Brione Verzasca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Brione Verzasca
comune
Brione Verzasca – Stemma
Brione Verzasca – Veduta
Localizzazione
StatoSvizzera Svizzera
CantoneFlag of Canton of Tessin.svg Ticino
DistrettoLocarno
Amministrazione
Lingue ufficialiItaliano
Data di istituzione1852
Territorio
Coordinate46°18′N 8°48′E / 46.3°N 8.8°E46.3; 8.8 (Brione Verzasca)Coordinate: 46°18′N 8°48′E / 46.3°N 8.8°E46.3; 8.8 (Brione Verzasca)
Altitudine756 e 750 m s.l.m.
Superficie48,5 km²
Abitanti182 (2015)
Densità3,75 ab./km²
Comuni confinantiAvegno Gordevio, Cevio, Cugnasco-Gerra, Lavertezzo, Lavizzara, Sonogno
Altre informazioni
Cod. postale6634
Prefisso091
Fuso orarioUTC+1
Codice OFS5095
TargaTI
CircoloVerzasca
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Brione Verzasca
Brione Verzasca
Brione Verzasca – Mappa
Sito istituzionale

Brione Verzasca (in dialetto ticinese Briom o Briui[senza fonte]) è un comune svizzero di 182 abitanti del Canton Ticino, nel distretto di Locarno.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Brione Verzasca si trova sul lato sinistro della Valle Verzasca. A Brione Verzasca si trova il baricentro del Canton Ticino, lungo il sentiero che da Alnasca porta al Poncione d'Alnasca a circa 1 500 m s.l.m.[senza fonte].

Il territorio comunale comprende i laghetti alpini di Starlarèsc da Scimarmòta, di Pianca e di Masnee[1], di proprietà del locale patriziato[senza fonte].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Anticamente faceva parte della vicinia di Verzasca, come una "squadra" distinta[2]. In questo villaggio nel 1644 venne costruita la prima[senza fonte] scuola elementare[2] della valle grazie al lascito del brionese Giovanni Gada[senza fonte].

L'autonomia comunale è stata istituita nel 1852 con la divisione del comune soppresso di Brione-Gerra nei nuovi comuni di Brione Verzasca e Gerra Verzasca[2].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

L'evoluzione demografica è riportata nella seguente tabella[2]:

Abitanti censiti

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Ogni famiglia originaria del luogo fa parte del cosiddetto comune patriziale e ha la responsabilità della manutenzione di ogni bene ricadente all'interno dei confini del comune.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Starlarèsc da Scimarmòta, su www4.ti.ch. URL consultato il 16 settembre 2017.
  2. ^ a b c d e f Daniela Pauli Falconi, Brione Verzasca, in Dizionario storico della Svizzera, 20 gennaio 2003. URL consultato il 16 settembre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Johann Rudolf Rahn, I monumenti artistici del medio evo nel Cantone Ticino, Tipo-Litografia di Carlo Salvioni, Bellinzona 1894, 69-70.
  • Virgilio Gilardoni, Il Romanico. Catalogo dei monumenti nella Repubblica e Cantone del Ticino, La Vesconta, Casagrande S.A., Bellinzona 1967, 235.
  • Guglielmo Buetti, Note Storiche Religiose delle Chiese e Parrocchie della Pieve di Locarno, (1902), e della Verzasca, Gambarogno, Valle Maggia e Ascona (1906), II edizione, Pedrazzini Edizioni, Locarno 1969.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 168-171, 325.
  • Flavio Maggi, Patriziati e patrizi ticinesi, Pramo Edizioni, Viganello 1997.
  • Dante Scolari, Valle Verzasca. La chiesa di Santa Maria Assunta e il castello Marcacci di Brione Verzasca, in «Bollettino della Società Storica Locarnese», Tipografia Pedrazzini, Locarno 1999, 133-136; Idem, Valle Verzasca. Affreschi di Giovanni Antonio Vanoni a Gerra e di un anonimo del Seicento a Brione Verzasca, 137-139.
  • Luciano Vaccaro, Giuseppe Chiesi, Fabrizio Panzera, Terre del Ticino. Diocesi di Lugano, Editrice La Scuola, Brescia 2003.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 230, 231, 232.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN148956460 · GND (DE4299737-9
Ticino Portale Ticino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ticino