Taurano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Taurano
comune
Taurano – Stemma Taurano – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Campania-Stemma.svg Campania
Provincia Provincia di Avellino-Stemma.png Avellino
Amministrazione
Sindaco Antonio Graziano (lista civica Insieme per Continuare) dal 14/06/2004
Territorio
Coordinate 40°53′00″N 14°38′00″E / 40.883333°N 14.633333°E40.883333; 14.633333 (Taurano)Coordinate: 40°53′00″N 14°38′00″E / 40.883333°N 14.633333°E40.883333; 14.633333 (Taurano)
Altitudine 300 m s.l.m.
Superficie 9,88 km²
Abitanti 1 615[1] (30-6-2011)
Densità 163,46 ab./km²
Comuni confinanti Lauro, Monteforte Irpino, Moschiano, Pago del Vallo di Lauro, Visciano (NA)
Altre informazioni
Cod. postale 83020
Prefisso 081
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 064106
Cod. catastale L061
Targa AV
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti tauranesi
Patrono S. Michele Arc.
Giorno festivo 15 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Taurano
Sito istituzionale

Taurano è un comune italiano di 1 615[1] abitanti della provincia di Avellino in Campania.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Territorio[modifica | modifica sorgente]

Centro collinare posto al limite della Piana Campana, in corrispondenza dei primi rilievi pre-appenninici, incastonato su una prominenza del costone del monte Pietra Maula, affacciato quindi su un belvedere che domina un territorio che si spinge fino alle porte di Napoli, in un ambiente caratterizzato dalla presenza di querceti, uliveti e noccioleti. Il territorio è caratterizzato dalla presenza di numerose (anche se di piccola portata e alquanto superficiali) sorgenti oligominerali. Il centro urbano, non molto grande, presenta delle caratteristiche architettonico-ambientali segnate dai tratti rigorosi, semplici e severi, con edifici, di altezza quasi mai superiori ai tre livelli, a formare un continuum, quasi senza soluzione, e molto ben amalgamato con il verde che gli fa da cornice tutto intorno.

Il territorio comunale si estende su di un'altitudine compresa tra i 225 ed 948 m s.l.m., il centro abitato tra i 250 ed i 320 m s.l.m.

Il territorio non urbanizzato è così costituito:

  • noccioleto (65%)
  • bosco ceduo (24%)
  • macchia (5%)
  • oliveto (2%)
  • vigneto (0.5%)

Storia[modifica | modifica sorgente]

Taurano - la cui origine etimologica sarebbe da ricercare nel gentilizio Taurius o nel cognome Taurus - è un antico oppidum sannita, distrutto da Silla nel corso della guerra sociale. Nel territorio di Taurano, a monte dell’attuale abitato sono stati rinvenuti reperti dell’età del bronzo. In epoca romana diviene luogo di villeggiatura, di questo periodo sono due ville venute alla luce solo parzialmente, una in località Torre e l’altra in San Giovanni del Palco. Il territorio montano, a nord dell’abitato, durante le incursioni barbariche è stato rifugio per le popolazioni dell’intera vallata, nell’ultimo anno sono state rinvenute, durante gli scavi per la costruzione di un metanodotto, proprio in montagna, due ville rurali di epoca tardo-romana. Nel medioevo è parte del feudo di Lauro. Taurano, così come l’intera Valle di Lauro, è aggregato alla provincia di Terra del Lavoro nell’ambito della divisione amministrativa operata dal Murat. Nel secolo scorso ha offerto ospitalità a cospiratori anti-borbonici, frate Angelo Peluso, ed a briganti, fra Diavolo. Durante i moti del 1820-21, gli ufficiali Morelli e Silvati, nel raggiungere il generale Guglielmo Pepe, attraversarono il territorio montano di Taurano. A partire dal periodo post-unitario Taurano, divenuto comune autonomo salvo una breve interruzione, è parte della provincia di Avellino.

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica sorgente]

Notevoli le emergenze di natura storica, architettonica e ambientale. Tra esse si segnalano:

  • Chiesa del Rosario (fine XVI secolo e succ.), di notevole interesse sono le tele delle cappelle laterali, una per certo opera del Mozzillo, la tela del soffitto e lo stesso soffitto ligneo, opera di P. vecchione.
  • Abbazia di Sant'Angelo (1087), appartenuta ai benedettini, posizionata su uno sperone di nuda roccia calcarea a strapiombo sull’abitato di Lauro, interessantissimo il portale in tufo grigio caratterizzato dalla presenza di maschere e rosoni (di cui alcuni asportati da ignoti).
  • Convento di San Giovanni del Palco (1396), appartenente ai frati francescani, sorto sulle rovine di una villa romana. Conserva un notevole altare ligneo proveniente dal convento di S. Croce di Palazzo in Napoli, soppresso dai Borbone per edificare l’attuale Piazza del Plebiscito, delle opere di Sebastiano Conca ed affreschi del XV secolo. Ragguardevole la documentazione libraria della biblioteca tra cui si annoverano cinquecentine e antifonari. In questo convento si è formato Frate Ludovico da Casoria, salito agli onori degli altari poco tempo addietro.
  • Chiesa dell’Assunta (fine XVI secolo e succ.), interessanti il coro ligneo, la statua, anch’essa in legno, dell’Assunta. Notevole è anche il soffitto in tela dipinta, opera di M. Ricciardi, il tetto con capriate lignee è stato sostituito in fase di ristrutturazione da un’anonima struttura con capriate metalliche.
  • Palazzo civico, opera di Francesco Venezia, ultimato quest’anno, è la sede del civico consesso.
  • Piazza Freconia, è il cuore, non solo topografico, del paese. Vi si può assaporare il modus vivendi, nel tempo libero, dei tauranesi. Su di essa prospettano la chiesa del Rosario e il vecchio municipio. L’insieme, così raccolto crea uno spazio di intimità, quasi un soggiorno all’aperto, dove è piacevole soffermarsi. Nell’intorno, come accennato in precedenza, attraverso i caratteristici supportici, è possibile inoltrarsi nel dedalo di strettissimi vicoli che costituisce il centro storico del paese che per forme ed odori rimanda ad altre epoche.
  • Villa romana di San Giovanni del Palco, imponente edificio su tre livelli (1330 m2), prossima al trecentesco convento, a ridosso del confine tra i comuni di Lauro e Taurano. Ben conservati il frigidarium, il laconicum, il calidarium. Di particolare interesse il ninfeo di età tiberina con decorazioni a mosaico con tessere in pasta vitrea e calcare.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[2]

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Cucina[modifica | modifica sorgente]

Tanti sono i piatti tipici che si possono gustare. Essi possono, in estrema sintesi, essere divisi come segue:

  • Primi piatti: Cavatielli, spaghetti con nocciole, pastiera di maccheroni, pasta e fagioli con cotiche, nfarinata, spavetti e muniti.
  • Secondi piatti: Pizzelle, tracchiolelle, zuffritto, braciola, fave e ventresca.
  • Dolci: Pastiera di grano, migliaccio, zeppole, struffoli.
  • Biscotti: Murzietti, amaretti di nocciole, roccocò.

Feste e tradizioni[modifica | modifica sorgente]

Interessante e varia è la caratterizzazione del folclore rituale, prevalente è la cultura legata al lavoro, alla terra, ai santi e conseguentemente alle festività religiose. Di seguito le “occasioni” più significative:

  • Carnevale: ballata della quadriglia e del laccio d’amore, rappresentazione de ‘e mise.
  • Venerdì Santo: rappresentazione vivente della “Passio Christi”, canti sacri del periodo medioevale e barocco de “i biancovestiti”.
  • 3 maggio: rituale benedizione dei campi e tradizionale scampagnata.
  • maggio: “Apriti Sesamo”, la rassegna che ha coinvolto negli anni passati oltre 40 comuni dell’Agro Nolano e della Bassa Irpinia (attualmente sospesa) che ha permesso la scoperta e la visita di monumenti altrimenti sconosciuti.
  • Echi d’estate: mostre d’arte, artigianato, concerti, sagre (prima quindicina di agosto).
  • Incontri Internazionali del Folclore: rassegna internazionale di gruppi folcloristici (prima decade di agosto), con gruppi provenienti, nelle passate edizioni, da Kenya, Argentina, Daghestan, Irlanda, Spagna, Polonia, Bulgaria.
  • 15 agosto: tradizionale festa in onore di Maria SS. dell’Assunta.
  • Natale: “I Concerti di Natale”, rassegna di musica cameristica e canti corali.

Economia[modifica | modifica sorgente]

Agricoltura[modifica | modifica sorgente]

Essa è costituita essenzialmente da nocciole. Taurano ha infatti una notevole produzione media annua, stimata intorno a 1.000 tonnellate, un dato che incide per circa il 4% sulla produzione provinciale. I cultivar più diffusi sono: mortarelle (a frutto lungo) e camponiche (a frutto tondo). Nel territorio comunale è presente una piccola percentuale di castagni, che seppure più redditizie non vengono trattate poiché la cura di questo tipo di pianta richiede molto tempo ed esperienza.

Artigianato[modifica | modifica sorgente]

La tradizione artigianale, un tempo vivissima, va affievolendosi sempre più. Ciò nonostante, non mancano attuali esempi pregevoli di tali tradizioni. Di ottima fattura sono i ricami, gli elementi in ferro battuto ed in legno intarsiato. Tra l’altro Taurano è stata patria di alcuni scultori-intagliatori molto attivi nell’area. Tra essi citiamo Giovan Battista Ferraro (XVI secolo), allievo del Merliano; Antonio Ferraro (XVIII secolo), allievo del Bonavita; Ferruccio Fedeli (1882 - 1961).

Turismo[modifica | modifica sorgente]

Escursionismo[modifica | modifica sorgente]

Tra gli itinerari possibili sono consigliabili alcuni percorsi montani, ripercorrendo, almeno parzialmente, i sentieri delle moltitudini che si recavano in pellegrinaggio a Montevergine:

  • Madonna dell’Arco, da cui si gode una splendida vista della Pianura Campana, sino al colle di San Martino a Napoli e, in assenza di foschia, al mare.
  • Freconia, dove sono visibili, in una grotta, dei graffiti riconducibili ad un insediamento cristiano. Freconia, si dice, sia stata la prima area di insediamento nel nostro comprensorio, infatti sono stati riscontrati, in quest’area e nelle sue adiacenze, reperti di civiltà protostorica (epoca del bronzo).
  • Pizzone, percorso a partire dalle pendici di Taurano e tappa finale nel comune di Moschiano, suggestiva vetta preappennina, notevole dal punto di vista ambientale anche per la presenza di verdeggianti faggete.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica sorgente]

Il comune fa parte della Comunità montana Partenio - Vallo di Lauro.

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • In occasione dell'alluvione di Sarno e Quindici, (quest'ultima distante un paio di chilometri da Taurano) del 1998, dagli studi fatti sulle zone limitrofe e sugli abitanti dei paesi limitrofi è risultato che gran parte della popolazione tauranese (più del 50%, forse anche oltre il 70%) gode di consanguineità con gran parte degli abitanti del paese. Ovvero un abitante può avere legami di sangue con un altro abitante che appartenga alla massa in questione. Infatti, fino a pochi anni fa a Taurano si contraevano matrimoni tra membri di una stessa famiglia, dunque la causa della consanguineità di gran parte degli abitanti va attribuita a questo comportamento nato forse nei primi anni di vita dell'antico abitato tauranese.
  • L'economia tauranese si basa soprattutto sull'agricoltura. Nel paese sopravvivono ancora coltivatori che praticano lavori in campagna per hobby o per lavoro. Vanno menzionate le arretrate tecniche con cui vengono raccolte le nocciole senza l'impiego di macchinari agricoli.
  • Il 26 ottobre 2012 fu omaggiato con la cittadinanza onoraria Marek Hamšík, calciatore del Napoli.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b ISTAT - Bilancio demografico mensile al 30-6-2011.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Provincia di Avellino Portale Provincia di Avellino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Provincia di Avellino