Alto Malcantone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alto Malcantone
comune
Alto Malcantone – Stemma
Alto Malcantone – Veduta
Breno, capoluogo comunale
Localizzazione
StatoSvizzera Svizzera
CantoneFlag of Canton of Tessin.svg Ticino
DistrettoLugano
Amministrazione
Lingue ufficialiItaliano
Data di istituzione2005
Territorio
Coordinate46°02′02″N 8°52′12″E / 46.033889°N 8.87°E46.033889; 8.87 (Alto Malcantone)Coordinate: 46°02′02″N 8°52′12″E / 46.033889°N 8.87°E46.033889; 8.87 (Alto Malcantone)
Altitudine810 m s.l.m.
Superficie22,1 km²
Abitanti1 414 (2016)
Densità63,98 ab./km²
FrazioniArosio, Breno, Fescoggia, Mugena, Vezio
Comuni confinantiAranno, Bedano, Bioggio, Cademario, Curiglia con Monteviasco (IT-VA), Gambarogno, Gravesano, Manno, Mezzovico-Vira, Miglieglia, Monteceneri, Torricella-Taverne
Altre informazioni
Cod. postale6937, 6938, 6939
Prefisso91
Fuso orarioUTC+1
Codice OFS5237
TargaTI
CircoloBreno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Alto Malcantone
Alto Malcantone
Alto Malcantone – Mappa
Sito istituzionale

Alto Malcantone è un comune svizzero di 1 414 abitanti del Canton Ticino, nel distretto di Lugano.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è situato nel Malcantone, sulle falde meridionali della catena Monte Lema-Monte Tamaro.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è stato istituito il 14 marzo[senza fonte] 2005 con la fusione dei comuni soppressi di Arosio, Breno, Fescoggia, Mugena e Vezio; capoluogo comunale è Breno.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

L'evoluzione demografica è riportata nella seguente tabella[1]:

Abitanti censiti

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alto Malcantone, in Dizionario storico della Svizzera, 28 settembre 2016. URL consultato il 7 ottobre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Virgilio Chiesa, Lineamenti storici del Malcantone, 1961.
  • Agostino Robertini, Silvano Toppi, Gian Piero Pedrazzi, Arosio, in Il Comune, Edizioni Giornale del popolo, Lugano 1974.
  • Plinio Grossi, Il Malcantone, riedizione della Guida Galli-Tamburini, Fontana Print S. A. Pregassona 1984.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Porza-Lugano 1980.
  • Giovanni Maria Staffieri, Malcantone. Testimonianze culturali nei comuni malcantonesi, Lugano-Agno 1985.
  • Flavio Maggi, Patriziati e patrizi ticinesi, Pramo Edizioni, Viganello 1997.
  • Luciano Vaccaro, Giuseppe Chiesi, Fabrizio Panzera, Terre del Ticino. Diocesi di Lugano, Editrice La Scuola, Brescia 2003.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Ticino Portale Ticino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ticino