Acquarossa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il sito archeologico italiano situato a Viterbo (Lazio), vedi Acquarossa (sito archeologico).
Acquarossa
comune
Acquarossa – Stemma
Acquarossa – Veduta
Localizzazione
StatoSvizzera Svizzera
CantoneFlag of Canton of Tessin.svg Ticino
DistrettoBlenio
Amministrazione
SindacoOdis Barbara De Leoni
Lingue ufficialiItaliano
Data di istituzione2004
Territorio
Coordinate46°25′20″N 8°56′18″E / 46.422222°N 8.938333°E46.422222; 8.938333 (Acquarossa)Coordinate: 46°25′20″N 8°56′18″E / 46.422222°N 8.938333°E46.422222; 8.938333 (Acquarossa)
Altitudine528 m s.l.m.
Superficie61,7 km²
Abitanti1 856 (2015)
Densità30,08 ab./km²
Frazionivedi elenco
Comuni confinantiBlenio, Faido, Serravalle
Altre informazioni
Cod. postale6715, 6716, 6722, 6723, 6724
Prefisso091
Fuso orarioUTC+1
Codice OFS5048
TargaTI
CircoloAcquarossa
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Acquarossa
Acquarossa
Acquarossa – Mappa
Sito istituzionale

Acquarossa (in dialetto ticinese Aquarossa[senza fonte]) è un comune svizzero di 1 856 abitanti del Canton Ticino. Capoluogo del distretto di Blenio, facente parte della Regione Tre Valli. È stato istituito il 4 aprile 2004 con la fusione dei comuni soppressi di Castro, Corzoneso, Dongio, Largario, Leontica, Lottigna, Marolta, Ponto Valentino e Prugiasco; capoluogo comunale è Acquarossa, località termale posta nella parte centrale del territorio, precedentemente frazione di Lottigna.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

L'evoluzione demografica è riportata nella seguente tabella[2]:

Abitanti censiti

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

% Ripartizione linguistica (gruppi principali)
Fonte: Ritratti comunali dell'Ufficio federale di statistica 2000
7% madrelingua tedesca
88,1% madrelingua italiana
1,6% madrelingua albanese

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sonia Fiorini, Lottigna, in Dizionario storico della Svizzera, 9 gennaio 2017. URL consultato il 31 agosto 2017.
  2. ^ Acquarossa, in Dizionario storico della Svizzera, 28 settembre 2016. URL consultato il 31 agosto 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Piero Bianconi, Arte in Blenio. Guida della valle, S.A. Grassi & Co. Bellinzona-Lugano 1944; Idem, Inventario delle cose d'arte e di antichità, I, S.A. Grassi & Co, Bellinzona 1948, 71-77.
  • Virgilio Gilardoni, Il Romanico. Catalogo dei monumenti nella Repubblica e Cantone del Ticino, La Vesconta, Casagrande S.A., Bellinzona 1967, 388.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 59, 61-63, 69.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 89-94.
  • Edoardo Villata, Luigi Reali nel Canton Ticino. Un'autorecensione, in Arte & Storia, a. 8, n. 39, Edizioni Ticino Management, Lugano 2008, 76-82.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN14145424477986831117 · GND (DE4079620-6
Ticino Portale Ticino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ticino