Dongio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dongio
frazione
Dongio – Veduta
Localizzazione
StatoSvizzera Svizzera
CantoneFlag of Canton of Tessin.svg Ticino
DistrettoBlenio
ComuneAcquarossa
Territorio
Coordinate46°26′N 8°57′E / 46.433333°N 8.95°E46.433333; 8.95 (Dongio)Coordinate: 46°26′N 8°57′E / 46.433333°N 8.95°E46.433333; 8.95 (Dongio)
Altitudine478 m s.l.m.
Superficie12,85 km²
Abitanti323 (2000)
Densità25,14 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale6715
Prefisso091
Fuso orarioUTC+1
TargaTI
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Dongio
Dongio

Dongio è una frazione di 323 abitanti del comune svizzero di Acquarossa, nel Canton Ticino (distretto di Blenio).

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1758 una frana distrusse gran parte dell'abitato[1][2]; sui luoghi della frana scavi alcuni archeologici ritrovarono reperti risalenti all'età del ferro[senza fonte].

Il territorio del comune di Dongio prima degli accorpamenti comunali del 2004

Fino al 3 aprile 2004 è stato un comune autonomo che si estendeva per 12,85 km²; il 4 aprile 2004 è stato accorpato agli altri comuni soppressi di Castro, Corzoneso, Largario, Leontica, Lottigna, Marolta, Ponto Valentino e Prugiasco per formare il nuovo comune di Acquarossa.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

L'evoluzione demografica è riportata nella seguente tabella[1]:

Abitanti censiti

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Ogni famiglia originaria del luogo fa parte del cosiddetto comune patriziale e ha la responsabilità della manutenzione di ogni bene ricadente all'interno dei confini della frazione.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

La zona di partenza e di arrivo del Giro Media Blenio 2011

A Dongio si tiene annualmente, nel giorno di Pasquetta, il Giro Media Blenio, una corsa podistica creata nel 1985 per omaggiare Markus Ryffel, vincitore della medaglia d'argento nella gara dei 5000 metri ai Giochi della XXIII Olimpiade di Los Angeles 1984.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Sonia Fiorini, Dongio, in Dizionario storico della Svizzera, 9 gennaio 2017. URL consultato il 1º settembre 2017.
  2. ^ StorMe - Catasto eventi naturali (PDF), su sitmap.ti.ch. URL consultato il 1º settembre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Johann Rudolf Rahn, I monumenti artistici del medio evo nel Cantone Ticino, Tipo-Litografia di Carlo Salvioni, Bellinzona 1894, 95-96, (Motto) 232.
  • Piero Bianconi, Arte in Blenio. Guida della valle, S.A. Grassi & Co. Bellinzona-Lugano 1944.
  • Piero Bianconi, Inventario delle cose d'arte e d'antichità, volume I, Le tre valli superiori, S. A. Grassi & Co, Bellinzona 1948, 71-75.
  • Virgilio Gilardoni, Il Romanico. Catalogo dei monumenti nella Repubblica e Cantone del Ticino, La Vesconta, Casagrande S.A., Bellinzona 1967, 38, 40, 299, 324-327, 463, 493, 494.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 59, 61-63, 69.
  • Flavio Maggi, Patriziati e patrizi ticinesi, Pramo Edizioni, Viganello 1997.
  • Gianni Mazzucchelli, Il Miqweh di Dongio, Edizioni Pietra e Storia, 2006.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 81, 84, 85, 89, 90, 92, 103.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN136486760 · GND (DE7650866-3
Ticino Portale Ticino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ticino