Sabato (fiume)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sabato
Stato Italia Italia
Regioni Campania Campania
Lunghezza 50 km
Bacino idrografico 482 km²
Nasce Monte Terminio
Sfocia Calore Irpino
Ansa del fiume Sabato tra i comuni di Pratola Serra (sulla riva destra) e Prata di Principato Ultra (sulla riva sinistra).

Il Sabato è un fiume di 50 km di lunghezza che scorre nelle province di Avellino e di Benevento (per 15 km), affluente di sinistra del fiume Calore Irpino.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Nasce dal colle Finestra sul monte Terminio, dal lato opposto da dove nasce il Calore Irpino.

Ha un bacino di 459 km².

Da Altavilla Irpina il suo corso segna per un tratto da sud a nord il confine delle province di Benevento e di Avellino fino alla confluenza del torrente Fratta sulla destra.

Attraversa, poi, la Stretto di Barba e lasciando sulla sinistra Ceppaloni e San Leucio del Sannio e sulla destra Chianche e Sant'Angelo a Cupolo, e confluisce nel Calore in località "Pantano", ad ovest di Benevento, 1 km circa dopo il ponte romano Leproso o Lebbroso.

I suoi affluenti più importanti sono il torrente Fenestrelle (11 km; nasce in località Sambuto) ed il torrente Vallone delle Barre.

Oggi versa in pessime condizioni. A tratti risulta vicino al prosciugamento.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Prende il nome dal popolo dei Sabini, il cui eponimo era Sabus (Cat. apd. DYONIS, II, 49; LIB. VIII, 41).

I Sabatini erano una tribù dei Sanniti stanziatasi nel bacino del Sabatus (Livio).