Jelena Dokić

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jelena Dokić
Jelena Dokic.jpg
Jelena Dokic
Nazionalità Serbia Serbia
Australia Australia
Altezza 175 cm
Peso 60 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Termine carriera 2014
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 340 - 204
Titoli vinti 6 WTA, 8 ITF
Miglior ranking 4 (19 agosto 2002)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open QF (2009)
Francia Roland Garros QF (2002)
Regno Unito Wimbledon SF (2000)
Stati Uniti US Open 4T (2000, 2001)
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici SF (2000)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 116 - 95
Titoli vinti 4 WTA
Miglior ranking 10 (4 febbraio 2002)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 3T (1999, 2000)
Francia Roland Garros F (2001)
Regno Unito Wimbledon 3T (1999, 2000, 2001)
Stati Uniti US Open 2T (2000, 2001)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 12 giugno 2011

Jelena Dokić (in cirillico Јелена Докић; Osijek, 12 aprile 1983) è un'allenatrice di tennis, ex tennista, scrittrice e commentatrice televisiva serba naturalizzata australiana.

Nata in Jugoslavia, è professionista dal 1998 e ha vinto 6 titoli WTA in singolare e 4 in doppio. Ex n°4 del mondo, ha raggiunto la semifinale a Wimbledon nel 2000, anno in cui ottenne anche la semifinale ai Giochi della XXVII Olimpiade di Sydney.

Come successo già ad altre sue colleghe (Jennifer Capriati e Mirjana Lučić-Baroni) la Dokic fu vittima per diversi anni di maltrattamenti e percosse da parte del padre che la costrinsero ad iniziare una nuova vita in Australia, acquisendone la cittadinanza pochi anni più tardi.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Arrivò in Australia nel 1994 con la sua famiglia a causa della guerra civile iugoslava.

Stabilitasi a Sydney ha sviluppato un tennis molto precoce. A 16 anni è già al 43 esimo posto delle classifiche mondiali.

La sua migliore classifica nel ranking WTA è stata nell'agosto 2002 quando arrivò ad essere al 4 posto delle classifiche mondiali, mentre il miglior ranking nel doppio (10º posto) lo ha raggiunto nel febbraio 2002.

Tuttavia lascia l'Australia nel 2001, in polemica con l'organizzazione degli Australian Open, e dichiara di non voler più tornare a giocare per questo paese. La Dokić torna allora a Belgrado dove decide di prendere la nazionalità serbo-montenegrina anche se resta cittadina australiana. Dopo quattro anni passati a Belgrado la Dokić scende fino alla 349 esima posizione del ranking mondiale. In seguito dichiarerà di non andare più d'accordo con suo padre e di non avere più intenzione di continuare a vivere con lui.

La tennista ha di recente ammesso che la fuga dal padre è da imputarsi ad abusi che il padre faceva su di lei.[1]

Così, annuncia il suo ritorno in Australia e la decisione di tornare a giocare sotto la bandiera australiana. «Sono australiana, mi sento australiana e voglio tornare a giocare per l'Australia», dichiara al quotidiano Sydney Daily Telegraph [senza fonte].

Attualmente vive nel Principato di Monaco.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre 2005 ritorna in Australia dopo quattro anni e si vede accordare un invito per partecipare al torneo di Canberra debuttando nel gennaio 2006. In seguito parteciperà alle qualificazioni per partecipare agli Australian Open ma non riesce a ottenere ad approdare al tabellone principale. Tuttavia ottiene una wild-card che le consente di prendere parte al torneo, ma viene sconfitta al primo turno.

Torna a giocare dei tornei challenger che le consentono di ottenere punti per risalire la classifica WTA.

A maggio 2008 si trova al 431 posto delle classifiche WTA.

Nel gennaio 2009, si trova al 187 posto della classifica WTA. Ritorna a giocare all'Australian Open, grazie a una wild-card, e raggiunge i quarti di finale, battendo due top 20, Anna Čakvetadze e Caroline Wozniacki.

Il 6 marzo 2011, dopo un digiuno di oltre 8 anni, torna al successo in un torneo WTA, vincendo il torneo di Kuala Lumpur, battendo in finale Lucie Šafářová 2-6 7-6 6-4.

Si è ritirata nel 2014.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (6)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda: Prima del 2009 Legenda: Dal 2009
Grande Slam (0)
Ori Olimpici (0)
WTA Championships (0)
Tier I (2) Premier Mandatory (0)
Tier II (1) Premier 5 (0)
Tier III (1) Premier (0)
Tier IV (1) International (1)
Tier V (0) WTA 125s (0)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 14 maggio 2001 Italia Internazionali BNL d'Italia, Roma Terra rossa Francia Amélie Mauresmo 7–6(3), 6–1
2. 17 settembre 2001 Giappone Toyota Princess Cup, Tokyo Cemento Spagna Arantxa Sánchez Vicario 6–4, 6-2
3. 1º ottobre 2001 Russia Kremlin Cup, Mosca Sintetico (i) Russia Elena Dement'eva 6–3, 6-3
4. 1º aprile 2002 Stati Uniti Sarasota Clay Court Classic, Sarasota Terra verde Russia Tat'jana Panova 6–2, 6–2
5. 10 giugno 2002 Regno Unito DFS Classic, Birmingham Erba Russia Anastasija Myskina 6–2, 6-3
6. 6 marzo 2011 Malaysia Malaysia Classic, Kuala Lumpur Cemento Rep. Ceca Lucie Šafářová 2-6, 7-6(9), 6-4

Sconfitte (8)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda: Prima del 2009 Legenda: Dal 2009
Grande Slam (0)
Argenti Olimpici (0)
WTA Championships (0)
Tier I (2) Premier Mandatory (0)
Tier II (4) Premier 5 (0)
Tier III (1) Premier (0)
Tier IV (0) International (1)
Tier V (0) WTA 125s (0)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
27 settembre 2000 Australia 4º posto ai Giochi Olimpici, Sydney Cemento Stati Uniti Monica Seles 1-6, 4-6
1. 15 settembre 2001 Brasile Brasil Open, Bahia Cemento Stati Uniti Monica Seles 3-6, 3-6
2. 21 ottobre 2001 Svizzera Swisscom Challenge, Zurigo Cemento (i) Stati Uniti Lindsay Davenport 3-6, 1-6
3. 28 ottobre 2001 Austria Generali Ladies Linz, Linz Cemento (i) Stati Uniti Lindsay Davenport 4-6, 1-6
4. 4 febbraio 2002 Francia Open Gaz de France, Parigi Cemento (i) Stati Uniti Venus Williams w/o
5. 25 maggio 2002 Francia Internationaux de Strasbourg, Strasburgo Terra rossa Italia Silvia Farina Elia 4-6, 6-3, 3-6
6. 29 luglio 2002 Stati Uniti Acura Classic, San Diego Cemento Stati Uniti Venus Williams 2-6, 2-6
7. 13 ottobre 2003 Svizzera Zürich Open, Zurigo (2) Cemento (i) Belgio Justine Henin 0-6, 4-6
8. 18 giugno 2011 Paesi Bassi UNICEF Open, 's-Hertogenbosch Erba Italia Roberta Vinci 7-6(7), 3-6, 5-7

Doppio[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (4)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda: Prima del 2009 Legenda: Dal 2009
Grande Slam (0)
Ori Olimpici (0)
WTA Championships (0)
Tier I (0) Premier Mandatory (0)
Tier II (3) Premier 5 (0)
Tier III (0) Premier (0)
Tier IV (1) International (0)
Tier V (0) WTA 125s (0)
N. Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 22 ottobre 2001 Austria Generali Ladies Linz, Linz Cemento (i) Russia Nadia Petrova Belgio Els Callens
Stati Uniti Chanda Rubin
6–1, 6–4
2. 31 marzo 2002 Stati Uniti Sarasota Clay Court Classic, Sarasota Terra verde Russia Elena Lichovceva Belgio Els Callens
Spagna Conchita Martínez
6(5)–7, 6–3, 6–3
3. 12 agosto 2002 Stati Uniti JPMorgan Chase Open, Los Angeles Cemento Belgio Kim Clijsters Slovenia Daniela Hantuchová
Giappone Ai Sugiyama
6-3, 6-3
4. 21 ottobre 2002 Austria Generali Ladies Linz, Linz (2) Cemento (i) Russia Nadia Petrova Giappone Rika Fujiwara
Giappone Ai Sugiyama
6–3, 6–2

Sconfitte (6)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda: Prima del 2009 Legenda: Dal 2009
Grande Slam (1)
Argenti Olimpici (0)
WTA Championships (0)
Tier I (3) Premier Mandatory (0)
Tier II (2) Premier 5 (0)
Tier III (0) Premier (0)
Tier IV (0) International (0)
Tier V (0) WTA 125s (0)
N. Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 26 settembre 1999 Giappone Toyota Princess Cup, Tokyo Cemento Sudafrica Amanda Coetzer Spagna Conchita Martínez
Argentina Patricia Tarabini
7–6(5), 4–6, 2–6
2. 10 giugno 2001 Francia Open di Francia, Parigi Terra rossa Spagna Conchita Martínez Spagna Virginia Ruano Pascual
Argentina Paola Suárez
2-6, 1-6
3. 20 agosto 2001 Stati Uniti Pilot Pen Tennis, New Haven Cemento Russia Nadia Petrova Zimbabwe Cara Black
Russia Elena Lichovceva
0-6, 6-3, 2-6
4. 30 settembre 2002 Russia Kremlin Cup, Mosca Sintetico (i) Russia Nadia Petrova Russia Elena Dement'eva
Slovacchia Janette Husárová
6-2, 3-6, 6(7)-7
5. 14 ottobre 2002 Svizzera Swisscom Challenge, Zurigo Cemento (i) Russia Nadia Petrova Russia Elena Bovina
Belgio Justine Henin
2-6, 6(2)-7
6. 12 maggio 2003 Italia Internazionali BNL d'Italia, Roma Terra rossa Russia Nadia Petrova Russia Svetlana Kuznecova
Stati Uniti Martina Navrátilová
4-6, 7-5, 2-6

Risultati in progressione[modifica | modifica wikitesto]

Sigla Risultato
V Vincitore
F Finalista
SF Semifinalista
O Oro olimpico
A Argento olimpico
SF Bronzo olimpico
QF Quarti di Finale
4T Quarto turno
3T Terzo turno
2T Secondo turno
1T Primo turno
RR Round Robin
LQ Turno di qualificazione
A Assente
ND Non disputato
Legenda superfici
Cemento
Terra battuta
Erba
Superficie variabile

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Australia Australia bandiera Jugoslavia Australia Australia
Torneo 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 Titoli V–S
Tornei del Grande Slam
Australian Open A A 3T 1T 1T A A A A 1T A LQ QF 1T 2T 2T 0 / 8 8–8
Open di Francia A A 1T 2T 3T QF 2T 1T A A A A 2T 1T 1T A 0 / 9 9–9
Wimbledon A A QF SF 4T 4T 3T 1T A LQ A A 1T LQ 1T A 0 / 8 19–8
US Open A A 1T 4T 4T 2T 2T 1T A A A A 1T LQ 2T A 0 / 8 9–8
Vittorie-sconfitte 0–0 0–0 9–4 9–4 8–4 8–3 4–3 0–3 0–0 0–1 0–0 0–0 5–3 0–2 2–4 0 / 32 42–32
Giochi Olimpici
Giochi olimpici estivi Non disputato Non disputato A Non disputato A Non disputato 0 / 1 4–2
Tornei di fine anno
WTA Tour Championships A A A A QF QF A A A A A A A A A A 0 / 2 2–2
Tournament of Champions Non disputato A A A 0 / 0 0–0
WTA Premier Mandatory
Indian Wells A A A 3T A 3T 2T 2T LQ A A A 1T 1T A 1T 0 / 8 3–8
Miami A A A 2T QF 3T QF 4T A A A A 2T A 1T 1T 0 / 8 10–8
Madrid Non disputato A A A A 0 / 0 0–0
Pechino Non disputato Non Tier I A A A A 0 / 0 0–0
WTA Premier 5
Dubai Non disputato Non Tier I A A 1T NP5 0 / 1 0–1
Roma A A A QF V 3T 1T 1T A A A A A A A A 1 / 5 10–4
Cincinnati Non disputato Non Tier I A A A A 0 / 0 0–0
Toronto / Montreal A A 2T 1T 3T SF 3T A A A A A A A 1T A 0 / 6 7–6
Tokyo A A A A A 2T QF SF A A A A A A A A 0 / 3 4–3
Carriera
Tornei giocati 3 2 16 21 26 29 30 16 10 8 1 13 15 18 19 221
Finali 0 (1) 0 0 3 3 1 0 0 0 0 0 (1) 0 1 8(2)
Titoli 0 0 0 0 3 2 0 0 0 0 0 (3) (2) (3) 1 6(8)
Cemento 8–3 3–1 4–6 15–13 26–11 19–10 15–14 2–6 2–3 0–2 0–0 5–2 15–6 10–9 16–13 140–99
Terra battuta 0–0 0–0 7–6 9–4 16–8 20–7 8–9 1–5 10–7 7–4 0–1 29–7 0–0 15–5 1–3 123–66
Erba 0–0 7–1 9–2 6–2 6–3 8–2 2–2 0–3 0–0 0–1 0–0 0–0 1–0 1–1 4–2 43–19
Sintetico 0–0 0–0 1–2 5–2 5–1 6–7 3–5 3–2 0–0 3–1 0–0 1–1 0–0 0–0 0–0 27–21
Vittorie-sconfitte totali 8–3 10–2 21–16 35–21 53–23 53–26 28–30 6–16 12–10 10–8 0–1 35–10 27–13 26–15 21–18 345–212
Ranking di fine anno None 341 43 26 8 9 15 125 349 617 / 179 56 137 66 259

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b La confessione della Dokic "Abusi fisici da mio padre", in La Repubblica, 4 maggio 2009. URL consultato il 1º gennaio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]