Captain America: The Winter Soldier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Captain America: The Winter Soldier
Captain America The Winter Soldier.jpg
Logo del film
Titolo originale Captain America: The Winter Soldier
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2014
Durata 136 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35 : 1
Genere azione, supereroi, fantascienza
Regia Anthony e Joe Russo
Soggetto Joe Simon e Jack Kirby (fumetto)
Sceneggiatura Stephen McFeely & Christopher Markus
Produttore Kevin Feige
Produttore esecutivo Victoria Alonso, Louis D'Esposito, Alan Fine, Michael Grillo, Stan Lee
Casa di produzione Marvel Studios
Distribuzione (Italia) The Walt Disney Company Italia
Fotografia Trent Opaloch
Montaggio Jeffrey Ford
Effetti speciali Dan DeLeeuw, Russell Earl, Bryan Grill, Dan Sudick
Musiche Henry Jackman
Scenografia Peter Wenham
Costumi Judianna Makovsky
Trucco Jacquelyn Adamson, Carol S. Federman, Veronica Lorenz, Keith Sayer
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Captain America: The Winter Soldier è un film del 2014 diretto da Anthony e Joe Russo, basato sul personaggio dei fumetti Marvel Comics Capitan America, interpretato da Chris Evans. Prodotto dai Marvel Studios e distribuito dalla Walt Disney Studios Motion Pictures, il film è la nona pellicola del Marvel Cinematic Universe e rappresenta il sequel di Captain America - Il primo Vendicatore e The Avengers. Nel cast oltre a Evans troviamo Scarlett Johansson, Sebastian Stan, Anthony Mackie, Cobie Smulders, Frank Grillo, Emily VanCamp, Hayley Atwell, Robert Redford, e Samuel L. Jackson. Nel film, Capitan America, Vedova Nera e Falcon uniscono le forze per sventare una cospirazione ai danni dello S.H.I.E.L.D. e affrontare il misterioso assassino noto come Soldato d'Inverno.

Il film è uscito nelle sale cinematografiche italiane il 26 marzo 2014 e il 4 aprile negli Stati Uniti, incassando 714.083.572 dollari nel mondo e ricevendo globalmente il plauso della critica. Un sequel intitolato Captain America: Civil War, diretto nuovamente dai fratelli Russo, è previsto per il 6 maggio 2016.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Due anni dopo la Battaglia New York, Steve Rogers vive a Washington, D.C., dove continua a lavorare per lo S.H.I.E.L.D. mentre cerca di adattarsi alla società moderna. Rogers e Natasha Romanoff vengono mandati insieme alla squadra S.T.R.I.K.E., guidata dall'agente Rumlow, a liberare alcuni ostaggi su una nave dello S.H.I.E.LD. presa d'assalto dal mercenario Georges Batroc. A bordo, Steve scopre l'agente Natasha Romanoff mentre preleva a sua insaputa dei file dai computer della nave. Tornato al quartier generale dell'agenzia, il Triskelion, Rogers chiede spiegazioni a Fury, che gli mostra il progetto Insight: tre Helicarrier collegati a satelliti spia e progettati per prevenire qualsiasi tipo di minaccia. Fury non riesce a decriptare i dati recuperati da Natasha e, insospettitosi, chiede ad Alexander Pierce, segretario generale dello S.H.I.E.L.D., di rimandare il progetto Insight.

Mentre va a incontrarsi con Maria Hill, Fury viene attaccato da alcuni uomini guidati da un misterioso assassino conosciuto come il Soldato d'Inverno. Fury riesce a fuggire e si nasconde a casa di Rogers. Dopo aver consegnato al soldato la chiave USB con i dati acquisiti a bordo della nave, Fury viene colpito a morte dal Soldato d'Inverno. Fury viene dichiarato morto poco dopo in ospedale. Il giorno seguente Capitan America viene convocato dal segretario generale dello S.H.I.E.L.D. Alexander Pierce. Quando si rifiuta di rivelare a Pierce delle informazioni su Fury, Rogers viene dichiarato nemico dello S.H.I.E.L.D. ed è costretto a fuggire. Braccato da S.T.R.I.K.E, Rogers si incontra con Natasha; grazie ai dati della chiave USB i due scoprono un bunker segreto dello S.H.I.E.L.D. sotto Camp Leigh, nel New Jersey, la base militare dove Rogers era stato addestrato durante la seconda guerra mondiale; là attivano un supercomputer contenente la coscienza di Arnim Zola, il quale rivela loro che sin dalla fondazione dello S.H.I.E.L.D, l'HYDRA si è segretamente infiltrata nell'organizzazione, spargendo il caos in tutto il mondo nella speranza che l'umanità si fosse arresa in cambio della sicurezza ed eliminando le possibili minacce come Howard Stark. Rogers e Romanoff riescono poi a sopravvivere a un missile lanciato contro il bunker dallo S.H.I.E.L.D., e capiscono che Pierce è il leader dell'HYDRA.

I due vanno a chiedere aiuto a Samuel Wilson, amico di Steve ed ex paracadutista della USAF e pilota della tuta alare "Falcon". I tre interrogano l'agente Jasper Sitwell, in realtà membro dell'HYDRA, il quale rivela loro che Zola ha sviluppato un algoritmo capace di identificare gli individui che potrebbero in futuro opporsi ai piani dell'HYDRA. Grazie ai nuovi Helicarrier sarà possibile eliminare preventivamente questi individui con facilità. Rogers, Romanoff e Wilson vengono attaccati dal Soldato d'Inverno, che uccide Sitwell. Durante la battaglia Rogers scopre che il Soldato d'Inverno è in realtà Bucky Barnes, il suo migliore amico, catturato e sottoposto a crudeli esperimenti durante la seconda guerra mondiale. Il trio viene salvato da Maria Hill, che li conduce in un rifugio sicuro dove Fury, che aveva finto la sua morte, sta pianificando una missione per sabotare gli Helicarrier sostituendo i loro chip di controllo.

Al Triskelion giungono i membri del Consiglio Mondiale per la Sicurezza per assistere al lancio degli Helicarrier, e Steve comunica all'intera base S.H.I.E.L.D. il vero piano dell'HYDRA. La Vedova Nera, travestita da membro del Consiglio, disarma Pierce, il quale viene poi costretto da Fury a sbloccare il database dello S.H.I.E.L.D., in modo da poter rivelare al mondo intero i veri piani dell'HYDRA. Dopo una breve lotta Fury spara a Pierce, uccidendolo. Nel frattempo Rogers e Wilson attaccano gli Helicarrier e riescono a sostituire due dei tre chip, ma il Soldato d'Inverno distrugge l'armatura di Wilson e raggiunge Rogers sull'ultimo Helicarrier. Durante la lotta Rogers cerca di far tornare la memoria a Bucky e riesce a sostituire l'ultimo chip, permettendo così a Maria Hill di prendere il controllo e lasciare che i tre Helicarrier si distruggano a vicenda. L'Helicarrier su cui si trovano Rogers e il Soldato d'Inverno si schianta contro il Triskelion e Rogers cade nel fiume Potomac poco prima che l'Helicarrier si schianti al suolo. Il Soldato d'Inverno trascina fuori dall'acqua un Rogers privo di sensi e scompare nel bosco. Con lo S.H.I.E.L.D. compromesso Natasha compare di fronte a una commissione del Senato per dare spiegazioni e Fury, creduto morto, si dirigere nell'Europa dell'est, alla ricerca delle restanti cellule dell'HYDRA. Maria Hill si reca a un colloquio per il settore risorse umane delle Stark Industries, mentre l'agente Rumlow viene ricoverato in ospedale a causa di gravi ustioni; Rogers e Wilson, decidono di andare alla ricerca del Soldato d'Inverno.

Nella scena durante i titoli di coda, il Barone Wolfgang von Strucker, in un laboratorio dell'HYDRA, afferma che l'"era dei miracoli" è cominciata mentre alcuni scienziati studiano lo scettro di Loki e due prigionieri: uno è in grado di muoversi ad una velocità incredibile, mentre l'altra possiede poteri telecinetici. Nella scena dopo i titoli di coda, il Soldato d'Inverno visita il memoriale di Bucky allo Smithsonian Institution.

Cast[modifica | modifica wikitesto]

  • Chris Evans è Steve Rogers / Captain America: un soldato della Seconda guerra mondiale che attraverso un siero possiede capacità fisiche umane potenziate. Parlando del suo adattamento al mondo moderno, Evans ha dichiarato: "Non è tanto scioccato dai cambiamenti tecnologici, tanto quanto dai cambiamenti sociali. Lui viene dal '40, il mondo era più regolare, adesso è difficile dire chi è a posto e chi non lo è".

Tornano inoltre dai precedenti film del MCU Toby Jones nei panni di Arnim Zola e Maximiliano Hernandez nei panni di Jasper Sitwell. Fanno parte del cast anche Callan Mulvey nei panni di Jack Rollins, Georges St-Pierre in quelli Georges Batroc, mentre Chin Han, Jenny Agutter, Alan Dale e Bernard White interpretano i membri del Consiglio di Sicurezza Mondiale. Inoltre compaiono in camei Garry Shandling nei panni del senatore Stern, già apparso in Iron Man 2; Stan Lee è una guardia dello Smithsonian; Joe Russo, uno dei due registi, interpreta un medico che aiuta Nick Fury; Ed Brubaker, creatore del personaggio, è uno degli scienziati che lavora al Soldato d'Inverno. Inoltre nella scena durante i titoli di coda appaiono Thomas Kretschmann nei panni del Barone Wolfgang von Strucker e Aaron Taylor-Johnson e Elizabeth Olsen nei panni dei gemelli Pietro e Wanda Maximoff.

Il cast del film al San Diego Comic-Con International.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Riprese e location[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del film sono iniziate nell'aprile 2013[2] e si sono svolte negli Stati Uniti d'America, nelle città di Washington, Los Angeles, Cleveland e nei Raleigh Manhattan Beach Studios di Manhattan Beach[3].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer è stato diffuso online il 24 ottobre 2013[4]. Nello stesso giorno viene diffuso il trailer italiano.[5]

La pellicola è stata distribuita nelle sale cinematografiche statunitensi a partire dal 4 aprile 2014 ed in quelle italiane dal 26 marzo.[6][7]

L'anteprima italiana del film si è svolta il 15 marzo a Milano in occasione del Cartoomics.[8]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Citazioni e riferimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • All'inizio del film, si nota che Steve Rogers ha un taccuino con elencate varie cose che deve conoscere del mondo moderno, tra queste troviamo: i Nirvana, Star Trek, Star Wars, Steve Jobs, Rocky, la caduta del Muro di Berlino e diversi altri avvenimenti ritenuti importanti da Cap, mentre nella versione italiana compaiono Roberto Benigni e Vasco Rossi.
  • Natasha indossa una collana a forma di freccia, chiaro riferimento alla sua profonda amicizia con Occhio di Falco.
  • Nella scena finale del film, quando Steve Rogers, Sam Wilson e Nick Fury si ritrovano davanti la tomba di quest'ultimo, si può leggere "Ezechiele 25:17. Il cammino dell'uomo timorato è minacciato", un chiaro riferimento al personaggio Jules Winnfield interpretato da Samuel L. Jackson nel film Pulp Fiction.
  • Quando Nick Fury mostra a Capitan America gli helicarrier, quest'ultimo chiede se per costruirli fosse stato necessario l'intervento di Tony Stark. Di fatto per volare, questi nuovi helicarrier non utilizzano dei rotori (come nella versione fumettistica) come il precedente modello (comparso durante The Avengers) ma dei propulsori (gli stessi presenti nell'armatura di Iron Man).
  • In una scena (durante la localizzazione delle minacce per l'HYDRA) compare la Avengers Tower; inoltre, è visibile la foto di Tony Stark tra le minacce dell'HYDRA.
  • Un ulteriore riferimento a Iron Man avviene durante la conversazione fra Nick Fury e Alexander Pierce. Quando il direttore dello S.H.I.E.L.D. chiede di prorogare il progetto Insight, Pierce accetta a patto che il supereroe vada a trovare sua nipote durante i festeggiamenti del compleanno.
  • Tra le persone considerate minacce dall'HYDRA vengono citati Bruce Banner (Hulk) e Stephen Strange, futuro Dottor Strange.
  • Quando si scopre che Fury è ancora vivo, questi spiega che ha simulato la sua morte rallentando il suo battito cardiaco a uno al minuto. La sostanza che ha permesso ciò è stata ideata da Bruce Banner per placare lo stress ed evitare la trasformazione (ma su di lui l'effetto era vano).
  • Alla fine del film il personaggio di Brock Rumlow viene portato in ospedale totalmente sfigurato e coperto da ustioni: si può ipotizzare che in futuro tornerà nelle vesti del meglio conosciuto Crossbones, letale killer al servizio dell'HYDRA; è lui l'assassino di Capitan America dopo la saga fumettistica Civil War, sotto ordine del Teschio Rosso.
  • Arnim Zola ha inserito il proprio intelletto in un enorme computer dove può comunicare col mondo esterno tramite uno schermo in cui si intravede l'immagine del suo volto; anche nel fumetto fa lo stesso ma diversamente diviene un androide che ha lo schermo sul petto diventando un pericoloso criminale a tutti gli effetti. Nel primo film è possibile vedere Zola mantenere un foglio contenente un progetto per un eventuale robot, come avviene nei fumetti.
  • Nel corso del film Vedova Nera e Capitan America scendono nel bunker in cui è situato un vecchio computer a nastri. Vedova Nera si avvicina alla tastiera del computer e pronuncia la frase "Vuoi giocare?", a cui segue uno scambio di battute con Capitan America su un riferimento ad un vecchio film. La pellicola a cui ci si riferisce è Wargames - Giochi di guerra.
  • Nonostante nei fumetti venga esplicitato che Peggy Carter e Sharon Carter siano parenti, per l'esattezza la prima è la zia dell'altra, nel film non vi è alcun riferimento al legame di parentela che c'è tra le due donne.
  • Il personaggio di Jasper Sitwell compare per la prima volta nel Marvel Cinematic Universe, interpretato da Maximiliano Hernández, nel film del 2011 Thor e nel Marvel One-Shot Il consulente; successivamente riprende il suo ruolo nel film del 2012 The Avengers e nel relativo Marvel One-Shot Item 47. L'agente Sitwell è anche un personaggio ricorrente del telefilm Agents of S.H.I.E.L.D.
  • La dissoluzione dello S.H.I.E.L.D. avrà effetti anche sulla trama di Agents of S.H.I.E.L.D. e Avengers: Age of Ultron.

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Il sequel, intitolato Captain America: Civil War[1], è previsto per il 6 maggio 2016.[13] Chris Evans tornerà nei panni di Capitan America insieme a Robert Downey, Jr. nei panni di Iron Man e verrà introdotto Chadwick Boseman nel ruolo di Pantera Nera.[1] Anthony e Joe Russo hanno firmato nel gennaio 2014 per tornare in cabina di regia[14] e Christopher Markus e Stephen McFeely scriveranno la sceneggiatura,[15] sulla quale hanno cominciato a lavorare a fine 2013.[16]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Marc Strom, Marvel Pits Captain America & Iron Man in a Cinematic Civil War, Marvel.com, 28 ottobre 2014. URL consultato il 1 novembre 2014.
  2. ^ (EN) Riprese, IMDb Official Site. URL consultato il 24-10-2013.
  3. ^ (EN) Location, IMDb Official Site. URL consultato il 24-10-2013.
  4. ^ (EN) Trailer, comingsoon.net. URL consultato il 24-10-2013.
  5. ^ Captain America: the Winter Soldier, ecco il trailer italiano!, badtaste.it. URL consultato il 24 ottobre 2013.
  6. ^ Captain America: the Winter Soldier, badtaste.it. URL consultato il 24 ottobre 2013.
  7. ^ Captain America: The Winter Soldier, arriva a marzo in Italia, ecco il poster italiano, everyeye.it. URL consultato il 24 ottobre 2013.
  8. ^ Anteprima italiana di CAPTAIN AMERICA: THE WINTER SOLDIER. URL consultato il 13 marzo 2014.
  9. ^ (EN) Winners Empire Awards 2015 su www.empireonline.com. URL consultato il 20 aprile 2015.
  10. ^ Kids Choice Awards 2015: Ecco tutti i vincitori! su www.gingergeneration.it. URL consultato il 20 aprile 2015.
  11. ^ (EN) MTV Movie Awards 2015: See The Full Winners List, mtv.com, 12 aprile 2015. URL consultato il 19 aprile 2015.
  12. ^ (EN) MTV Movie Awards 2015 Winners, mtv.com, 12 aprile 2015. URL consultato il 19 aprile 2015.
  13. ^ (EN) Captain America to Return to Theaters May 6, 2016 su marvel.com, 7 aprile 2014.
  14. ^ (EN) Directors Joe & Anthony Russo Confirm They’ll Direct CAPTAIN AMERICA 3; Say They’re Breaking the Story Now with Screenwriters Christopher Markus & Stephen McFeely su collider.com, 11 marzo 2014. URL consultato il 29 luglio 2014.
  15. ^ (EN) Justin Kroll, Captain America 3′ Takes Shape at Marvel (EXCLUSIVE) su variety.com, Variety, 28 gennaio.
  16. ^ (EN) Screenwriters Christopher Markus and Stephen McFeely Talk CAPTAIN AMERICA 3; Reveal They’ve Been Working on it Since Late 2013 su collider.com, 7 aprile 2014. URL consultato il 29 luglio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]