Linky Boshoff

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Linky Boshoff
Nome Delina Ann Boshoff-Mortlock
Nazionalità Sudafrica Sudafrica
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte nessun valore
Titoli vinti 1
Miglior ranking
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open
Francia Roland Garros QF (1977)
Regno Unito Wimbledon QF (1974)
Stati Uniti US Open 3T (1975)
Doppio1
Vittorie/sconfitte nessun valore
Titoli vinti 12
Miglior ranking
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open
Francia Roland Garros SF (1976)
Regno Unito Wimbledon SF (1976)
Stati Uniti US Open V (1976)
Doppio misto1
Vittorie/sconfitte
Titoli vinti
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open
Francia Roland Garros F (1976)
Regno Unito Wimbledon 4T (1973, 1974)
Stati Uniti US Open 2T (1975, 1976)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al definitivo

Delina Boshoff conosciuta principalmente come Linky Boshoff (Queenstown, 12 novembre 1956) è un'ex tennista sudafricana.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

In singolare ha vinto un torneo WTA, a Johannesburg nel 1977, e ha raggiunto due volte i quarti di finale negli Slam: a Wimbledon 1974 dove viene eliminata da Virginia Wade e all'Open di Francia 1977 dove si arrende in tre set a Florența Mihai.

Nel doppio ottiene risultati migliori, ha vinto dodici titoli WTA tra cui spicca l'US Open 1976 insieme a Ilana Kloss, raggiunge inoltre una finale nel doppio misto al Roland Garros 1976.

In Fed Cup ha giocato quindici match con la squadra sudafricana vincendone tredici.[1]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (1)[modifica | modifica wikitesto]

No. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 4 dicembre 1977 Sudafrica South African Open, Johannesburg Cemento Sudafrica Brigette Cuypers 6-4, 6-1

Doppio[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (12)[modifica | modifica wikitesto]

No. Data Torneo Superficie Compagna Avversarie in finale Punteggio
1. 20 novembre 1973 Sudafrica South African Open, Johannesburg Cemento Sudafrica Ilana Kloss Stati Uniti Chris Evert
Regno Unito Virginia Wade
7–6, 2–6, 6–1
2. 26 aprile 1976 Stati Uniti Family Circle Cup, Amelia Island Terra verde Sudafrica Ilana Kloss Stati Uniti Kathy Kuykendall
Stati Uniti Valerie Ziegenfuss
6-3, 6-2
3. 10 maggio 1976 Regno Unito British Hard Court Championships, Cardiff Terra rossa Sudafrica Ilana Kloss Regno Unito Lesley Charles
Regno Unito Sue Mappin
6-3, 6-2
4. 17 maggio 1976 Germania WTA German Open, Amburgo Terra rossa Sudafrica Ilana Kloss Stati Uniti Laura duPont
Australia Wendy Turnbull
4-6, 7-5, 6-1
5. 23 maggio 1976 Italia Internazionali d'Italia, Roma Terra rossa Sudafrica Ilana Kloss Romania Virginia Ruzici
Romania Mariana Simionescu
6-2, 2-6, 7-5
6. 9 agosto 1976 Stati Uniti US Clay Court Championships, Indianapolis Terra verde Sudafrica Ilana Kloss Stati Uniti Laura DuPont
Australia Wendy Turnbull
6–2, 6–3
7. 30 agosto 1976 Stati Uniti US Open, New York Terra verde Sudafrica Ilana Kloss URSS Ol'ga Morozova
Regno Unito Virginia Wade
6-1, 6-4
8. 9 maggio 1977 Germania WTA German Open, Amburgo (2) Terra rossa Sudafrica Ilana Kloss Cecoslovacchia Regina Maršíková
Cecoslovacchia Renáta Tomanová
2-6, 6-4, 7-5
9. 8 agosto 1977 Stati Uniti US Clay Court Championships, Indianapolis (2) Terra verde Sudafrica Ilana Kloss Stati Uniti Mary Carillo
Stati Uniti Wendy Overton
5–7, 7–5, 6–3
10. 15 agosto 1977 Canada Canada Open, Toronto Cemento Sudafrica Ilana Kloss Stati Uniti Rosie Casals
Australia Evonne Goolagong
6-2, 6-3
11. 26 settembre 1977 Stati Uniti Eckerd Tennis Open, Palm Harbor Terra battuta Sudafrica Ilana Kloss Sudafrica Brigette Cuypers
Sudafrica Marise Kruger
6–7, 6–2, 6–2
12. 28 novembre 1977 Sudafrica South African Open, Johannesburg (2) Cemento Sudafrica Ilana Kloss Sudafrica Brigette Cuypers
Sudafrica Marise Kruger
5-7, 6-3, 6-3

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ fedcup.com, Profilo sul sito della Fed Cup, su fedcup.com. URL consultato il 28 dicembre 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]