Manocalzati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Manocalzati
comune
Manocalzati – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Campania-Stemma.svg Campania
Provincia Provincia di Avellino-Stemma.png Avellino
Amministrazione
Sindaco Pasquale Tirone (lista civica) dal 30/05/2006
Territorio
Coordinate 40°56′33″N 14°51′02″E / 40.9425°N 14.850556°E40.9425; 14.850556 (Manocalzati)Coordinate: 40°56′33″N 14°51′02″E / 40.9425°N 14.850556°E40.9425; 14.850556 (Manocalzati)
Altitudine 450 m s.l.m.
Superficie 8,75 km²
Abitanti 3 280[1] (31-12-2010)
Densità 374,86 ab./km²
Frazioni San Barbato
Comuni confinanti Atripalda, Avellino, Candida, Montefredane, Pratola Serra, San Potito Ultra
Altre informazioni
Cod. postale 83030
Prefisso 0825
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 064046
Cod. catastale E891
Targa AV
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Cl. climatica zona D, 1 993 GG[2]
Nome abitanti manocalzatesi
Patrono san Marco
Giorno festivo 25 aprile
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Manocalzati
Sito istituzionale

Manocalzati (Manëcaozàti in campano[3]) è un comune italiano di 3.280 abitanti della provincia di Avellino in Campania.

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Sede di un importante castello longobardo nel borgo medievale di San Barbato.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Persone legate a Manocalzati[modifica | modifica wikitesto]

  • Federico Renzulli, musicista. Meglio noto come Ghigo Renzulli, è nato il 15 dicembre 1953. È compositore e chitarrista. Ha fondato i Litfiba, uno dei più famosi ed importanti gruppi rock italiani di cui è tuttora il compositore e proprietario del marchio.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 374.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Avellino Portale Provincia di Avellino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Provincia di Avellino