I Fantastici 4 (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da I Fantastici Quattro (film))
I Fantastici 4
F4scene movie.png
I Fantastici Quattro in una scena del film
Titolo originale Fantastic Four
Paese di produzione USA
Anno 2005
Durata 106 min
125 min (versione estesa)
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2.35:1
Genere azione, fantascienza, avventura, supereroi
Regia Tim Story
Soggetto Mark Frost e Michael France basato sul fumetto Marvel Comics
Sceneggiatura Mark Frost, Michael France
Produttore Avi Arad, Bernd Eichinger, Ralph Winter
Produttore esecutivo Michael Barnathan, Chris Columbus, Kevin Feige, Stan Lee, Mark Radcliffe, Kurt Williams, David Gorder, Ross Fanger, Lee Cleary
Casa di produzione 20th Century Fox, Marvel Studios, Constantin Film, 1492 Pictures
Distribuzione (Italia) 20th Century Fox
Fotografia Oliver Wood
Montaggio William Hoy
Musiche John Ottman
Scenografia Bill Boes
Costumi Jose Fernandez, Wendy Partridge
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

I Fantastici 4 (Fantastic Four) è un film del 2005 diretto da Tim Story, prodotto dalla 20th Century Fox e basato sull'omonimo fumetto della Marvel Comics creato da Stan Lee e Jack Kirby. È uscito nelle sale negli Stati Uniti d'America l'8 luglio 2005, mentre in Italia il film è stato distribuito nelle sale il 16 settembre 2005.[1]

Il film ha avuto un sequel, I Fantastici 4 e Silver Surfer (2007).

Trama[modifica | modifica sorgente]

Quattro amici (Reed Richards, i fratelli Susan e Johnny Storm e Ben Grimm) insieme al dottor Victor von Doom partono per una missione spaziale a scopo scientifico. Una volta in orbita però, a causa di un imprevisto, una nube di raggi cosmici li investe modificando il loro DNA, un evento da cui acquisiranno dei poteri sovrumani. Reed Richards scoprirà che potrà allungare ogni parte del suo corpo a dismisura, Susan Storm può diventare invisibile e generare campi di forza, Johnny può incendiarsi e volare mentre Ben si è tramutato in una grossa "Cosa" dalla pelle di pietra e dalla forza straordinaria. Anche von Doom è stato mutato dai raggi cosmici, che gli hanno conferito dei poteri elettroconduttori e una pelle metallica. Quest'ultimo, che è un avido imprenditore, cerca di usare i suoi poteri per i propri fini, arrivando a minacciare New York e l'intera umanità per soggiogarla ed impadronirsi della terra. Reed, Sue, Johnny e Ben, divenuti nel frattempo popolari supereroi con il nome di Fantastici Quattro, lo sconfiggeranno dopo una dura battaglia.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Camei[modifica | modifica sorgente]

  • Il produttore Ralph Winter appare in un piccolo cameo: è l'operaio che compare nella scena finale e che registra la presenza di Destino a bordo del cargo diretto a Latveria.[2]
  • Il co-creatore del fumetto Stan Lee interpreta il personaggio di Willie Lumpkin, il postino del quartetto.[2]

Riprese[modifica | modifica sorgente]

Il film è stato girato ai Vancouver Film Studios (Canada) dal 23 agosto 2004 al 28 gennaio 2005.[3][4]

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

La colonna sonora del film, intitolata Fantastic Four - The Album, è stata distribuita dalla Wind-up Records.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. Come In, Come On - Velvet Revolver
  2. Error Operator - Taking Back Sunday
  3. Relax - Chingy
  4. What Ever Happened to the Heroes - Koss Stone
  5. Waiting (Save Your Life) - Omnisoul
  6. Always Come Back to You - Ryan Cabrera
  7. Everything Burns - Ben Moody feat. Anastacia
  8. New World Symphony - Miri Ben-Ari feat. Pharaohe Monch
  9. Die for You (Fantastic Four mix) - Megan McCauley
  10. Noots - Sum 41
  11. Surrender - Simple Plan
  12. I'll Take You Down - T.F.F.
  13. On Fire - Lloyd Banks
  14. Reverie - Megan McCauley
  15. Goodbye to You - Breaking Point
  16. Shed My Skin - Alter Bridge
  17. In Due Time - Submersed
  18. Disposable Sunshine - Loser
  19. Now You Know - Miss Eighty 6 feat. Classic
  20. Kirikirimai (Fantastic Four remix) - Orange Range

Critica[modifica | modifica sorgente]

Per la sua interpretazione, Jessica Alba ha ricevuto durante l'edizione dei Razzie Awards 2005 una nomination come peggior attrice.

Incassi[modifica | modifica sorgente]

Il film dedicato alla prima famiglia dei supereroi della Marvel Comics ha ottenuto buoni incassi a livello internazionale: 330.579.719 $,[5] 154.696.080 $ nelle sale statunitensi e 9.072.883 in quelle italiane. La 20th Century Fox, casa produttrice della pellicola, visto il buon successo del primo film a dicembre 2005 avviò le fasi di pre-produzione per il sequel.

Differenze dal fumetto[modifica | modifica sorgente]

  • Nel fumetto originale i Fantastici Quattro acquisiscono i poteri essendo stati irradiati dai raggi cosmici come nel film ma a differenza di quest' ultimo non stanno su una piattaforma spaziale progettata da Victor Von Doom bensì su un razzo progettato da Mr Fantastic. Inoltre, nel film, anche il Dottor Destino viene irradiato dai raggi cosmici.
  • Il Dottor Destino si costruisce da solo la sua armatura nel fumetto mentre nel film è la causa dei raggi cosmici.

Edizioni home video[modifica | modifica sorgente]

Il film è uscito in DVD in Italia il 25 novembre 2005.[6]

Nel 2007 è uscita una versione extended cut che contiene, tra gli altri, le seguenti scene inedite integrate nella pellicola:[7]

  • Alicia accenna ai burattini soprannaturali del suo patrigno, il Burattinaio;
  • appare H.E.R.B.I.E., il robottino alleato dei Fantastici Quattro nel fumetto originale;
  • Reed modella il suo volto a immagine e somiglianza dell'X-Man Wolverine. Questa sequenza è inclusa anche nel DVD standard tra le scene tagliate, e questa citazione è stata possibile grazie alla proprietà intellettuale dei diritti di sfruttamento cinematografico degli X-Men da parte di Fox (casa di produzione), quindi di Wolverine.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Date di uscita per I fantastici 4 (2005), Internet Movie Database. URL consultato il 20 agosto 2011.
  2. ^ a b Trivia, Internet Movie Database. URL consultato il 20 agosto 2011.
  3. ^ Filming locations for I fantastici 4 (2005), Internet Movie Database. URL consultato il 20 agosto 2011.
  4. ^ Box office / business for I fantastici 4 (2005), Internet Movie Database. URL consultato il 20 agosto 2011.
  5. ^ (EN) Fantastic Four, Box Office Mojo. URL consultato il 20 agosto 2011.
  6. ^ Scheda completa di I Fantastici Quattro - Edizione speciale (2005), Movieplayer.it. URL consultato il 20 agosto 2011.
  7. ^ (EN) Double Dip Digest: Fantastic Four, IGN, 1º giugno 2007. URL consultato il 20 agosto 2011.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]