Convento di Santa Maria Assunta (Capriasca)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Convento di Santa Maria Assunta
Bigorio 5720 2.JPG
StatoSvizzera Svizzera
CantoneTicino Ticino
LocalitàBigorio (Capriasca)
Religionecattolica
TitolareMaria Assunta
OrdineFrati Cappuccini
Diocesi Lugano
Inizio costruzione1535
Completamento1767

Coordinate: 46°04′30.72″N 8°57′00.18″E / 46.0752°N 8.95005°E46.0752; 8.95005

Il convento di Santa Maria Assunta[1] è un edificio religioso dei frati cappuccini del canton Ticino. Sorge nei pressi del villaggio di Bigorio[2], frazione di Capriasca.

L'edificio risale al 1535 e fu la prima sede dei frati cappuccini in Svizzera. Nel XVII secolo venne ampliato mentre fra il 1760 ed il 1767 venne elevato di un piano[3]. Il complesso oggi si presenta come un insieme di 4 edifici disposti intorno ad un chiostro centrale sprovvisto di portico. Nel 1987 è stato danneggiato da un incendio, in seguito al quale sono stati eseguiti lavori di restauro dell'intera costruzione.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Nel convento si conserva una collezione di quadri e statue dei secoli XVI-XIX:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Convento di santa Maria Assunta - Inventario dei beni culturali Archiviato il 25 marzo 2013 in Internet Archive.
  2. ^ Bigorio, in Dizionario storico della Svizzera.
  3. ^ Borrani, 1896, 332-334.
  4. ^ Villata, Petrini, 2010, 84-90.
  5. ^ Villata, Assunta, 2010, 58-64.
  6. ^ Pietro Antonio Magatti Archiviato il 6 febbraio 2012 in Internet Archive.
  7. ^ Villata, 2009, 72-82; Colombo, 2001, 5-11; Coppa, 1989, 121-130; Bernardini, 2001, 124-125, 158-159, 162-167.
  8. ^ Sikart: Roberto Pasotti

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Siro Borrani, Il Ticino Sacro. Memorie religiose della Svizzera Italiana raccolte dal sacerdote Siro Borrani prevosto di Losone, Tip. e Libreria Cattolica di Giovanni Grassi, Lugano 1896.
  • Edoardo Arslan, Giuseppe Antonio Petrini, Bellinzona 1960.
  • Bernhard Anderes, Guida d'arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 288-289.
  • Simonetta Coppa, Schede di pittura lombarda del Settecento: Magatti, Pietro Ligari e altri, in «Arte Cristiana», LXVII, 731, 1989.
  • Federica Bianchi, Scheda n. 32, in Rudy Chiappini (a cura di), «Giuseppe Antonio Petrini», catalogo della mostra di Lugano, Milano 1991, 170-171.
  • Silvano Colombo, Appunti su Pietro Antonio Magatti e sulla mostra delle sue opere al castello di Masnago, in «Tracce», n.s., 2001.
  • Anna Bernardini, Villa Menafoglio Litta Panza, Biumo Superiore, Varese, in Pietro Antonio Magatti, 2001.
  • Edoardo Agustoni, Ivano Proserpi, Il Santuario di Santa Maria dei Miracoli e il suo apparato decorativo, in Santa Maria dei Miracoli, Morbio Inferiore: arte, storia, messaggio, Morbio Inferiore 2003, 45-84.
  • Luciano Vaccaro, Giuseppe Chiesi, Fabrizio Panzera, Terre del Ticino. Diocesi di Lugano, Editrice La Scuola, Brescia 2003.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 371, 374.
  • Edoardo Villata, Magatti ticinese, vecchio e nuovo, in «Arte&Storia», anno 8, numero 43, Edizioni Ticino Management, Lugano 2009; Idem, La tela dell'Assunta al Bigorio. Precisazioni e meditazioni sulle opere del convento ticinese, in «Arte&Storia», anno 8, numero 47, Edizioni Ticino Management, Lugano 2010; Idem, Petrini inedito e seriale. Un nuovo Cristo crocifisso al Bigorio, in Arte&Storia, anno 11, anno 49, Edizioni Ticino Management, Lugano 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]