Savignano Irpino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Savignano Irpino
comune
Savignano Irpino – Stemma
Savignano Irpino – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Campania-Stemma.svg Campania
Provincia Provincia di Avellino-Stemma.png Avellino
Amministrazione
Sindaco Fabio Della Marra Scarpone (lista civica Noi per Savignano) dal 26/05/2014
Territorio
Coordinate 41°14′00″N 15°11′00″E / 41.233333°N 15.183333°E41.233333; 15.183333 (Savignano Irpino)Coordinate: 41°14′00″N 15°11′00″E / 41.233333°N 15.183333°E41.233333; 15.183333 (Savignano Irpino)
Altitudine 698 m s.l.m.
Superficie 38,47 km²
Abitanti 1 204[1] (31-12-2010)
Densità 31,3 ab./km²
Frazioni Savignano Scalo
Comuni confinanti Ariano Irpino, Greci, Montaguto, Monteleone di Puglia (FG), Panni (FG)
Altre informazioni
Cod. postale 83030
Prefisso 0825
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 064096
Cod. catastale I471
Targa AV
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti savignanesi
Patrono sant'Anna; san Nicola
Giorno festivo 26 luglio; 6 dicembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Savignano Irpino
Savignano Irpino – Mappa
Sito istituzionale

Savignano Irpino è un comune italiano di 1.217 abitanti della provincia di Avellino in Campania.

Panorama Savignano Irpino

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Posto a destra del torrente Cervaro, lungo la Statale delle Puglie, ai confini con la stessa Puglia; si sviluppa tra i due colli della Tombola e del Calvario a formare una sella. Dista circa 30 km dall'uscita di Grottaminarda dell'autostrada Napoli-Bari ed è servito dalla stazione ferroviaria di Savignano-Greci sulla linea Napoli-Bari. Nel suo territorio sgorga un'acqua solforosa fredda.

Storia ed origini[modifica | modifica wikitesto]

I primi insediamenti alla Ferrara e a Monte Sant'Angelo risalgono all'era paleolitica. Diversi gruppi etnici si sono succeduti nella zona: Umbro-sabelli, Osci, Sanniti e poi Ostrogoti, Bizantini e Longobardi. La costruzione del Castello (Castrum Sabinianum), di cui rimangono alcune mura perimetrali, recentemente restaurate, è databile tra VII e VIII secolo e si rese necessaria per le scorrerie in quegli anni frequentissime. I Normanni successivamente svilupparono e organizzarono meglio questo insediamento cingendolo di mura e fortificazioni.

Appartenente alla provincia di Capitanata sotto il Regno delle due Sicilie, dopo l’Unità d’Italia nel 1861 il Comune fu aggregato alla nuova provincia di Avellino. Esso fu conosciuto con il nome di Savignano fino al 1862 quando acquisì, singolarmente visto l’avvenuto cambio di pertinenza provinciale, la specificazione “di Puglia” che servì a differenziarlo dagli omonimi Savignano di Romagna e Savignano sul Panaro. Nel 1962 il comune mutò nuovamente il suo nome da Savignano di Puglia a Savignano Irpino, il che riflette la duplice afferenza che quel territorio di confine dovette avere in relazione alle due terre e l’avvenuto cambiamento di pertinenza a livello amministrativo. Lo stesso anno è tragicamente ricordato per il disastroso sisma che arrecò gravissimi danni al patrimonio edilizio-abitativo ed ai beni culturali locali. Il successivo sisma del 1980 provocò, invece, danni molto più contenuti. Nel 2006 c'è stato un referendum, poi non valido per mancato raggiungimento del quorum, che il comune passasse dalla Campania alla Puglia.

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]

Monumenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Castello dei Guevara (VII-VIII secolo), parzialmente restaurato, fanno parte di un più esteso sistema di difesa che cingeva l'intero borgo medioevale. Oggi è un piccolo centro congressi.
  • Chiesa Parrocchiale di San Nicola (XIV secolo).L'interno a tre navate è a croce latina, si fa apprezzare per la bellezza delle colonne in pietra viva e per il battistero con portale in pietra del 1514. La facciata divisa in tre parti, sormontate da rosoni, è in stile neoclassico. Il campanile, separato dalla chiesa, corrisponde a una delle torri che costituivano il sistema difensivo dell'abitato.
  • Chiesa del Purgatorio.
  • Palazzo Orsini 1727. Costruito per volere di Papa Benedetto XIII come HOSPITIUS PRO PEREGRINIS, è attualmente sede del Municipio.
  • Fontana Angelica.
  • Porta Lizza: la più antica, posta lungo la via dei Finestroni.
  • Porta Grande: affaccia sulla piazza principale, e dà accesso al nucleo medioevale del paese.
  • Belvedere della Tombola, da esso si può godere un magnifico panorama sulla valle del Cervaro
Posizione del Comune di Savignano Irpino

Feste, fiere, sagre[modifica | modifica wikitesto]

  • Festa di Sant'Anna, caratteristico momento di aggregazione, che vede il ritorno di gran parte degli emigranti
  • Savignanestate, serie di appuntamenti culturali e non che va dalla fine di luglio a metà agosto
  • Sagra delle orecchiette (metà agosto)

Impianti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

  • Campo da calcio comunale in erba sintetica
  • Campo da tennis comunale
  • Piscina scoperta comunale
  • Campetti da bocce

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune fa parte della Comunità montana dell'Ufita.

Persone legate a Savignano Irpino[modifica | modifica wikitesto]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Le arterie stradali di rilievo che attraversano il territorio sono la:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Comune di Savignano Irpino

Provincia di Avellino Portale Provincia di Avellino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Provincia di Avellino