Coldrerio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Coldrerio
comune
Coldrerio – Stemma
Coldrerio – Veduta
Localizzazione
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Flag of Canton of Tessin.svg Ticino
Distretto Mendrisio
Amministrazione
Lingue ufficiali italiano
Territorio
Coordinate 45°51′11″N 8°59′10″E / 45.853056°N 8.986111°E45.853056; 8.986111 (Coldrerio)Coordinate: 45°51′11″N 8°59′10″E / 45.853056°N 8.986111°E45.853056; 8.986111 (Coldrerio)
Altitudine 351 m s.l.m.
Superficie 2,46 km²
Abitanti 2 893 (2016)
Densità 1 176,02 ab./km²
Frazioni Mezzana, Villa
Comuni confinanti Balerna, Castel San Pietro, Mendrisio, Novazzano
Altre informazioni
Cod. postale 6877
Prefisso 091
Fuso orario UTC+1
Codice OFS 5251
Targa TI
Circolo Coldrerio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Coldrerio
Coldrerio
Coldrerio – Mappa
Sito istituzionale

Coldrerio (in dialetto comasco Culdrée[senza fonte]) è un comune svizzero di 2 893 abitanti del Canton Ticino, nel distretto di Mendrisio.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

La regione gode d'un buon soleggiamento con moderate precipitazioni annue[senza fonte].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La località viene nominata per la prima volta nell'852 nela forma Caledrano[1]; nel 1185 ricorre in un atto notarile[2]. Il 21 luglio 1867 scoppiò il primo caso di colera[3].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Ex Villa Cigalini, edificio del XVII-XVIII secolo costruito sul luogo di una più antica abitazione[senza fonte];
  • Edificio rurale in località Costa di sopra, costruito nella seconda metà del XV secolo[senza fonte].

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

L'evoluzione demografica è riportata nella seguente tabella[1]:

Abitanti censiti

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Nella località di Mezzana si trova la sede dell'Istituto agrario cantonale[senza fonte].

Persone legate a Coldrerio[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Persone legate a Coldrerio

Economia[modifica | modifica wikitesto]

  • Il clima mite favorisce la coltivazione della vite[senza fonte].

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Ogni famiglia originaria del luogo fa parte del cosiddetto comune patriziale e ha la responsabilità della manutenzione di ogni bene ricadente all'interno dei confini del comune.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Stefania Bianchi, Coldrerio, in Dizionario storico della Svizzera, 21 aprile 2011. URL consultato il 13 novembre 2017.
  2. ^ Motta, 1991, p. 13.
  3. ^ Motta, 1991, p. 64.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Siro Borrani, Il Ticino Sacro. Memorie religiose della Svizzera Italiana raccolte dal sacerdote Siro Borrani prevosto di Losone, Tip. e Libreria Cattolica di Giovanni Grassi, Lugano 1896.
  • Giuseppe Bianchi, Gli artisti ticinesi. Dizionario biografico, Libreria Bianchi, Lugano 1900.
  • Giuseppe Martinola (a cura di), Invito al Mendrisiotto, Lions Club del Mendrisiotto, Bellinzona 1965, 15-17.
  • Virgilio Gilardoni, Il Romanico. Catalogo dei monumenti nella Repubblica e Cantone del Ticino, La Vesconta, Casagrande S.A., Bellinzona 1967, 199, 279, 303-304, 514.
  • Giuseppe Martinola, Inventario d'Arte del Mendrisiotto, I, Edizioni dello Stato, Bellinzona 1975, 168-199.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 11, 363-365, 368.
  • Emilio Motta, Effemeridi ticinesi, ristampa, Edizioni Metà Luna, Giubiasco 1991.
  • Luciano Vaccaro, Giuseppe Chiesi, Fabrizio Panzera, Terre del Ticino. Diocesi di Lugano, Editrice La Scuola, Brescia 2003, 83, 84, 99, 100, 248, 300.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 453-456.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN247384766 · GND: (DE4576553-4
Ticino Portale Ticino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ticino