Linescio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Linescio
comune
Linescio – Stemma
Dati amministrativi
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Wappen Tessin matt.svg Ticino
Distretto Vallemaggia
Lingue ufficiali Italiano
Territorio
Coordinate 46°18′40″N 8°35′05″E / 46.311111°N 8.584722°E46.311111; 8.584722 (Linescio)Coordinate: 46°18′40″N 8°35′05″E / 46.311111°N 8.584722°E46.311111; 8.584722 (Linescio)
Altitudine 664 m s.l.m.
Superficie 6,59 km²
Abitanti 51[1] (31-12-2012)
Densità 7,74 ab./km²
Comuni confinanti Cerentino, Cevio
Altre informazioni
Cod. postale 6682
Prefisso 091
Fuso orario UTC+1
Codice OFS 5315
Targa TI
Circolo Rovana
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Svizzera
Linescio
Linescio – Mappa

Linescio (Linesc in dialetto ticinese) è un comune svizzero del Canton Ticino, separatosi da Cevio nel 1858.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Edilizia religiosa[modifica | modifica sorgente]

Edilizia civile[modifica | modifica sorgente]

  • Il villaggio fantasma di Faïd (Faedo).
  • I terrazzamenti a scopi agricoli nelle zone Gerbi e Cios, costruiti con muraglie in pietra.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Statistica Svizzera - STAT-TAB: Popolazione residente permanente e temporanea per regione, sesso, nazionalità ed età

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Guglielmo Buetti, Note Storiche Religiose delle Chiese e Parrocchie della Pieve di Locarno, (1902), e della Verzasca, Gambarogno, Valle Maggia e Ascona (1906), II edizione, Pedrazzini Edizioni, Locarno 1969.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 182.
  • Flavio Maggi, Patriziati e patrizi ticinesi, Pramo Edizioni, Viganello 1997.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 251, 252.
  • Teresio Valsesia, Restaurata la cappella di Fait, il villaggio fantasma, in «Giornale del Popolo», 2 febbraio 2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]