Gresso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gresso
frazione
Gresso – Stemma
Localizzazione
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Wappen Tessin matt.svg Ticino
Distretto Locarno
Comune Onsernone
Amministrazione
Lingue ufficiali Italiano
Territorio
Coordinate 46°13′36″N 8°37′01″E / 46.226667°N 8.616944°E46.226667; 8.616944 (Gresso)Coordinate: 46°13′36″N 8°37′01″E / 46.226667°N 8.616944°E46.226667; 8.616944 (Gresso)
Altitudine 996 m s.l.m.
Superficie 11,1 km²
Abitanti 41[1] (31-12-2013)
Densità 3,69 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 6611
Prefisso 091
Fuso orario UTC+1
Codice OFS 5109
Targa TI
Parte di Onsernone
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Gresso
Gresso
Gresso – Mappa
Sito istituzionale

1leftarrow blue.svgVoce principale: Onsernone.

Gresso è un ex comune svizzero del Canton Ticino, situato nel distretto di Locarno. Costituito nel 1882, separandosi dal comune di Vergeletto, il piccolo villaggio si trova sullo scosceso pendio inciso dal torrente della Crosa e della valle di Quiello.

Politica amministrativa[modifica | modifica wikitesto]

Con votazione popolare del 23 settembre 2012 e con 27 voti favorevoli e 6 contrari, i suoi cittadini hanno accettato la fusione per incorporazione nel vicino comune di Onsernone assieme agli ex comuni di Isorno, Mosogno e Vergeletto. La fusione è diventata esecutiva il 20 maggio 2015 dopo la ratifica del Gran Consiglio.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti

Amministrazioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1882 la località di Gresso è stata separata dal comune di Vergeletto e costituita in comune autonomo.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • L'oratorio di Sant'Orsola costruito nel 1703 con affresco del 1948[2],[3]
  • Casa di vacanza (1969/1971) Architetti: Franco Moro, Paolo Moro[2],[3]
  • Diverse case contadine tipiche con ballatoi di legno[2],[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Statistica Svizzera - STAT-TAB: Popolazione residente permanente e temporanea per regione, sesso, nazionalità ed età
  2. ^ a b c Simona Martinoli et alii: Guida d'arte della Svizzera italiana, Hrsg. Gesellschaft für Schweizerische Kunstgeschichte, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, ISBN 978-88-7713-482-0, 228.
  3. ^ a b c Elfi Rüsch: Distretto di Locarno IV, Editrice Gesellschaft für Schweizerische Kunstgeschichte, Bern 2013, ISBN 978-3-03797-084-3, 397–401.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Guglielmo Buetti, Note Storiche Religiose delle Chiese e Parrocchie della Pieve di Locarno, (1902), e della Verzasca, Gambarogno, Valle Maggia e Ascona (1906), II edizione, Pedrazzini Edizioni, Locarno 1969.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 205.
  • Simona Martinoli et alii, Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007.
  • Elfi Rüsch: Distretto di Locarno IV, Editrice Gesellschaft für Schweizerische Kunstgeschichte, Bern 2013, ISBN 978-3-03797-084-3.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN237357898 · GND: (DE4263965-7
Ticino Portale Ticino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ticino