Karolína Plíšková

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Karolína Plíšková
Pliskova Ka. EBN17 (7).jpg
Karolína Plíšková nel 2017
Nazionalità Rep. Ceca Rep. Ceca
Altezza 186 cm
Peso 72 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 426 – 249 (63,11%)
Titoli vinti 9 WTA, 10 ITF
Miglior ranking 1ª (17 luglio 2017)
Ranking attuale 4ª (13 novembre 2017)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open QF (2017)
Francia Roland Garros SF (2017)
Regno Unito Wimbledon 2T (2013, 2014, 2015, 2016, 2017)
Stati Uniti US Open F (2016)
Altri tornei
Tour Finals SF (2017)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 157 – 124 (55,91%)
Titoli vinti 5 WTA, 6 ITF
Miglior ranking 11ª (31 ottobre 2016)
Ranking attuale 418ª (13 novembre 2017)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open SF (2016)
Francia Roland Garros 3T (2016)
Regno Unito Wimbledon SF (2016)
Stati Uniti US Open 3T (2016)
Altri tornei
Tour Finals QF (2016)
Doppio misto1
Vittorie/sconfitte 1 – 1 (50,00%)
Titoli vinti 0
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open
Francia Roland Garros
Regno Unito Wimbledon 2T (2014)
Stati Uniti US Open
Palmarès
Oro Rep. Ceca Rep. Ceca Fed Cup 2015
Oro Rep. Ceca Rep. Ceca Fed Cup 2016
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 13 novembre 2017

Karolína Plíšková (Louny, 21 marzo 1992) è una tennista ceca.

È stata la tennista numero uno del ranking mondiale per otto settimane consecutive nel 2017. Da singolarista ha vinto nove titoli WTA, vantando come miglior risultato nella prova di un Grande Slam la finale disputata agli US Open 2016.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carriera Junior[modifica | modifica wikitesto]

Figlia di Radek Plíšek e Martina Plíšková, ha una sorella gemella di nome Kristýna, giocatrice professionista di tennis esattamente come lei.

Ha vinto l'Australian Open 2010 - Singolare ragazze sconfiggendo in finale Laura Robson, con il punteggio di 6-1, 7-6(5). Con la sorella ha giocato il torneo di Wimbledon 2010 - Doppio ragazze venendo sconfitte nei quarti di finale, mentre nel singolo, edizione poi vinta proprio da Kristýna viene sconfitta da Nigina Abduraimova. Nell'US Open 2010 - Singolare ragazze arriva ai quarti di finale venendo sconfitta da Sloane Stephens.

2013: i primi trofei WTA[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 marzo 2013 vince il suo primo torneo WTA della carriera a Kuala Lumpur battendo in finale la statunitense Bethanie Mattek-Sands con il punteggio di 1-6, 7-5, 6-3.

Agli Internazionali Femminili di Palermo 2013 raggiunge la sua prima finale in doppio insieme a sua sorella Kristýna, ma vengono sconfitte da Katarzyna Piter e Kristina Mladenovic con il punteggio di 1-6, 7-5, [8-10].

Al Generali Ladies Linz 2013 vince il primo titolo WTA in doppio insieme alla sorella Kristýna, battendo nell'atto conclusivo la coppia canado-polacca formata da Gabriela Dabrowski e Alicja Rosolska per 7-66, 6-4.

2014: un finale di stagione in crescendo[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 febbraio 2014 perde la finale del torneo PTT Pattaya Open di Pattaya contro la russa Ekaterina Makarova per 3-6, 67-7. Il 24 maggio seguente perde ancora una volta in finale, questa volta nel torneo Nürnberger Versicherungscup di Norimberga contro la canadese Eugenie Bouchard per 2-6, 6-4, 3-6. Nello stesso torneo vince tuttavia il secondo titolo WTA in doppio insieme all'olandese Michaëlla Krajicek, battendo nell'atto conclusivo Ioana Raluca Olaru e Shahar Peer per 6-0, 4-6, [10-6].

Al Gastein Ladies 2014 si aggiudica il terzo titolo WTA in doppio insieme alla sorella Kristýna, battendo in finale Andreja Klepač e María Teresa Torró Flor per 4-6, 6-3, [10-6].

Ottiene, il 14 settembre dello stesso anno, la terza finale WTA dell'anno all'Hong Kong Open dove però perde contro la numero uno del seeding Sabine Lisicki per 7-5, 6-3. Nel medesimo torneo, vince il quarto titolo WTA della carriera insieme alla gemella battendo in finale Patricia Mayr-Achleitner e Arina Rodionova per 6-2, 2-6, [12-10].

Raggiunge poi la finale al Kia Korea Open, la seconda consecutiva, la quarta stagionale e la quinta in carriera. Il 21 settembre 2014 conquista il torneo coreano battendo in finale la statunitense Varvara Lepchenko per 6-3, 65-7, 6-2.

Continua il suo straordinario 2014 conquistando la quinta finale dell'anno e la sesta in carriera al Generali Ladies Linz. Si aggiudica il terzo titolo della carriera e il secondo stagionale battendo in finale l'italiana Camila Giorgi con il sofferto punteggio di 64-7, 6-3, 7-64.

2015: la Top Ten[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2015 ottiene la settima finale WTA della carriera all'Apia International Sydney dove viene battuta dalla connazionale Kvitova con 2 tie-break di cui il primo terminato 7 punti a 5 e il secondo 8 punti a 6.

A maggio conquista il quarto titolo WTA della carriera, a Praga, dove è testa di serie numero una. La ceca si spinge fino all'atto finale battendo: Annika Beck (2-6, 6-1, 6-3), Cvetana Pironkova (3-6, 6-3, 7-6), Denisa Allertová (6-2, 5-7, 6-1), Yanina Wickmayer (6-4, 7-5) e in finale la connazionale Lucie Hradecká (4-6, 7-5, 6-3).

Il 10 agosto 2015, entra per la prima volta nella classifica riguardanti le dieci tenniste donne più forte al mondo, dopo la finale persa a Stanford contro Angelique Kerber.

2016: la prima finale Slam[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 giugno del 2016, Karolína vince il primo torneo su erba della carriera a Nottingham, imponendosi in finale ai danni di Alison Riske (7-6(8) 7-5). Per la ceca si tratta del quinto successo in carriera e del primo stagionale. Dopo questa vittoria, Karolína Plíšková può vantare almeno un successo WTA su tutte le superfici.

A settembre, dopo aver eliminato in semifinale Serena Williams, conquista la sua prima finale di un Grande Slam, e più precisamente gli US Open a New York, giocando contro la tedesca Angelique Kerber, che la batte con il punteggio di 3-6, 6-4, 4-6.

2017: il primo posto WTA[modifica | modifica wikitesto]

Plíšková con il titolo vinto a Eastbourne nel 2017

La stagione 2017 inizia con la vittoria del Brisbane International, dove Karolína si impone in finale contro la francese Alizé Cornet per un punteggio di 6-3, 6-0. In seguito, prende parte al primo Gande Slam stagionale, cioè l'Australian Open, venendo sconfitta dalla croata Mirjana Lučić-Baroni ai quarti di finale. Nonostante ciò, al termine del torneo, raggiunge il terzo posto della classifica. Nel mese di febbraio, vince il suo ottavo titolo WTA, il Qatar Total Open di Doha, sconfiggendo in finale Caroline Wozniacki. In seguito raggiunge la semifinale in entrambi i Premier Mandatory americani: a Indian Wells superando nei quarti la Muguruza con due tie break, ma perdendo, sempre con due tie break contro la Kuznecova; a Miami cedendo di nuovo alla Wozniacki dopo aver vinto il primo set 7-5.

Dopo alcuni modesti risultati nei primi tornei sulla terra battuta, si spinge prima fino ai quarti agli Internazionali di Roma, dove viene battuta dalla Svitolina, poi raggiunge per la prima volta in carriera le semifinali al Roland Garros: ad impedirle l'accesso alla finale è una diretta concorrente al titolo di numero uno del ranking WTA, Simona Halep con la quale subisce la sesta sconfitta in sette confronti: 4-6, 6-3, 3-6 il risultato.

Dopo la vittoria del terzo titolo stagionale e il nono in totale,Debutta sull'erba all'AEGON International 2017, dove conquista il terzo titolo stagionale (e nono in carriera): la finale la vede di nuovo scontrarsi con la danese Wozniacki, la terza in stagione, e stavolta si conlude con un doppio 6-4 in favore della ceca. A Wimbledon non va oltre la conferma del secondo turno dell'anno precedente, poiché viene eliminata in tre set da Magdalena Rybáriková. Tuttavia il risultato è sufficiente alla ceca per diventare la numero uno del ranking ATP, scavalcando la Halep e la numero uno uscente, Angelique Kerber[1]: è la prima tennista ceca e la ventitreesima tennista nella storia della WTA a salire sul gradino più alto delle classifiche mondiali.

Sul veloce americano raggiunge i quarti a Toronto, dove perde ancora contro la Wozniacki, che poi incontra di nuovo a Cincinnati, sempre a livello di quarti di finale, questa volta vincendo per 6-2, 6-4; perde però in semifinale contro Muguruza, che si aggiudicherà il torneo. Il breve regno della ceca in testa al ranking mondiale si interrompe dopo otto settimane: agli US Open Karolina non riesce infatti a difendere la finale del 2016, perdendo ai quarti contro Coco Vandeweghe.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Karolína Plíšková al BNP Paribas Open 2015

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (9)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grande Slam (0)
Ori Olimpici (0)
WTA Championships (0)
WTA Elite Trophy (0)
Premier Mandatory (0)
Premier 5 (1)
Premier (3)
International (5)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 3 marzo 2013 Malesia Malaysia Classic, Kuala Lumpur Cemento Stati Uniti Bethanie Mattek-Sands 1–6, 7–5, 6–3
2. 21 settembre 2014 Corea del Sud Kia Korea Open, Seul Cemento Stati Uniti Varvara Lepchenko 6–3, 65–7, 6–2
3. 12 ottobre 2014 Austria Generali Ladies Linz, Linz Cemento (i) Italia Camila Giorgi 64–7, 6–3, 7–64
4. 2 maggio 2015 Rep. Ceca Sparta Prague Open, Praga Terra rossa Rep. Ceca Lucie Hradecká 4–6, 7–5, 6–3
5. 12 giugno 2016 Regno Unito Nottingham Open, Nottingham Erba Stati Uniti Alison Riske 7–68, 7–5
6. 21 agosto 2016 Stati Uniti Western & Southern Open, Cincinnati Cemento Germania Angelique Kerber 6–3, 6–1
7. 7 gennaio 2017 Australia Brisbane International, Brisbane Cemento Francia Alizé Cornet 6–0, 6–3
8. 18 febbraio 2017 Qatar Qatar Total Open, Doha Cemento Danimarca Caroline Wozniacki 6–3, 6–4
9. 1º luglio 2017 Regno Unito AEGON International, Eastbourne Erba Danimarca Caroline Wozniacki 6–4, 6–4

Sconfitte (10)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grande Slam (1)
Ori Olimpici (0)
WTA Championships (0)
WTA Elite Trophy (1)
Premier Mandatory (0)
Premier 5 (1)
Premier (4)
International (3)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 2 febbraio 2014 Thailandia PTT Pattaya Open, Pattaya Cemento Russia Ekaterina Makarova 3–6, 67–7
2. 24 maggio 2014 Germania Nürnberger Versicherungscup, Norimberga Terra rossa Canada Eugenie Bouchard 2–6, 6–4, 3–6
3. 14 settembre 2014 Hong Kong Hong Kong Open, Hong Kong Cemento Germania Sabine Lisicki 5–7, 3–6
4. 16 gennaio 2015 Australia Apia International Sydney, Sydney Cemento Rep. Ceca Petra Kvitová 65–7, 66–7
5. 21 febbraio 2015 Emirati Arabi Uniti Dubai Tennis Championships, Dubai Cemento Romania Simona Halep 4–6, 64–7
6. 21 giugno 2015 Regno Unito AEGON Classic, Birmingham Erba Germania Angelique Kerber 7–65, 3–6, 64–7
7. 9 agosto 2015 Stati Uniti Bank of the West Classic, Stanford Cemento Germania Angelique Kerber 3–6, 7–5, 4–6
8. 8 novembre 2015 Cina WTA Elite Trophy, Zhuhai Cemento (i) Stati Uniti Venus Williams 5–7, 65–7
9. 25 giugno 2016 Regno Unito AEGON International, Eastbourne Erba Slovacchia Dominika Cibulková 5–7, 3–6
10. 10 settembre 2016 Stati Uniti US Open, New York Cemento Germania Angelique Kerber 3–6, 6–4, 4–6

Doppio[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (5)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grande Slam (0)
Ori Olimpici (0)
WTA Championships (0)
Premier Mandatory (0)
Premier 5 (0)
Premier (1)
International (4)
N. Data Torneo Superficie Compagna Avversarie in finale Punteggio
1. 13 ottobre 2013 Austria Generali Ladies Linz, Linz Cemento (i) Rep. Ceca Kristýna Plíšková Canada Gabriela Dabrowski
Polonia Alicja Rosolska
7–66, 6–4
2. 24 maggio 2014 Germania Nürnberger Versicherungscup, Norimberga Terra rossa Paesi Bassi Michaëlla Krajicek Romania Ioana Raluca Olaru
Israele Shahar Peer
6–0, 4–6, [10–6]
3. 13 luglio 2014 Austria Gastein Ladies, Bad Gastein Terra rossa Rep. Ceca Kristýna Plíšková Slovenia Andreja Klepač
Spagna María Teresa Torró Flor
4–6, 6–3, [10–6]
4. 14 settembre 2014 Hong Kong Hong Kong Open, Hong Kong Cemento Rep. Ceca Kristýna Plíšková Austria Patricia Mayr-Achleitner
Australia Arina Rodionova
6–2, 2–6, [12–10]
5. 19 giugno 2016 Regno Unito AEGON Classic, Birmingham Erba Rep. Ceca Barbora Strýcová Stati Uniti Vania King
Russia Alla Kudrjavceva
6–3, 7–61

Sconfitte (2)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grande Slam (0)
Ori Olimpici (0)
WTA Championships (0)
Premier Mandatory (1)
Premier 5 (0)
Premier (0)
International (1)
N. Data Torneo Superficie Compagna Avversarie in finale Punteggio
1. 13 luglio 2013 Italia Internazionali Femminili di Palermo, Palermo Terra rossa Rep. Ceca Kristýna Plíšková Polonia Katarzyna Piter
Francia Kristina Mladenovic
1–6, 7–5, [8–10]
2. 19 marzo 2016 Stati Uniti BNP Paribas Open, Indian Wells Cemento Germania Julia Görges Stati Uniti Bethanie Mattek-Sands
Stati Uniti Coco Vandeweghe
6–4, 4–6, [6–10]

Risultati in progressione[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
 V   F  SF QF T# RR Q#  A  ND

(V) Torneo vinto; raggiunto (F) finale, (SF) semifinale, (QF) quarti di finale, (T#) turni 4, 3, 2, 1; (RR) round - robin; (Q#) Turno di qualificazione; (A) assente dal torneo; (ND) torneo non disputato.

Singolare nei tornei del Grande Slam[modifica | modifica wikitesto]

Torneo 2012 2013 2014 2015 2016 2017 Titoli V-S
Australia Australian Open A 1T 2T 3T 3T QF 0 / 5 9–5
Francia Open di Francia 1T 1T 2T 2T 1T SF 0 / 6 7–10
Regno Unito Wimbledon 1T 2T 2T 2T 2T 2T 0 / 6 5–6
Stati Uniti US Open A 1T 3T 1T F QF 0 / 5 12–5
Totale 0–2 1–4 5–4 4–4 9–4 14–4 0 / 21 29–25

Doppio nei tornei del Grande Slam[modifica | modifica wikitesto]

Torneo 2012 2013 2014 2015 2016 2017 V-S
Australia Australian Open A A 1T 1T SF 1T 4–4
Francia Open di Francia A 1T 1T 2T 3T A 3–4
Regno Unito Wimbledon A 1T 1T 1T SF A 4–4
Stati Uniti US Open 1T 1T 1T 1T 3T A 2–5
Totale 0–1 0–3 0–4 1–4 12–4 0–1 13–17

Doppio misto nei tornei del Grande Slam[modifica | modifica wikitesto]

Torneo 2012 2013 2014 2015 2016 2017
Australia Australian Open A A A A A A
Francia Open di Francia A A A A A A
Regno Unito Wimbledon A A 2T A A A
Stati Uniti US Open A A A A A A

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) David Kane, Pliskova becomes new WTA World No.1, in WTA Tennis, 11 luglio 2017. URL consultato il 13 settembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]