Anna Kurnikova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Anna Kurnikova
Nazionalità Bandiera della Russia Russia
Altezza 173 cm
Peso 56 kg
Tennis
Termine carriera maggio 2007
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 209–129
Titoli vinti 0 WTA, 2 ITF
Miglior ranking 8ª (20 novembre 2000)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Bandiera dell'Australia Australian Open QF (2001)
Bandiera della Francia Roland Garros 4T (1998, 1999)
Bandiera del Regno Unito Wimbledon SF (1997)
Bandiera degli Stati Uniti US Open 4T (1996, 1998)
Altri tornei
 Tour Finals SF (2000)
 Giochi olimpici 1T (1996)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 200–71
Titoli vinti 16 WTA
Miglior ranking 1ª (22 novembre 1999)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Bandiera dell'Australia Australian Open V (1999, 2002)
Bandiera della Francia Roland Garros F (1999)
Bandiera del Regno Unito Wimbledon SF (2000, 2002)
Bandiera degli Stati Uniti US Open QF (1996, 2002)
Altri tornei
 Tour Finals V (1999, 2000)
Doppio misto1
Vittorie/sconfitte
Titoli vinti
Risultati nei tornei del Grande Slam
Bandiera dell'Australia Australian Open SF (1997, 2000)
Bandiera della Francia Roland Garros QF (1997)
Bandiera del Regno Unito Wimbledon F (1999, 2002)
Bandiera degli Stati Uniti US Open F (2000)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
 

Anna Sergeevna Kurnikova (in russo Анна Сергеевна Курникова?; Mosca, 7 giugno 1981) è un'ex tennista russa con cittadinanza statunitense. Nota per essere stata la prima delle grandi tenniste russe,[1] divenne famosa grazie alla semifinale raggiunta al Torneo di Wimbledon 1997 all'età di 16 anni. Pur non avendo vinto alcun titolo in singolare, nel novembre del 2000 raggiunse l'8ª posizione del ranking WTA. Fu invece un'ottima doppista, vincendo 16 titoli WTA tra cui due tornei del Grande Slam (Australian Open 1999 e 2002) e due Masters di fine anno; raggiunse la vetta della classifica di doppio nel novembre del 1999.

A causa dei frequenti infortuni, fu costretta a ritirarsi nel 2003 a soli 22 anni. Ha lavorato con successo anche come modella, iniziando a fare servizi fotografici a 16 anni quando debuttò agli US Open. Fu per lungo tempo un'icona della società e furono in molti ad avvicinarsi al tennis grazie alle sue doti.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Mosca, nell'allora Unione Sovietica, da Alla e Sergej Kurnikov, iniziò a giocare a tennis a 5 anni; emigrò con la famiglia negli Stati Uniti quando aveva 10 anni.

Attualmente vive a Miami, in Florida. Nel 2010 ha ottenuto la cittadinanza statunitense.[2]

Dal 2001 ha una relazione con il cantante Enrique Iglesias. La coppia ha due gemelli, nati il 16 dicembre 2017,[3] e una terza figlia nata il 30 gennaio 2020.[4]

Carriera tennistica[modifica | modifica wikitesto]

All'età di 10 anni lasciò Mosca per allenarsi nella Nick Bollettieri Tennis Academy del famoso coach Nick Bollettieri in Florida.

All'età di 13 e 14 anni Kurnikova divenne un nome di primo piano nel tennis giovanile, vincendo alcuni tornei tra cui il Les Petits As nel 1994 e il Trofeo Bonfiglio nel 1995. Aveva solo 14 anni quando concluse il 1995 come Campionessa Europea Under 18 e Campionessa del Mondo ITF Under 18.

Kurnikova debuttò nel tennis professionistico a 14 anni, giocando per la Russia in Fed Cup, la più giovane giocatrice ad aver partecipato e vinto. All'età di 15 anni raggiunse il quarto turno degli US Open del 1996, e fu sconfitta dall'allora numero 1, Steffi Graf.

Kurnikova fece parte della delegazione russa che prese parte alle Olimpiadi di Atlanta e fu eliminata al primo turno sia in singolare che in doppio. Nel 1997, all'età di 16 anni, raggiunse le semifinali a Wimbledon, dove perse 3-6, 2-6 contro Martina Hingis, poi vincitrice del torneo. Il 1998 fu l'anno della svolta, quando entrò per la prima volta nelle prime 20 posizioni del ranking WTA e ottenne importanti vittorie contro Martina Hingis, Lindsay Davenport e Steffi Graf. Ottenne i due titoli del Grande Slam in doppio nel 1999 e nel 2002 agli Australian Open insieme alla Hingis, con cui giocò spesso a partire dal 1999.

Anna Kurnikova all'Apia International Sydney nel 2002

Kurnikova fu una giocatrice di successo nel circuito del doppio femminile, vincendo 16 tornei, tra cui i due Australian Open, arrivando in finale nel doppio misto agli US Open e a Wimbledon, raggiungendo la prima posizione nella classifica mondiale WTA. Il suo bilancio di fine carriera in doppio è di 200 vittorie e 71 sconfitte. In compenso, in singolare la sua carriera raggiunse il picco nel 1999-2000. Per la maggior parte del tempo navigò tra la decima e quindicesima posizione della graduatoria mondiale pur non vincendo tornei: la migliore posizione ottenuta fu l'ottava, raggiunta il 20 novembre del 2000 e raggiunse 4 finali su 130 tornei ma nessuna nel Grande Slam. Come giocatrice, Kurnikova era nota per la velocità di corsa, il gioco aggressivo da fondo campo e gli eccellenti angoli e drop shot; in compenso, i suoi passanti bassi e molto rischiosi tesero a produrre molti errori e il servizio era a volte inaffidabile in singolare. Il suo risultato in singolare è di 209 vittorie e 129 sconfitte.

Nel 2000, Anna Kurnikova divenne protagonista della pubblicità per i reggiseni sportivi della Berlei e fece la comparsa nella campagna pubblicitaria di successo “solo la palla dovrebbe rimbalzare”.

I suoi ultimi anni di carriera furono segnati da molti infortuni, soprattutto alla schiena, che l'allontanarono dalle vette del ranking. Kurnikova non è attiva nel Tour WTA dal 2003, ma gioca ancora match di esibizione per beneficenza.

Alla fine del 2004 partecipò a tre eventi organizzati da Elton John e dai giocatori Serena Williams ed Andy Roddick. Nel gennaio 2005 ha giocato in doppio per beneficenza a favore delle vittime del Maremoto dell'Oceano Indiano con John McEnroe, Roddick e Chris Evert.

Nel novembre 2005, insieme a Martina Hingis, giocò contro Lisa Raymond e Samantha Stosur nelle finali WTT per beneficenza. Kurnikova fa anche parte dei Sacramento Capitals nel World TeamTennis (WTT), giocando solo in doppio. Nel 2010, in coppia con Hingis, torna a giocare il doppio ad invito al Torneo di Wimbledon.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Sconfitte in finale (4)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grand Slam (0)
WTA Championships (0)
Tier I (0)
Tier II (3)
Tier III (0)
Tier IV(1)
No. Data Torneo Superficie Compagna Avversario in finale Punteggio
1. 29 marzo 1998 Bandiera degli Stati Uniti Lipton Championships, Miami Cemento Bandiera degli Stati Uniti Venus Williams 6-2, 4-6, 1-6
2. 4 aprile 1999 Bandiera degli Stati Uniti Family Circle Cup, Hilton Head Island Terra verde Bandiera della Svizzera Martina Hingis 3-6, 4-6
3. 29 ottobre 2000 Bandiera della Russia Kremlin Cup, Mosca Cemento indoor Bandiera della Svizzera Martina Hingis 1-6, 3-6
4. 15 settembre 2002 Bandiera della Cina China Open, Shanghai Cemento Bandiera d'Israele Anna Smashnova 2-6, 3-6

Doppio[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (16)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda: Prima del 2009
Grande Slam (2)
Ori Olimpici (0)
WTA Championships (2)
Tier I (4)
Tier II (6)
Tier III (1)
Tier IV & V (1)
No. Data Torneo Superficie Compagna Avversarie in finale Punteggio
1. settembre 1998 Bandiera del Giappone Toyota Princess Cup, Tokyo Cemento Bandiera degli Stati Uniti Monica Seles Bandiera degli Stati Uniti Mary Joe Fernández
Bandiera della Spagna Arantxa Sánchez Vicario
6-4, 6-4
2. 31 gennaio 1999 Bandiera dell'Australia Australian Open, Melbourne Cemento Bandiera della Svizzera Martina Hingis Bandiera degli Stati Uniti Lindsay Davenport
Bandiera della Bielorussia Nataša Zvereva
7-5, 6-3
3. marzo 1999 Bandiera degli Stati Uniti Pacific Life Open, Indian Wells Cemento Bandiera della Svizzera Martina Hingis Bandiera degli Stati Uniti Mary Joe Fernández
Bandiera della Rep. Ceca Jana Novotná
6-2, 6-2
4. maggio 1999 Bandiera dell'Italia Internazionali BNL d'Italia, Roma Terra rossa Bandiera della Svizzera Martina Hingis Bandiera della Francia Alexandra Fusai
Bandiera della Francia Nathalie Tauziat
6-2, 6-2
5. giugno 1999 Bandiera della Cina International Women's Open, Eastbourne Erba Bandiera della Svizzera Martina Hingis Bandiera della Rep. Ceca Jana Novotná
Bandiera della Bielorussia Nataša Zvereva
6-4, ritirate
6. novembre 1999 Bandiera degli Stati Uniti WTA Tour Championships, New York Sintetico indoor Bandiera della Svizzera Martina Hingis Bandiera della Lettonia Larisa Neiland
Bandiera della Spagna Arantxa Sánchez Vicario
6-4, 6-4
7. gennaio 2000 Bandiera degli Stati Uniti Australian Women's Hardcourt, Gold Coast Cemento Bandiera della Francia Julie Halard Bandiera del Belgio Sabine Appelmans
Bandiera dell'Italia Rita Grande
6-3, 6-0
8. maggio 2000 Bandiera della Germania Hamburg Masters, Amburgo Terra rossa Bandiera della Bielorussia Nataša Zvereva Bandiera degli Stati Uniti Nicole Arendt
Bandiera dei Paesi Bassi Manon Bollegraf
(5)6-7, 6-2, 6-4
9. ottobre 2000 Bandiera della Germania Porsche Tennis Grand Prix, Filderstadt Cemento indoor Bandiera della Svizzera Martina Hingis Bandiera degli Stati Uniti Nicole Arendt
Bandiera dei Paesi Bassi Manon Bollegraf
(5)6-7, 6-2, 6-4
10. ottobre 2000 Bandiera della Germania Zürich Open, Zurigo Sintetico indoor Bandiera della Svizzera Martina Hingis Bandiera degli Stati Uniti Kimberly Po
Bandiera della Francia Anne-Gaëlle Sidot
6-3, 6-4
11. novembre 2000 Bandiera degli Stati Uniti Advanta Championships of Philadelphia, Filadelfia Sintetico indoor Bandiera della Svizzera Martina Hingis Bandiera degli Stati Uniti Lisa Raymond
Bandiera dell'Australia Rennae Stubbs
6-2, 7-5
12. novembre 2000 Bandiera degli Stati Uniti WTA Tour Championships, New York Sintetico indoor Bandiera della Svizzera Martina Hingis Bandiera degli Stati Uniti Nicole Arendt
Bandiera dei Paesi Bassi Manon Bollegraf
6-2, 6-3
13. gennaio 2001 Bandiera dell'Australia Medibank International Sydney, Sydney Cemento Bandiera dell'Austria Barbara Schett Bandiera degli Stati Uniti Lisa Raymond
Bandiera dell'Australia Rennae Stubbs
6-2, 7-5
14. ottobre 2001 Bandiera della Russia Kremlin Cup, Mosca Sintetico indoor Bandiera della Svizzera Martina Hingis Bandiera della Russia Elena Dement'eva
Bandiera della Russia Lina Krasnoruckaja
7-6(1), 6-3
15. gennaio 2002 Bandiera dell'Australia Australian Open, Melbourne Cemento Bandiera della Svizzera Martina Hingis Bandiera della Slovacchia Daniela Hantuchová
Bandiera della Spagna Arantxa Sánchez Vicario
6-2, 6(4)-7, 6-1
16. ottobre 2001 Bandiera della Cina China Open, Shanghai Cemento Bandiera di Taiwan Janet Lee Bandiera del Giappone Ai Sugiyama
Bandiera del Giappone Rika Fujiwara
7-6(1), 6-3

Sconfitte in finale (12)[modifica | modifica wikitesto]

No. Data Torneo Superficie Compagna Avversario in finale Punteggio
1. settembre 1995 Bandiera della Russia Moscow Ladies Open, Mosca Sintetico Bandiera della Polonia Aleksandra Olsza Bandiera degli Stati Uniti Meredith McGrath
Bandiera della Lettonia Larisa Savchenko-Neiland
0–6, 1–6
2. febbraio 1998 Bandiera della Francia Open Gaz de France, Parigi Cemento Bandiera della Lettonia Larisa Neiland Bandiera del Belgio Sabine Appelmans
Bandiera dei Paesi Bassi Miriam Oremans
6–1, 3–6, 7–6(3)
3. marzo 1998 Bandiera dell'Austria Generali Ladies Linz, Linz Cemento Bandiera della Lettonia Larisa Neiland Bandiera della Francia Alexandra Fusai
Bandiera della Francia Nathalie Tauziat
3–6, 6–3, 4–6
4. ottobre 1998 Bandiera della Germania Porsche Tennis Grand Prix, Filderstadt Cemento Bandiera della Spagna Arantxa Sánchez Vicario Bandiera degli Stati Uniti Lindsay Davenport
Bandiera della Bielorussia Natasha Zvereva
4–6, 2–6
5. giugno 1999 Bandiera della Francia Open di Francia, Parigi Terra rossa Bandiera della Svizzera Martina Hingis Bandiera degli Stati Uniti Serena Williams
Bandiera degli Stati Uniti Venus Williams
3–6, 7–6(2), 6–8
6. agosto 1999 Bandiera degli Stati Uniti Bank of the West Classic, Stanford Cemento Bandiera della Russia Elena Likhovtseva Bandiera degli Stati Uniti Lindsay Davenport
Bandiera degli Stati Uniti Corina Morariu
4–6, 4–6
7. marzo 2000 Bandiera degli Stati Uniti Indian Wells Masters, Indian Wells Cemento Bandiera della Bielorussia Natasha Zvereva Bandiera degli Stati Uniti Lindsay Davenport
Bandiera degli Stati Uniti Corina Morariu
2–6, 3–6
8. agosto 2000 Bandiera degli Stati Uniti Acura Classic, San Diego Cemento Bandiera degli Stati Uniti Lindsay Davenport Bandiera degli Stati Uniti Lisa Raymond
Bandiera dell'Australia Rennae Stubbs
6–4, 3–6, 6(6)–7
9. ottobre 2000 Bandiera della Russia Kremlin Cup, Mosca Sintetico Bandiera della Svizzera Martina Hingis Bandiera della Francia Julie Halard-Decugis
Bandiera del Giappone Ai Sugiyama
6–4, 4–6, 6(5)–7
10. febbraio 2001 Bandiera del Giappone Toray Pan Pacific Open, Tokyo Sintetico Bandiera dell'Uzbekistan Iroda Tulyaganova Bandiera degli Stati Uniti Lisa Raymond
Bandiera dell'Australia Rennae Stubbs
6(5)–7, 6–2, 6(6)–7
11. agosto 2001 Bandiera degli Stati Uniti Acura Classic, San Diego (2) Cemento Bandiera della Svizzera Martina Hingis Bandiera dello Zimbabwe Cara Black
Bandiera della Russia Elena Likhovtseva
4–6, 6–1, 4–6
12. gennaio 2002 Bandiera dell'Australia Medibank International Sydney, Sydney Cemento Bandiera della Svizzera Martina Hingis Bandiera degli Stati Uniti Lisa Raymond
Bandiera dell'Australia Rennae Stubbs
Ritirate

Risultati in progressione[modifica | modifica wikitesto]

Sigla Risultato
V Vincitore
F Finalista
SF Semifinalista
O Oro olimpico
A Argento olimpico
SF Bronzo olimpico
QF Quarti di Finale
4T Quarto turno
3T Terzo turno
2T Secondo turno
1T Primo turno
RR Round Robin
LQ Turno di qualificazione
A Assente
ND Non disputato
Legenda superfici
Cemento
Terra battuta
Erba
Superficie variabile

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Torneo 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 V-P
Bandiera dell'Australia Australian Open A 1T 3T 4T 4T QF 1T 2T A A A A
Bandiera della Francia Open di Francia A 3T 4T 4T 2T A 1T A A A A A
Bandiera del Regno Unito Wimbledon A SF A 4T 2T A 1T A A A A A
Bandiera degli Stati Uniti US Open 4T 2T 4T A 3T A 1T A A A A A
Vinte-Perse nel Grande Slam 3-1 8-4 9-3 12-4 7-4 4-1 1-4 1-1 44-22
Ranking a fine anno 57 32 13 12 8 74 35 305

Doppio nei tornei del Grande Slam[modifica | modifica wikitesto]

Torneo 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007
Bandiera dell'Australia Australian Open A 1T 2T V SF QF V 3T A A A A
Bandiera della Francia Open di Francia A 3T SF F 3T A A A A A A A
Bandiera del Regno Unito Wimbledon A 2T A A SF A SF A A A A A
Bandiera degli Stati Uniti US Open QF 3T 2T A 2T A QF A A A A A

Doppio misto nei tornei del Grande Slam[modifica | modifica wikitesto]

Torneo 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007
Bandiera dell'Australia Australian Open A SF 2T 1T SF 1T A 2T A A A A
Bandiera della Francia Open di Francia A QF 2T A A A A A A A A A
Bandiera del Regno Unito Wimbledon A 2T A F 1T A QF A A A A A
Bandiera degli Stati Uniti US Open A 2T A A F A A A A A A A

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Anna Kurnikova nel 2008
  • Nel poker Texas hold 'em il nome Kurnikova è usato per indicare quando un giocatore ha tra le mani asso (A) e re (K). Sebbene il riferimento siano chiaramente le iniziali comuni (delle carte e della tennista, AK), ironicamente si paragona questa combinazione alla tennista, sostenendo che è bella ma non vince.[5][6]
  • ESPN, citando le aspettative in confronto agli effettivi successi come giocatrice in singolare, ha messo Anna Kurnikova al 18º posto tra le “25 maggiori sportive non vincenti degli ultimi 25 anni”.[7]
  • Anna Kurnikova fu nominata tra le 50 persone più belle della rivista People nel 1998, 2000, 2002, e 2003 ed è stata votata “hottest female athlete” e “hottest couple” (con Enrique Iglesias) sul sito ESPN.com. Nel 2002 ha raggiunto il primo posto tra le 100 donne più sexy del mondo della rivista FHM nelle edizioni statunitensi e britanniche.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Anna Kournikova di Susan Holden (2001)
  • Anna Kournikova (Women Who Win) di Connie Berman

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN232552138 · ISNI (EN0000 0000 1280 9000 · LCCN (ENn2001105506 · GND (DE123104076 · BNF (FRcb14556336w (data) · WorldCat Identities (ENviaf-72292256