Collina d'Oro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Collina d'Oro
comune
Collina d'Oro – Stemma
Collina d'Oro – Veduta
Gentilino, capoluogo comunale
Localizzazione
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Flag of Canton of Tessin.svg Ticino
Distretto Lugano
Amministrazione
Lingue ufficiali italiano
Data di istituzione 2004
Territorio
Coordinate 45°58′18″N 8°54′45″E / 45.971667°N 8.9125°E45.971667; 8.9125 (Collina d'Oro)Coordinate: 45°58′18″N 8°54′45″E / 45.971667°N 8.9125°E45.971667; 8.9125 (Collina d'Oro)
Altitudine 469 m s.l.m.
Superficie 6,89 km²
Abitanti 4 656 (2016)
Densità 675,76 ab./km²
Frazioni vedi elenco
Comuni confinanti Grancia, Lugano, Muzzano, Sorengo
Altre informazioni
Cod. postale 6919, 6925, 6926, 6927
Prefisso 091
Fuso orario UTC+1
Codice OFS 5236
Targa TI
Circolo Paradiso
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Collina d'Oro
Collina d'Oro
Collina d'Oro – Mappa
Sito istituzionale

Collina d'Oro (in dialetto ticinese Colina d'Or)[senza fonte]) è un comune svizzero di 4 656 abitanti del Canton Ticino, nel distretto di Lugano.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è stato istituito il 4 aprile[senza fonte] 2004[1] con la fusione dei comuni soppressi di Agra, Gentilino e Montagnola; capoluogo comunale è Gentilino. Il 1º aprile[senza fonte] 2012 è stato aggregato a Collina d'Oro il comune soppresso di Carabietta.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

L'evoluzione demografica è riportata nella seguente tabella:

Abitanti censiti

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

A Montagnola dal 1997 hanno sede la fondazione e il museo intitolati a Hermann Hesse[2].

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Altre località minori sono Barca, Cadepiano, Cantonetto, Certenago, Civra, , Ghiera, Guasto, Minigera, Orino, Pianroncate, Poporino, Ronchignolo, Scairolo Vecchio, Semolcina e Vignino[3].

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è servito dalla stazione di Cappella-Agnuzzo lungo la ferrovia Lugano-Ponte Tresa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Chiara Orelli, Collina d'Oro, in Dizionario storico della Svizzera, 11 gennaio 2017. URL consultato il 19 ottobre 2017.
  2. ^ (DEENIT) Museo e fondazione Herman Hesse Montagnola, hessemontagnola.ch. URL consultato il 19 ottobre 2017.
  3. ^ Comune, su sito istituzionale del comune di Collina d'Oro. URL consultato il 19 ottobre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Virgilio Gilardoni, Il Romanico. Arte e monumenti della Lombardia prealpina, Istituto grafico Casagrande, Bellinzona 1967, 174-175, 202, 329, 474.
  • A. Mario Redaelli, Storia e storie della Collina d'Oro. Note di storia e d'arte, Gaggini-Bizzozero S. A., Lugano 1977.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 300-301.
  • Sebastiano B. Brocchi, Collina d'Oro - I Tesori dell'Arte, IKEA 2004.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 336-338.
  • Katja Bigger, Collina d'Oro, Guide storico-artistiche della Svizzera, Società di storia dell'arte in Svizzera, Berna 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN248790491 · GND: (DE7704488-5
Ticino Portale Ticino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ticino