Torella dei Lombardi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Torella dei Lombardi
comune
Torella dei Lombardi – Stemma Torella dei Lombardi – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Campania-Stemma.svg Campania
Provincia Provincia di Avellino-Stemma.png Avellino
Amministrazione
Sindaco Michele Mancuso (lista civica Torella in Movimento) dal 26-05-2014
Territorio
Coordinate 40°56′00″N 15°07′00″E / 40.933333°N 15.116667°E40.933333; 15.116667 (Torella dei Lombardi)Coordinate: 40°56′00″N 15°07′00″E / 40.933333°N 15.116667°E40.933333; 15.116667 (Torella dei Lombardi)
Altitudine 666 m s.l.m.
Superficie 26,57 km²
Abitanti 2 240[1] (30-6-2011)
Densità 84,31 ab./km²
Frazioni Aquara, Piano Marotta, San Vito, Montanaldo, Ss. Giovanni e Paolo.
Comuni confinanti Castelfranci, Nusco, Paternopoli, Sant'Angelo dei Lombardi, Villamaina
Altre informazioni
Cod. postale 83057
Prefisso 0827
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 064109
Cod. catastale L214
Targa AV
Cl. sismica zona 1 (sismicità alta)
Nome abitanti torellesi
Patrono sant'Eustachio
Giorno festivo 20 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Torella dei Lombardi
Sito istituzionale

Torella dei Lombardi è un comune italiano di 2 240[1] abitanti della provincia di Avellino in Campania.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Sorge ai margini del cosiddetto "cratere", l'area più colpita dal terremoto dell'Irpinia del 1980.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La sua origine si fa risalire al periodo in cui il re longobardo Ludovico II risolse la disputa per il Ducato di Benevento 848 d.C., fissando il confine tra il suddetto Ducato e quello di Salerno sul fiume Fredane, attorno al quale nacquero dei forti o rocche, da un lato Sant'Angelo del Pesco (nel territorio di Frigento) e Rocca San Felice, e dall'altro Monticchio dei Lombardi, Sant'Angelo dei Lombardi, Torella dei Lombardi e Guardia dei Lombardi.

La prima citazione del borgo medioevale risale all'850 come "Turrella" (piccola torre).

Il castello, e quindi Torella, appartenne alla famiglia Saraceno fino al 1529, quando passò ad Alfonso della Rosa che nel 1550-60 vendette Torella e Girifalco a Domizio dei Caracciolo, i quali nel 1639, vennero insigniti del titolo di principi di Torella che tennero fino all'Unità d'Italia quando, nel 1889, Umberto I concesse il titolo di marchese di Candriano a Giuseppe Caracciolo. Alla sua morte il tutto fu ereditato dal nipote Camillo Ruspoli. Quest'ultimo morì nel 1940 e nel 1959 la vedova donò la struttura al Comune che ora la usa come sede comunale e museo

Fino al 1862 Torella dei Lombardi si chiamava solo Torella, mentre "dei Lombardi" fu aggiunto solo dopo l'unità d'Italia, al fine di evitare casi di omonimia e a memoria del fatto che la fondazione del borgo avvenne tra il X e l'XI secolo, sotto il dominio longobardo.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro al Merito Civile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al Merito Civile
«In occasione di un disastroso terremoto, con grande dignità, spirito di sacrificio ed impegno civile, affrontava la difficile opera di ricostruzione del proprio tessuto abitativo, nonché della rinascita del proprio futuro sociale, economico e produttivo. Mirabile esempio di valore civico ed altissimo senso di abnegazione.»
— 23 novembre 1980

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Torella è il luogo di nascita di Roberto Roberti pseudonimo di Vincenzo Leone padre del regista Sergio Leone. Per celebrarne la memoria, dal 2004 è stato creato un Festival cinematografico che ha luogo generalmente tra luglio e agosto. Nel castello è aperto anche un piccolo quanto suggestivo museo, dove si conservano sceneggiature originali e costumi di scena dei film più noti. Qui oltre a Sergio Leone ha origini anche il produttore cinematografico nonché presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis. Altra persona legata al cinema con origini torellesi è l'attore di soap opera Alessandro Preziosi.

Persone legate a Torella dei Lombardi[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Acquara
  • Piano Marotta
  • San Vito
  • SS. Giovanni e Paolo
  • Montanaldo

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Festività locali[modifica | modifica wikitesto]

Feste religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • 12 e 13 giugno – S. Antonio da Padova: La stagione estiva si apre con la festività in onore del santo protettore del paese; da sempre la festa più sentita, in passato è stata anche la più grande; ha luogo in piazza Europa anche se durante la ricostruzione post-terremoto è stata temporaneamente spostata in siti diversi, ad esempio nei pressi del palazzetto dello sport o nei pressi della nuova chiesa di S. Maria del Popolo.
  • 14 e 15 giugno – S. Vito: Festeggiato nella contrada di S. Vito. Fino a pochi anni fa era tradizione portare il Santo in processione dalla contrada fino al paese per poi riportarlo la mattina seguente nella chiesa in suo onore, da pochi anni completamente restaurata.
  • 25 e 26 giugno – S. Giovanni e Paolo: Si festeggiano nel bosco di Girifalco. La festa religiosa inizia con una processione che si tiene il 25 sera, dal bosco Girifalco alla Chiesa Madre del paese e continua la mattina successiva con il ritorno dei Santi Martiri nella loro Chiesa. Da visitare la Chiesa dedicata ai Santi ed i resti della torre normanna. Nella parte posteriore della chiesa vi è anche un'Ara Pagana, trasformata in una struttura paleocristiana, come lascia intuire la sovrapposizione della croce effettuata in tempi successivi.
  • 25 e 26 luglio – S. Anna: Altra festa molto sentita a livello emozionale. Festeggiata storicamente in piazza Europa, particolare commovente è l'incontro tra S. Anna e la Madonna Immacolata durante la processione. La chiesa dedicata a S. Anna si trova nelle vicinanze della fontana monumentale.
  • 9 e 10 settembre – Madonna del Carmine: Festeggiata storicamente in Piazzale dell'Angelo. La chiesa in suo onore si trova all'ingresso del paese, sulla via Appia.
  • 20 settembre – S. Eustachio: Festa ripristinata da circa una decina d'anni, in onore del santo patrono del paese, festeggiato nei pressi della chiesa S. Maria del Popolo a chiusura della stagione estiva.

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

  • Luglio - Festa della birra: Generalmente si svolge nel mese di luglio in piazza Europa, date da destinarsi; il tutto organizzato dal Martin's Rooms Pub. Tre giorni di musica, armonia, cibo e birra. Superate ormai più di dieci edizioni consecutive di successo, la festa garantisce la massiccia partecipazione di paesani e forestieri. La musica è rivolta a tutte le categorie di pubblico, generalmente la prima serata è dedicata al liscio, la seconda al genere rock e la terza alla musica popolare, in modo da rappresentare al meglio i gusti musicali di giovani e meno giovani. Per quanto riguardano le degustazioni, un consiglio è quello di assaggiare l'ottima porchetta, prima che finisca.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b ISTAT - Bilancio demografico mensile al 30-6-2011.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
Provincia di Avellino Portale Provincia di Avellino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Provincia di Avellino