Bedigliora

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bedigliora
comune
Bedigliora – Stemma
Il campanile di San Rocco
Il campanile di San Rocco
Localizzazione
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Flag of Canton of Tessin.svg Ticino
Distretto Lugano
Amministrazione
Lingue ufficiali Italiano
Territorio
Coordinate 46°00′20″N 8°50′40″E / 46.005556°N 8.844444°E46.005556; 8.844444 (Bedigliora)Coordinate: 46°00′20″N 8°50′40″E / 46.005556°N 8.844444°E46.005556; 8.844444 (Bedigliora)
Altitudine 612 m s.l.m.
Superficie 2,5 km²
Abitanti 639[1] (31-12-2013)
Densità 255,6 ab./km²
Frazioni Banco, Nerocco
Comuni confinanti Croglio, Curio, Novaggio, Pura, Sessa.
Altre informazioni
Cod. postale 6981
Prefisso 091
Fuso orario UTC+1
Codice OFS 5149
Targa TI
Nome abitanti ciòd (chiodi, assioli); fraz. di Banco: oròcch (allocchi)
Circolo Sessa
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Bedigliora
Bedigliora
Bedigliora – Mappa
Sito istituzionale

Bedigliora[2] (Bobiova in dialetto ticinese) è un comune svizzero del Canton Ticino, situato nel Malcantone, sulla falda meridionale del colle Bedeia.

Politica regionale[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 agosto 2004 è stato bocciato il progetto di fusione per il nuovo comune denominato "Medio Malcantone" al fine di unire Astano, Bedigliora, Curio, Miglieglia e Novaggio. L'aggregazione è stata abbandonata a causa del risultato negativo della votazione della popolazione dei comuni interessati.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti

Persone legate a Bedigliora[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Personalità legate a Bedigliora
Viuzze acciottolate interne

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il patriziato di Bedigliora, Banco e Nerocco[modifica | modifica wikitesto]

Ogni famiglia originaria del luogo fa parte del cosiddetto comune patriziale ed ha la responsabilità della manutenzione di ogni bene ricadente all'interno dei confini del comune.[3]

L'ufficio patriziale rieletto il 26 aprile 2009 è presieduto da Fabio Lorenzetti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Statistica Svizzera - STAT-TAB: Popolazione residente permanente e temporanea per regione, sesso, nazionalità ed età
  2. ^ Bedigliora, in Dizionario storico della Svizzera.
  3. ^ Annuario del Canton Ticino

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Siro Borrani, Il Ticino Sacro. Memorie religiose della Svizzera Italiana raccolte dal sacerdote Siro Borrani prevosto di Losone, Tip. e Libreria Cattolica di Giovanni Grassi, Lugano 1896.
  • Virgilio Chiesa, Lineamenti storici del Malcantone, Tipografia Gaggini-Bizzozero, Lugano 1961.
  • Virgilio Gilardoni, Il Romanico. Arte e monumenti della Lombardia prealpina, Istituto grafico Casagrande, Bellinzona 1967, 203, 229, 278, 321, 461.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 247-248.
  • Plinio Grossi, Il Malcantone, riedizione della Guida Galli-Tamburini, Fontana Print S. A. Pregassona 1984, 94-97, 141, 147.
  • Giovanni Maria Staffieri, "Bedigliora", in Malcantone. Testimonianze culturali nei comuni malcantonesi, Lugano-Agno 1985, 36-39, 61.
  • Flavio Maggi, Patriziati e patrizi ticinesi, Pramo Edizioni, Viganello 1997.
  • Teodoro Amadò, La parrocchia di Bedigliora: gli edifici sacri, gli economi spirituali e i parroci, in Almanacco Malcantonese e Valle del Vedeggio, Bernasconi, Agno 2000, 85ss.
  • Virgilio Chiesa, Lineamenti storici del Malcantone, riedizione Museo del Malcantone, Curio 2002, 254.
  • Luciano Vaccaro, Giuseppe Chiesi, Fabrizio Panzera, Terre del Ticino. Diocesi di Lugano, Editrice La Scuola, Brescia 2003, 57.
  • Mario Berardi, Maria Boschetti Alberti, una grande educatrice, in Rivista di Lugano del 19 novembre 2004.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 408-409.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN237072605 · GND: (DE7732099-2
Ticino Portale Ticino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ticino