Morbio Inferiore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Morbio Inferiore
comune
Morbio Inferiore – Stemma
Morbio Inferiore – Veduta
Localizzazione
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Wappen Tessin matt.svg Ticino
Distretto Mendrisio
Amministrazione
Lingue ufficiali Italiano
Territorio
Coordinate 45°51′N 9°01′E / 45.85°N 9.016667°E45.85; 9.016667 (Morbio Inferiore)Coordinate: 45°51′N 9°01′E / 45.85°N 9.016667°E45.85; 9.016667 (Morbio Inferiore)
Altitudine 342 m s.l.m.
Superficie 2,32 km²
Abitanti 4 631[1] (31-12-2013)
Densità 1 996,12 ab./km²
Frazioni Fontanella
Comuni confinanti Balerna, Breggia, Castel San Pietro, Chiasso, Vacallo
Altre informazioni
Cod. postale 6834
Prefisso 091
Fuso orario UTC+1
Codice OFS 5257
Targa TI
Nome abitanti morbiensi
Circolo Balerna
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Morbio Inferiore
Morbio Inferiore – Mappa
Sito istituzionale

Morbio Inferiore (Morbi da Sott in dialetto ticinese) è un comune svizzero del Canton Ticino.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'insediamento ha origini romane, testimoniate dalla villa le cui fondamenta furono trovate nel 1920. Successivamente vi si stabilì la famiglia De Castello, che costruì una fortezza citata per la prima volta nel 1198 e poi nel 1206 e nel 1209[2].

Un'altra vicenda rilevante per la storia locale è l'occupazione subìta l'8 luglio 1943, dopo i fatti del Bisbino[3].

Politica amministrativa comunale[modifica | modifica wikitesto]

I sindaci di Vacallo, Chiasso e Morbio Inferiore avevano deciso di lanciare l'idea nel novembre del 2004 di creare un unico comune, tramite la sottoscrizione di una dichiarazione d'intesa. La fusione avrebbe permesso ai tre comuni di aumentare l'offerta di servizi per la popolazione, questo almeno l'intendimento dei sindaci. Il progetto non ha però convinto i cittadini che lo ha respinto a grande maggioranza in votazione popolare.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Edilizia religiosa[modifica | modifica wikitesto]

La scuola media e il gigante sotterrato di Pierino Selmoni

Edilizia civile[modifica | modifica wikitesto]

L'impianto dismesso della Saceba
  • La casa parrocchiale[5].
  • La scuola media, costruita fra il 1972 e il 1977 su progetto di Mario Botta con il Gigante sotterrato dello scultore Pierino Selmoni.
  • La casa unifamiliare di via Ligrignano, costruita su progetto di Botta fra il 1977 e il 1978.
  • La "Villa in Mura", in via Vela, struttura neorinascimentale costruita nel 1924.
  • La "Villa van Laak", costruita in stile eclettico.
  • L'ex fabbrica della Saceba, in via dei Mulini.
  • Gli edifici a blocchi in via Pascuritt, progettati da Fabio Muttoni ed Elio Ostinelli.
  • La casa unifamiliare di via Vacallo, costruita fra il 1986 e il 1988 su progetto di Mario Botta.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti

Persone legate a Morbio Inferiore[modifica | modifica wikitesto]

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Statistica Svizzera - STAT-TAB: Popolazione residente permanente e temporanea per regione, sesso, nazionalità ed età
  2. ^ Gilardoni, 1967, 435.
  3. ^ Motta, 1991, 61.
  4. ^ Francesco Antonio Silva
  5. ^ Casa parrocchiale - Inventario dei beni culturali

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Bianchi, Gli artisti ticinesi. Dizionario biografico, Libreria Bianchi, Lugano 1900.
  • Virgilio Gilardoni, Il Romanico. Catalogo dei monumenti nella Repubblica e Cantone del Ticino, La Vesconta, Casagrande S.A., Bellinzona 1967, 435-436, 475, 576.
  • Giuseppe Martinola (a cura di), Invito al Mendrisiotto, Lions Club del Mendrisiotto, Bellinzona 1965, 47-50; Idem, Inventario d'arte del Mendrisiotto, I, Edizioni dello Stato, Bellinzona 1975, 350-381, 490-497.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 376-379.
  • Emilio Motta, Effemeridi ticinesi, ristampa Edizioni Metà Luna, Giubiasco 1991.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 470-473.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Ticino Portale Ticino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ticino