceca partecipa al torneo di Doha e vince la partita d'esordio in una splendida battaglia durata 3 set contro Kirsten Flipkens numero 16 del tabellone, estromette in 3 set Peng Shuai nel secondo turno ma esce di scena nel derby ceco nuovamente con Petra Kvitová nel terzo turno. Sia ad Indian Wells che a Miami, esce al terzo turno. Nel primo caso sconfitta da Simona Halep, nel secondo da Marija Šarapova in una bellissima partita. A Charleston esce di scena ai quarti contro la tedesca Andrea Petković, poi futura vincitrice.

A Wimbledon giunge in semifinale senza perdere un set, dove viene sconfitta dalla connazionale Petra Kvitová in due set, poi vincitrice del torneo. Il 18 agosto raggiunge il 15º posto in classifica, entrando per la prima volta in carriera nella top-15

Il buono stato di forma si conferma anche sul cemento americano. Malgrado la sconfitta al primo turno a Washington DC, a Montréal e Cincinnati viene eliminata agli ottavi rispettivamente da Serena Williams e Simona Halep, giocatrici in testa alla classifica WTA. Agli US Open, viene eliminata al quarto turno dalla futura semifinalista del torneo, Shuai Peng. In seguito a questi risultati, raggiunge un nuovo best ranking come numero quattordici del mondo.

2015: La prima finale Slam e i successi in doppio[modifica | modifica wikitesto]

Lucie con Bethanie Mattek-Sands, coppia vincitrice degli Australian Open e dell'Open di Francia nel 2015

Lucie comincia l'anno alla Hopman Cup, dove gioca insieme ad Adam Pavlasek.

Agli Australian Open, viene eliminata al primo turno in singolare da Jaroslava Švedova. In coppia con la statunitense Bethanie Mattek-Sands, si aggiudica, invece, il torneo di doppio, battendo in finale Yung-Jan Chan e Jie Zheng con il punteggio di 6-4, 7-65. Vince il primo titolo stagionale a Doha dove batte in sequenza: Samantha Stosur (7-6 6-4), Ekaterina Makarova (6-2 6-7 6-3), Andrea Petković (6-2 6-1), Carla Suárez Navarro (6-3 6-2), Viktoryja Azaranka (6-4 6-3). Con questo risultato raggiunge il suo nuovo best ranking a numero 11 del mondo. Ad Indian Wells entra nel main-draw come testa di serie numero 10 e di conseguenza ha un bye al primo turno. Al secondo batte la teutonica Mona Barthel per 6-4 7-6(4) ma il suo cammino si interrompe al terzo turno, sconfitta da una brillante Elina Svitolina che la spunta in 2 set tirati, per 6(5)-7 5-7. Dopodiché partecipa al torneo di Miami, dove perde però al primo turno contro Johanna Larsson, per 65-7 2-6. In Fed Cup contribuisce al passaggio in finale della Repubblica Ceca, battendo in tre set Caroline Garcia. Dopo 2 primi turni a Stoccarda e Praga, a Madrid sconfigge Alison Riske (6-4 6-2), Cvetana Pironkova (6-3 6-1), Roberta Vinci (6-4 66-7 6-0) prima di perdere in 3 combattutissimi set dalla Kuznecova, con lo score di 7-5 65-7 63-7. A Roma vince al primo turno Anna Karolína Schmiedlová 7-66 63-7 6-4 ma al secondo viene eliminata dalla qualificata Alexandra Dulgheru, 66-7 al terzo. Disputa un ottimo Open di Francia raggiungendo la sua prima finale in un torneo dello Slam senza perdere un set, battendo nell'ordine Anastasija Pavljučenkova, Kurumi Nara, Sabine Lisicki, la detentrice del torneo Marija Šarapova, Garbine Muguruza ed Ana Ivanović. Si arrende in finale contro la numero 1 del mondo Serena Williams con il punteggio di 6-3, 62-7, 6-2. Con questo risultato raggiunge la settima posizione migliorando il suo best ranking.

Comincia la stagione sull'erba per Lucie. Questa si apre a Eastbourne dove però viene sconfitta al secondo turno da Dominika Cibulková in 2 set. A Wimbledon entra come sesta serie di serie: al primo turno rimonta un set a Alison Riske (3-6 7-5 6-3). Al secondo si impone nettamente su Hsieh Su-Wei per 6-2 6-3 mentre al terzo doma Sloane Stephens in tre set, con lo score di 3-6 6-3 6-1. Al quarto turno si arrende, a sorpresa, all'americana Coco Vandeweghe, per 7-6(1) 7-6(4). Dopodiché, a Toronto, Šafářová perde immediatamente dopo il bye al primo turno da Daria Gavrilova. A Cincinnati, invece, dopo il bye, elimina la Vandeweghe per 6-4 7-5 e al terzo turno approfitta del ritiro di Belinda Bencic mentre ai quarti si arrende ad Elina Svitolina per 4-6 6-2 6-0. A New Haven è quarta testa di serie e dopo due vittorie agevoli su Daria Gavrilova e Irina-Camelia Begu, ai quarti vince un'incredibile battaglia contro Dominika Cibulková per 6(4)-7 6-4 7-5 mentre in semifinale batte la lucky loser Lesja Curenko in 2 set. In finale affronta la connazionale Petra Kvitová, tds numero 2. La finale, dopo una battaglia, viene vinta da Petra in 3 set, per 6(6)-7 6-2 6-2. Agli US Open e a Linz perde al primo turno, complice un'infezione batterica. A Mosca viene sconfitta da Anastasija Pavljučenkova dopo un bye. Lucie riesce, per la prima volta in carriera, a qualificarsi per le WTA Finals di Singapore come 8° testa di serie. La ceca perde le prime due partite con Muguruza e con Kvitová, prima di vincere il suo unico match del round robin contro la Kerber. Nonostante il fatto che Kvitová, Kerber e Lucie avessero tutte 1 vittoria a carico, per la differenza di set vinti/persi ad accedere alle semifinali è la Kvitová come seconda. Lucie chiude comunque l'anno a numero 9 del mondo.

2016: 3º titolo Slam e bronzo Olimpico in doppio[modifica | modifica wikitesto]

Lucie Šafářová nel 2016

Šafářová decide di non prendere parte agli Australian Open per via dell'infezione batterica che già l'aveva limitata agli US Open. La sua stagione si avvia per cui a Doha dove perde, in 2 set, da Çağla Büyükakçay al primo turno. Anche ad Indian Wells e a Miami, dopo un bye al primo turno, si arrende al secondo turno, rispettivamente a Jaroslava Švedova (6-3 6-4) e Yanina Wickmayer (6-2 6-3). A Charleston è quarta testa di serie e, dopo un bye al primo turno, viene superata da Louisa Chirico con un doppio 6-3. Comincia la stagione sul rosso a Stoccarda, dove viene piegata da Karolína Plíšková in 3 lottati set. Nella settimana successiva si presenta a Praga, nel torneo di casa, dove è testa di serie numero 2. Dopo la vittoria sulla Duque-Marino in rimonta, approfitta del ritiro di Lucie Hradecká, quando la top-15 era avanti di un set e di un break. Nei quarti si impone su Hsieh Su-wei per 7-6(3) 7-5. In semifinale sfida la terza testa di serie e campionessa in carica Karolina Pliskova: nel primo set è un break a decidere il parziale in favore di Lucie, che vince 6-4. Nel secondo è Pliskova, che vola sul 3-0 ma, sul 4-2, la Šafářová ottiene il contro-break e le due concludono il parziale al tie-break. In questa circostanza, la seconda testa di serie si impone 7-4 portando a casa il match e avendo la possibilità di giocare la 16° finale della carriera. Qui trova Samantha Stosur, che in precedenza ha usufruito del W/O di Svetlana Kuznecova. La finale viene vinta dalla tennista di casa, che batte l'avversaria per 3-6 6-1 6-4 in 2 ore di gioco. Per Lucie si tratta del 7º titolo in carriera, il secondo conquistato sulla terra rossa. Partecipa poi al torneo di Madrid dove, dopo la vittoria su Coco Vandeweghe, lascia il walk over alla Stosur al secondo turno. A Roma batte la wild-card di casa Francesca Schiavone per 6-3 6-2 per poi essere eliminata da Misaki Doi in 2 set. Al Roland Garros difende la finale conseguita nel 2015: dopo 2 successi agevoli su Vitalija D'jačenko e Viktorija Golubic viene superata al terzo turno da Samantha Stosur per 6-3 6(0)-7 7-5. Non avendo replicato il risultato dell'annata precedente, Lucie perde 16 posizioni, ritrovandosi 29º. Dopodiché si avvia per la ceca la stagione sull'erba: a Birmingham perde subito per mano della connazionale Petra Kvitová. A Eastbourne, dopo un bye, viene estromessa da Anna-Lena Friedsam (7-6(5) 6-4). Fa infine tappa a Wimbledon. Al primo turno elimina la compagna di doppio Bethanie Mattek-Sands, annullandole 2 match-points. Al secondo turno prevale su Samantha Crawford per 6-3 6-4 mentre al terzo turno vince una partita infinita contro Jana Čepelová (4-6 6-1 12-10) ma agli ottavi viene estromessa da Jaroslava Švedova (6-2 6-4). Nei cinque successivi tornei (Montréal, Olimpiadi, Cincinnati, US Open e Tokyo) raccoglie solo 2 successi: uno ai Giochi Olimpici, contro Karin Knapp, uno nello slam americano contro la Gavrilova. Nel doppio, alle Olimpiadi, in coppia con Barbora Strýcová, vincono la medaglia di bronzo, battendo nella "finalina" la coppia Hradecká/Hlaváčková per 7-5 6-1.[1] Insieme alla Mattek, conquistano lo US Open 2016 a discapito delle finaliste Caroline Garcia/Kiki Mladenovic. Per loro si tratta del 3º titolo slam della carriera. Con il successo in doppio di Wuhan, le 2 si sono infine garantite l'accesso al Master di fine anno. Qui la coppia raggiunge la finale dove viene però sconfitta dalle russe Ekaterina Makarova/Elena Vesnina, con il punteggio di 7-6 6-3.

2017: 4º e 5º titolo slam nel doppio e numero 1 del mondo[modifica | modifica wikitesto]

Inizia il nuovo anno nel miglior modo possibile, conquistando insieme alla Mattek-Sands, il quarto titolo slam di doppio, l'Australian Open, sconfiggendo in finale la cinese Peng Shuai e la ceca Andrea Hlaváčková con il punteggio di 6-7 6-3 6-3. A fine gennaio raggiunge la semifinale del WTA di Taipei, sconfitta per 6-4 6-2 dalla futura vincitrice, Peng Shuai. Raggiunge anche la finale sul cemento di Budapest, battuta dalla padrona di casa Tímea Babos per 6-7 6-4 6-3. Viene eliminata ai quarti di finale del Miami Open dalla danese Caroline Wozniacki per 6-4 6-3. Insieme alla sua compagna Mattek-Sands, vince il torneo di Charleston battendo la coppia di tenniste ceche formata da Lucie Hradecká e Kateřina Siniaková con lo score di 6-1 4-6 10-7. Sempre in doppio, in coppia con Bethanie Mattek-Sands vince il suo quinto slam in carriera al Roland Garros sconfiggendo in finale la coppia di australiane composta da Ashleigh Barty e Casey Dellacqua con il punteggio di 6-2 6-1. Il 2017 della Šafářová procede con una semifinale sull'erba di Nottingham e un'altra a Birmingham. Il 21 agosto 2017, dopo aver raggiunto in doppio la semifinale al Western & Southern Open in coppia con la connazionale Barbora Strýcová, raggiunge la posizione numero 1 nella classifica di doppio.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (7)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda: Prima del 2009 Legenda: Dal 2009
Grande Slam (0)
WTA Championships (0)
Tier I (0) Premier Mandatory (0)
Tier II (0) Premier 5 (0)
Tier III (1) Premier (1)
Tier IV & V (3) International (2)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 1º maggio 2005 Portogallo Estoril Open, Estoril Terra rossa Cina Li Na 6(4)-7, 6-4, 6-3
2. 20 agosto 2005 Stati Uniti Forest Hills Tennis Classic, Forest Hills Cemento India Sania Mirza 3-6, 7-5, 6-4
3. 7 gennaio 2006 Australia Australian Women's Hardcourt, Gold Coast Cemento Italia Flavia Pennetta 6-3, 6-4
4. 23 agosto 2008 Stati Uniti Forest Hills Tennis Classic, Forest Hills (2) Cemento Cina Peng Shuai 6-4, 6-2
5. 15 settembre 2013 Canada Bell Challenge, Québec Sintetico (i) Nuova Zelanda Marina Eraković 6-4, 6-3
6. 28 febbraio 2015 Qatar Qatar Ladies Open, Doha Cemento Bielorussia Viktoryja Azaranka 6-4, 6-3
7. 30 aprile 2016 Rep. Ceca J&T Banka Prague Open, Praga Terra rossa Australia Samantha Stosur 3-6, 6-1, 6-4

Sconfitte (10)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda: Prima del 2009 Legenda: Dal 2009
Grande Slam (1)
WTA Championships (0)
Tier I (0) Premier Mandatory (0)
Tier II (1) Premier 5 (0)
Tier III (1) Premier (3)
Tier IV & V (0) International (4)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 18 giugno 2005 Paesi Bassi Ordina Open, 's-Hertogenbosch Erba Rep. Ceca Klára Zakopalová 6-3, 2-6, 2-6
2. 5 febbraio 2007 Francia Open GDF Suez, Parigi Sintetico (i) Russia Nadia Petrova 6-4, 1-6, 4-6
3. 20 settembre 2009 Canada Bell Challenge, Québec Sintetico (i) Ungheria Melinda Czink 6-4, 3-6, 5-7
4. 14 febbraio 2010 Francia Open GDF Suez, Parigi (2) Cemento (i) Russia Elena Dement'eva 7-6(5), 1-6, 4-6
5. 6 marzo 2011 Malesia Malaysia Classic, Kuala Lumpur Cemento Australia Jelena Dokić 6-2, 6(9)-7, 4-6
6. 11 giugno 2011 Danimarca Danish Open, Copenaghen Cemento (i) Danimarca Caroline Wozniacki 1-6, 4-6
7. 8 aprile 2012 Stati Uniti Family Circle Cup, Charleston Terra verde Stati Uniti Serena Williams 0-6, 1-6
8. 6 giugno 2015 Francia Open di Francia, Parigi Terra rossa Stati Uniti Serena Williams 3-6, 7-6(2), 2-6
9. 29 agosto 2015 Stati Uniti Connecticut Open, New Haven Cemento Rep. Ceca Petra Kvitová 7-6(6), 2-6, 2-6
10. 26 febbraio 2017 Ungheria Hungarian Ladies Open, Budapest Cemento (i) Ungheria Tímea Babos 7-64, 4-6, 3-6

Doppio[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (15)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grande Slam (4)
WTA Championships (0)
Premier Mandatory (3)
Premier 5 (3)
Premier (4)
International (0)
N. Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 8 aprile 2012 Stati Uniti Family Circle Cup, Charleston Terra verde Russia Anastasija Pavljučenkova Spagna Anabel Medina Garrigues
Kazakistan Jaroslava Švedova
5-7, 6-4, [10-6]
2. 7 aprile 2013 Stati Uniti Family Circle Cup, Charleston (2) Terra verde Francia Kristina Mladenovic Rep. Ceca Andrea Hlaváčková
Stati Uniti Liezel Huber
6-3, 7-6(6)
3. 11 maggio 2013 Spagna Mutua Madrid Open, Madrid Terra rossa Russia Anastasija Pavljučenkova Zimbabwe Cara Black
Nuova Zelanda Marina Eraković
6-2, 6-4
4. 10 gennaio 2014 Australia Apia International Sydney, Sydney Cemento Ungheria Tímea Babos Italia Sara Errani
Italia Roberta Vinci
7-5, 3-6, [10-7]
5. 30 gennaio 2015 Australia Australian Open, Melbourne Cemento Stati Uniti Bethanie Mattek-Sands Taipei Cinese Chan Yung-jan
Cina Zheng Jie
6-4, 7-6(5)
6. 26 aprile 2015 Germania Porsche Tennis Grand Prix, Stoccarda Terra rossa (i) Stati Uniti Bethanie Mattek-Sands Francia Caroline Garcia
Slovenia Katarina Srebotnik
6-4, 6-3
7. 7 giugno 2015 Francia Open di Francia, Parigi Terra rossa Stati Uniti Bethanie Mattek-Sands Australia Casey Dellacqua
Kazakistan Jaroslava Švedova
3-6, 6-4, 6-2
8. 16 agosto 2015 Canada Rogers Cup, Toronto Cemento Stati Uniti Bethanie Mattek-Sands Francia Caroline Garcia
Slovenia Katarina Srebotnik
6-1, 6-2
9. 3 aprile 2016 Stati Uniti Miami Open, Miami Cemento Stati Uniti Bethanie Mattek-Sands Ungheria Tímea Babos
Kazakistan Jaroslava Švedova
6-3, 6-4
10. 11 settembre 2016 Stati Uniti US Open, New York Cemento Stati Uniti Bethanie Mattek-Sands Francia Caroline Garcia
Francia Kristina Mladenovic
2-6, 7-6(5), 6-4
11. 1º ottobre 2016 Cina Dongfeng Motor Wuhan Open, Wuhan Cemento Stati Uniti Bethanie Mattek-Sands India Sania Mirza
Rep. Ceca Barbora Strýcová
6-1, 6-4
12. 9 ottobre 2016 Cina China Open, Pechino Cemento Stati Uniti Bethanie Mattek-Sands Francia Caroline Garcia
Francia Kristina Mladenovic
6-4, 6-4
13. 27 gennaio 2017 Australia Australian Open, Melbourne (2) Cemento Stati Uniti Bethanie Mattek-Sands Rep. Ceca Andrea Hlaváčková
Cina Peng Shuai
64–7, 6–3, 6–3
14. 9 aprile 2017 Stati Uniti Volvo Car Open, Charleston (3) Terra verde Stati Uniti Bethanie Mattek-Sands Rep. Ceca Andrea Hlaváčková
Rep. Ceca Kateřina Siniaková
6-1, 4-6, [10-7]
15. 11 giugno 2017 Francia Open di Francia, Parigi (2) Terra rossa Stati Uniti Bethanie Mattek-Sands Australia Ashleigh Barty
Australia Casey Dellacqua
6-2, 6-1

Sconfitte (3)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda: Prima del 2009 Legenda: Dal 2009
Grande Slam (0)
WTA Championships (1)
Tier I (0) Premier Mandatory (0)
Tier II (0) Premier 5 (0)
Tier III (0) Premier (1)
Tier IV & V (1) International (0)
N. Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 3 agosto 2008 Svezia Nordea Nordic Light Open, Stoccolma Cemento Rep. Ceca Petra Cetkovská Rep. Ceca Iveta Benešová
Rep. Ceca Barbora Záhlavová-Strýcová
5-7, 4-6
2. 10 aprile 2016 Stati Uniti Volvo Car Open, Charleston Terra verde Stati Uniti Bethanie Mattek-Sands Francia Caroline Garcia
Francia Kristina Mladenovic
2-6, 5-7
3. 30 ottobre 2016 Singapore WTA Finals, Singapore Cemento (i) Stati Uniti Bethanie Mattek-Sands Russia Ekaterina Makarova
Russia Elena Vesnina
6(5)-7, 3-6

Statistiche ITF[modifica | modifica wikitesto]

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (7)[modifica | modifica wikitesto]

N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Score
1. 31 gennaio 2004 Bergamo, Italia Sintetico indoor Croazia Iva Majoli 3-6, 7-6(1), 6-1
2. 28 giugno 2004 Båstad, Svezia Terra rossa Slovacchia Lenka Tvaroskova 6-2, 6-0
3. 13 febbraio 2005 Capriolo, Italia Cemento indoor Bosnia ed Erzegovina Mervana Jugić-Salkić 6-4, 6-1
4. 28 marzo 2005 Redding, Stati Uniti d'America Cemento Croazia Ivana Lisjak 6-2, 6-3
5. 5 aprile 2005 Prostejov, Repubblica Ceca Terra rossa Italia Tathiana Garbin 6-4, 3-6, 6-3
6. 20 maggio 2012 Praga, Repubblica Ceca Terra rossa Rep. Ceca Klára Zakopalová 6-3, 7-5
7. 19 maggio 2013 Praga, Repubblica Ceca Terra rossa Romania Alexandra Cadanțu 3-6, 6-1, 6-1

Doppio[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (1)[modifica | modifica wikitesto]

N. Data Torneo Superficie Compagna Avversarie in finale Score
1. 26 ottobre 2008 Poitiers, Francia Sintetico (i) Rep. Ceca Petra Cetkovská Uzbekistan Akgul Amanmuradova
Romania Monica Niculescu
6-4, 6-4

Risultati in progressione[modifica | modifica wikitesto]

Sigla Risultato
V Vincitore
F Finalista
SF Semifinalista
O Oro olimpico
A Argento olimpico
SF Bronzo olimpico
QF Quarti di Finale
4T Quarto turno
3T Terzo turno
2T Secondo turno
1T Primo turno
RR Round Robin
LQ Turno di qualificazione
A Assente
ND Non disputato
Legenda superfici
Cemento
Terra battuta
Erba
Superficie variabile

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Torneo 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 Titoli V–S
Tornei del Grande Slam
Australian Open A Q1 1T QF 1T 3T 1T 3T 1T 2T 3T 1T A 2T 0 / 11 12–11
Open di Francia A 1T 1T 4T 2T 2T 2T 2T 2T 1T 4T F 3T 0 / 12 19–12
Wimbledon A 1T A 3T 1T 1T 1T 2T 1T 2T SF 4T 4T 0 / 11 15–11
US Open Q2 1T 2T 3T 1T 1T 1T 3T 3T 2T 4T 1T 2T 0 / 12 12–12
Vittorie-sconfitte 0–0 0–3 1–3 11–4 1–4 3–4 1–4 6–4 3–4 3–4 13–4 9–4 6–3 1–1 0 / 46 58–46
Giochi Olimpici
Giochi olimpici estivi A Non disputato 3T Non disputato 1T Non disputato 2T ND 0 / 3 3–3
WTA Premier Mandatory
Indian Wells A A 3T 3T 2T 2T 1T 2T 4T 2T 3T 3T 2T 0 / 11 9–11
Miami A A 2T 3T 3T 2T 3T 3T 2T 2T 3T 2T 2T 0 / 11 8–11
Madrid Non disputato 3T SF QF 3T 1T 3T QF 2T 0 / 8 17–8
Pechino Tier II 2T 1T 1T 1T QF 3T A 1T 0 / 7 6–7
WTA Premier 5
Dubai Tier II A A 1T Premier QF P A 0 / 2 3-2
Doha Non Tier I 3T Non disputato P QF 2T 3T V 2T P 1 / 6 13–5
Roma A A 2T A 1T 2T QF 2T A A A 2T 2T 0 / 7 8–7
Canada A 1T 2T 2T A QF 1T QF SF 1T 3T 2T 1T 0 / 11 13–11
Cincinnati Tier III 2T 1T 2T 1T 1T 3T QF 1T 0 / 8 6–8
Tokyo A A A A A 3T 2T A 3T QF NP5 0 / 4 8–4
Wuhan Non disputato 1T A 2T 0 / 2 1–2
Carriera 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 No.
Tornei giocati N.D. 11 22 16 20 24 23 23 22 23 23 12 19 230
Titoli N.D. 2 1 0 1 0 0 0 0 1 0 1 1 7
Finali raggiunte N.D. 3 1 1 1 1 1 2 1 1 0 3 1 16
Vittorie-sconfitte totali N.D. 15–9 21–21 28–16 17–19 32–23 27–22 34–23 26–22 26–22 36–23 31–21 15-18 6-4 314–242
Ranking di fine anno 185 50 41 24 65 42 33 25 17 29 17 9 62

Doppio[modifica | modifica wikitesto]

Torneo 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 Titoli V-S
Tornei del Grande Slam
Australian Open A 1T 1T A 3T 1T 2T 1T QF QF V A V 2 / 10 21–8
Open di Francia A 1T 1T 1T 2T 2T 3T 1T QF 1T V 1T 1 / 11 13–10
Wimbledon 1T A 1T 1T 1T 2T 1T 1T 1T QF QF 1T 0 / 11 7–11
US Open 1T 1T 1T 2T 1T 2T 1T 1T 3T 2T A V 1 / 11 11–10
Vittorie-sconfitte 0-2 0-3 0-4 1–3 3–4 3–4 3–4 0–4 8–4 7–4 15-1 6-2 6-0 4 / 43 52–39

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bronzo a Strycova/Safarova, su tennis.it.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]