Aiello del Sabato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aiello del Sabato
comune
Aiello del Sabato – Stemma Aiello del Sabato – Bandiera
Aiello del Sabato – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Campania-Stemma.svg Campania
Provincia Provincia di Avellino-Stemma.png Avellino
Amministrazione
Sindaco Ernesto Urciuoli (lista civica) dal 16/05/2011
Territorio
Coordinate 40°53′24″N 14°49′18″E / 40.89°N 14.821667°E40.89; 14.821667 (Aiello del Sabato)Coordinate: 40°53′24″N 14°49′18″E / 40.89°N 14.821667°E40.89; 14.821667 (Aiello del Sabato)
Altitudine 425 m s.l.m.
Superficie 10,83 km²
Abitanti 3 971[1] (31.12.2011)
Densità 366,67 ab./km²
Frazioni Sabina, San Raffaele, Tavernola San Felice
Comuni confinanti Atripalda, Avellino, Cesinali, Contrada, San Michele di Serino, Serino, Solofra
Altre informazioni
Cod. postale 83020
Prefisso 0825
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 064001
Cod. catastale A101
Targa AV
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Cl. climatica zona D, 1 931 GG[2]
Nome abitanti aiellesi
Patrono san Sebastiano
Giorno festivo 20 gennaio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Aiello del Sabato
Sito istituzionale
Il comune di Aiello del Sabato all'interno della provincia di Avellino

Aiello del Sabato ([a'jεllo 'del 'sabato], Ajello d'o Sabbato in dialetto campano) è un comune italiano di 4.011 abitanti[3] della provincia di Avellino in Campania.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio comunale si colloca in una zona collinare, ricca di vegetazione e sorgenti d'acqua, immediatamente a sudest del capoluogo, dal cui centro cittadino dista circa 4 km; in particolare, il centro storico occupa una collina di circa 440 mt d'altitudine, che domina da un lato l'intero Sistema Urbano di Avellino, di cui il comune stesso fa parte, e dall'altro l'alta valle del fiume Sabato.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni scavi archeologici lasciano pensare che la fondazione delle città abbia origine in epoca romana se non addirittura nel Paleolitico. Tutte le abitazioni delle colline circostanti furono delle ville romane o case dove gli abitanti si rifugiarono durante il periodo di invasione da parte dei Longobardi. I primi documenti scritti risalgono al 1045.

Etimologia del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il termine deriva dal latino agellus, diminutivo di ager (campo). L'aggiunta del nome "Sabato" è dovuta alla presenza di diversi comuni e frazioni omonimi e deriva dal fiume Sabato, che percorre la bassa Irpinia in direzione nord congiungendosi poi al Calore Irpino all'altezza di Benevento, ma che curiosamente non attraversa né lambisce il territorio comunale, scorrendo poco più di 1 km ad est dello stesso.

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Cittadini stranieri[modifica | modifica wikitesto]

Al 1º gennaio 2010 nel territorio di Aiello del Sabato risultano residenti 76 cittadini stranieri. I gruppi più numerosi sono quelli di:

fonte Istat

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Favolarte[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2008, solitamente nella prima settimana di agosto, si svolge nel centro storico del paese il reality show medievale Favolarte. Lo spettacolo, che vede le quattro principesse (rappresentanti delle quattro contrade aiellesi) rinchiuse dalla regina tra le mura di un castello per 72 ore, prende spunto dalla visita della Regina Giovanna I di Napoli, la quale, secondo la tradizione, dimorò ad Aiello per 25 giorni nel Palazzo Ricciardelli.[5]

Fiano Music Festival[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2003, il primo weekend di settembre si svolge il Fiano Music Festival, evento enogastronomico che abbina alla degustazione dei vini tipici della tradizione irpina (Fiano di Avellino DOCG in primis) prodotti dalle migliori cantine della zona, concerti swing-jazz e manifestazioni artistiche di vario genere. Il festival, svolto in collaborazione con Slow Food e numerose associazioni locali, dall'ottava edizione (2010) viene ospitato nelle ampie sale del nuovo centro sociale. Fino al 2009 l'evento si è svolto nell'elegante location di Villa Preziosi, nella frazione di Tavernola San Felice.

Nocciolandia[modifica | modifica wikitesto]

Per iniziativa del Gruppo Giovanile Aiello “Universitas Aielli”, con il patrocinio del Comune, dal 2007 il primo weekend di ottobre la cittadina ospita una rassegna culturale e gastronomica della nocciola, della noce e della castagna, prodotti tipici dell'intero territorio irpino.

Persone legate ad Aiello del Sabato[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Urbanistica[modifica | modifica wikitesto]

Il centro storico è andato progressivamente espandendosi, principalmente in direzione Cesinali, in seguito al continuo afflusso di nuovi abitanti, provenienti per lo più dal vicino capoluogo. Il comune inoltre comprende le frazioni Tavernola San Felice, un tempo comune autonomo, e Sabina, quest'ultima a ridosso del comune di Atripalda e separata dal resto della cittadina dal nucleo urbano di Cesinali, che pure per diversi anni (1927-1950) ha fatto parte del comune di Aiello del Sabato.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ISTAT data warehouse
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Dato Istat al 28/02/2011.
  4. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Irpinia.info - Palazzo Ricciardelli

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Lucio Fiore, Aiello: il paese, la storia, ABEdizioni, 2004.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Avellino Portale Provincia di Avellino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Provincia di Avellino