The Punisher (film 2004)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Punisher
Punisherjane.JPG
Thomas Jane nei panni di Punisher.
Titolo originale The Punisher
Paese di produzione USA, Germania
Anno 2004
Durata 124 min

140 min (extended cut)

Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35 : 1
Genere azione, poliziesco, gangster, supereroi, fantastico
Regia Jonathan Hensleigh
Soggetto fumetto della Marvel Comics creato da Gerry Conway & Ross Andru
Sceneggiatura Michael France, Jonathan Hensleigh
Produttore Avi Arad, Gale Anne Hurd
Produttore esecutivo Kevin Feige, Stan Lee, Christopher Eberts, Linda Favila, Andrew Golov, Patrick Gunn, Amir Malin, Christopher Roberts, Richard Saperstein, John Starke, Andreas Schmid, Ari Arad, Andreas Grosch
Casa di produzione Lions Gate Films, Marvel Studios, Valhalla Motion Pictures, Artisan Entertainment, VIP 2 Medienfonds, VIP 3 Medienfonds
Distribuzione (Italia) Columbia TriStar Italia
Fotografia Conrad W. Hall
Montaggio Jeff Gullo e Steven Kemper
Effetti speciali Kevin Harris
Musiche Carlo Siliotto
Scenografia Michael Z. Hanan
Costumi Lisa Tomczeszyn
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

The Punisher è un film del 2004 diretto da Jonathan Hensleigh.

Il film è l'adattamento del personaggio dei fumetti della Marvel Comics il Punitore; la trama del film è liberamente ispirata alla saga Bentornato, Frank di Garth Ennis e Steve Dillon e alla miniserie Punisher: Year One, omaggiata anche nella targa dell'auto del protagonista.[1] Inizialmente la sceneggiatura prevedeva anche i personaggi di Microchip, che non piaceva al regista,[1] e Mosaico: entrambi sono stati eliminati dallo script.[2]

Il film si discosta abbastanza dal materiale originale: l'azione viene spostata, ad esempio, da New York City a Tampa City; nel fumetto Frank Castle ha due bambini mentre nel film ne ha uno solo ed il massacro dei familiari avviene al Central Park di New York ad opera del boss Bruno Costa, non a Porto Rico ad opera del boss Howard Saint.

Dal film è stato tratto anche un videogame (The Punisher) prodotto e sviluppato dalla THQ e dalla Marvel, in cui il protagonista ha la voce di Thomas Jane.

Trama[modifica | modifica sorgente]

L'agente dell'FBI Frank Castle è felicemente sposato, ha un figlio, una casa e un lavoro. Nella sua ultima missione sotto copertura muore il figlio di un'importante boss d'affari di Tampa (Florida) di nome Howard Saint. Scoperto il nome di colui che egli ritiene responsabile della morte del figlio, Saint invia i suoi uomini migliori ad una riunione di famiglia dei Castle a Porto Rico. Gli uomini eseguono gli ordini e tutta la famiglia di Frank, compresa la moglie Maria ed il figlio Will, vengono uccisi.

Sopravvissuto malgrado gravi ferite, Frank torna a Tampa con una t-shirt raffigurante un teschio indosso regalatagli dal figlio e, approfittando di essere creduto morto, inizia una missione personale che lo porterà alla ricerca e all'uccisione dei responsabili di quel massacro.

Informato del ritorno di Castle, Howard Saint gli scaglia contro due sicari: Harry Heck e il Russo. Aiutato da una talpa di nome Micky Duka e dai suoi strampalati vicini di casa Joan, Mr. Bumpo e "Spacker" Dave, Castle concluderà la sua vendetta. Nonostante abbia ottenuto i suoi obiettivi, deciderà di allargare il suo raggio d'azione e di continuare la sua missione contro chiunque faccia del male ad altri: è diventato il Punitore.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Jonathan Hensleigh fu scelto per la regia dell'adattamento del personaggio dei fumetti della Marvel Comics nel 2003. Il regista ebbe a disposizione un budget limitato e solo poche settimane per girare tutta la pellicola; questo lo costrinse a riscrivere più volte la sceneggiatura.[3]

Le riprese si svolsero a Tampa, Florida. Per girare il film il regista e il direttore della fotografia Conrad W. Hall visionarono numerosi film quali Il buono, il brutto, il cattivo, Il padrino, Gangster Story, Getaway, il rapinatore solitario e la serie dell'Ispettore Callaghan;[4] in un'intervista, inoltre, il regista dichiarò di aver omaggiato nella pellicola l'Otello di William Shakespeare e il film Interceptor di George Miller.[5]

La trama del film è liberamente ispirata principalmente alla miniserie Punisher: Year One e alla saga Bentornato, Frank scritta da Garth Ennis e disegnata da Steve Dillon:

« C'erano due fumetti, uno in particolare. Il primo era Punisher: Year One. Era una miniserie di quattro numeri che uscì tra il 1994 e il 1995. Ha questi disegni fantastici e la raccomando caldamente. Ho preso alcune parti della trama. La trama era troppo intricata e sarebbe stato un film d'azione di quattro ore, un film tipo Via col vento. Questo è quanto, e sono stato influenzato tanto anche dalla saga Bentornato, Frank di Garth Ennis. È da lì che ho preso l'appartamento diroccato, i personaggi di Spacker Dave, Joan "The Mouse", Mr. Bumpo e il Russo.[6] »

Il regista decise anche di eliminare dalla sceneggiatura i personaggi di Microchip e il villain Mosaico:

« Ci sono un paio di anni del fumetto che ho deciso di non percorrere. Microchip, il furgone da combattimento, tutta quella roba troppo hi-tech; non abbiamo seguito quella strada. Ho ritenuto che fosse troppo complicato, privo dello spirito di questo tipo di vigilante urbano. Il Punisher non va in giro facendo sparire la gente usando quei mezzi che usano tipi come Batman o James Bond; lui usa astuzia e furbizia quanto fa uso di armi e del combattimento fisico.[6] »

Cast[modifica | modifica sorgente]

Ho dovuto pormi delle domande intellettuali del tipo: "fino a che punto commettere dei reati contro una persona diventa così inconcepibile, così odioso, che anche una persona che non crede nel vigilantismo può ricorrere al vigilantismo in un modo più giusto?". Questa era l'equazione, secondo me. Ho detto alla Marvel che non volevo fare una storia di vendetta ma la madre di tutte le storie sulla vendetta. [...] Gli eventi che hanno dato origine al vigilantismo di Frank Castle non provengono dal fumetto. Ho inventato un mucchio di cose. L'ho reso molto peggio.
Il regista Jonathan Hensleigh.[7]

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

The Punisher: The Album[modifica | modifica sorgente]

La colonna sonora del film, intitolata The Punisher: The Album, è stata pubblicata il 23 marzo 2004 dalla Wind-up Records.[8]

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. Step Up - Drowning Pool
  2. Bleed - Puddle of Mudd
  3. Slow Motion - Nickelback
  4. Never Say Never - Queens of the Stone Age
  5. Broken - Seether feat. Amy Lee
  6. Finding Myself - Smile Empty Soul
  7. Lost in a Portrait - Trapt
  8. Still Running - Chevelle
  9. Ashes to Ashes - Damageplan feat. Jerry Cantrell
  10. Sold Me - Seether
  11. Eyes Wired Shut - Edgewater
  12. Slow Chemical - Finger Eleven
  13. The End Has Come - Ben Moody feat. Jason Miller & Jason Jones
  14. Piece by Piece - Strata
  15. Bound to Violence - Hatebreed
  16. Sick - Seven Wiser
  17. Complicated - Submersed
  18. Time for People - Atomship
  19. In Time - Mark Collie

The Punisher Original Motion Picture Score[modifica | modifica sorgente]

Lo score del film, invece, è stato composto da Carlo Siliotto.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. The Punisher
  2. Otto Krieg
  3. Unusual Resurrection
  4. Moving
  5. I Can't Believe I'm Home
  6. His Whole Family
  7. The Massacre
  8. Death And Resurrection Of Frank Castle
  9. God's Gonna Sit This One Out
  10. Ice Lolly And Meat
  11. You're Gonna Help Me
  12. Entering The Fort
  13. About Your Family / Setting a Trap
  14. A Bomb For John Saint
  15. Good Memories Can Save Your Life
  16. The Thugs
  17. The Torture
  18. Elevator and Headache
  19. A New Family / Joan's Suffering
  20. Quentin's Glass Home
  21. Killing a Best Friend
  22. You Don't Understand... End of a Dark Lady
  23. She Took the Train / Punishment
  24. The Arrow
  25. Both Of Them
  26. The Skull
  27. Castle's Loneliness
  28. Call Me ‘The Punisher’
  29. Jealous One - J.C. Loader
  30. La donna è mobile - Peter Dvorsky

Edizioni home video[modifica | modifica sorgente]

Copertina dell'adattamento a fumetti del film

Il DVD del film è stato distribuito il 7 settembre 2004,[9] mentre in Italia è uscito nel dicembre dello stesso anno[10]. Distribuito dalla Sony Pictures, il film è stato presentato sul mercato con i seguenti contenuti speciali:

  • Commento audio del regista Jonathan Hensleigh al film;
  • Scene eliminate con commento opzionale del regista;
  • Giornale di guerra: making of;
  • Video musicale Step Up dei Drowning Pool.

Extended Cut[modifica | modifica sorgente]

Negli Stati Uniti è stata distribuita anche una versione extended cut che presenta il film in versione estesa con scene mai viste al cinema:[11]

  • la prima scena è ambientata a Kuwait City durante la prima Guerra del Golfo; Castle è nelle Forze Speciali con Jimmy Weeks, molto prima che i due finissero all'FBI; dopo una battaglia, un maggiore vuole giustiziare dei prigionieri di guerra iracheni, ma il sergente Castle glielo impedisce; un soldato iracheno afferra il maggiore innescando una granata, e Jimmy tira indietro Frank appena in tempo; Frank lo ringrazia di avergli salvato la vita, e Jimmy gli consiglia di non sprecarla.
  • La seconda scena si svolge nel casinò dei fratelli Toro, quando Howard Saint costringe a parlare Jimmy Weeks, indebitato nei confronti dei Toro.
  • Nella terza scena Frank Castle sorprende Weeks a casa, dopo aver scoperto che lo ha venduto; dopo un dialogo tra i due a pistole spianate, Castle gli afferra la canna della pistola e la punta verso il suo volto incitandolo a premere il grilletto.

Sequel annullato, reboot e cortometraggi[modifica | modifica sorgente]

Nonostante i modesti incassi ai botteghini,[12][13] la Lions Gate Entertainment mise in cantiere un seguito chiamato The Punisher 2 basato sulle buone vendite del DVD.[14] Il regista Jonathan Hensleigh si disse pronto a tornare,[15] mentre Thomas Jane dichiarò che la nemesi del film sarebbe stato Mosaico.[16] Jonathan Hensleigh scrisse la sceneggiatura ma il progetto fu rimandato per tre anni. John Dahl fu approcciato per la regia del seguito ma, non amando lo script, decise di rinunciare.[17][18] Successivamente Thomas Jane abbandonò il progetto, costringendo lo studio a riavviare il franchise con nuovi attori e nuovo regista.

Il reboot del film, titolato Punisher - Zona di guerra, è stato diretto da Lexi Alexander ed interpretato da Ray Stevenson. È uscito nel 2008 in USA e nel 2009 in DVD in Italia.

Nel 2012 l'attore Thomas Jane produce un cortometraggio indipendente dal titolo Dirty Laundry, dove torna nei panni di Frank Castle.[19]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Trivia, IMDb.com. URL consultato il 14 luglio 2011.
  2. ^ (EN) Behind the scenes with "Punisher" writer Michael France, Comic Book Resources, 23 marzo 2004. URL consultato il 14 luglio 2011.
  3. ^ Commento audio, DVD di The Punisher.
  4. ^ (EN) Adaptation The Punisher, The Writing Studio. URL consultato il 10 settembre 2011.
  5. ^ (EN) Jonathan Hensleigh Reveals 'Punisher' Homages, KillerMovies.com, 14 aprile 2004. URL consultato il 10 settembre 2011.
  6. ^ a b (EN) Writer/Director Jonathan Hensleigh on The Punisher, SuperHeroHype.com. URL consultato il 10 settembre 2011.
  7. ^ Hensleigh talks Punisher, IGN, 29 gennaio 2004. URL consultato il 10 settembre 2011.
  8. ^ (EN) The Punisher, Allmusic.com. URL consultato il 14 luglio 2011.
  9. ^ (EN) Double Dip Digest: The Punisher, IGN, 30 novembre 2006. URL consultato il 14 luglio 2011.
  10. ^ DVD The Punisher, MYmovies. URL consultato il 14 luglio 2011.
  11. ^ (EN) DVD Review: The Punisher (Extended Cut), Monstersandcritics.com, 27 novembre 2006. URL consultato il 14 luglio 2011.
  12. ^ (EN) The Punisher, Box Office Mojo. URL consultato il 14 luglio 2011.
  13. ^ Dolce è la vendetta, FantasyMagazine.it, 20 aprile 2004. URL consultato il 14 luglio 2011.
  14. ^ (EN) Top 10 DVD Sales: Week Ending September 11, 2004, Clrpc.com. URL consultato il 14 luglio 2011.
  15. ^ An Interview with Jonathan Hensleigh, IGN. URL consultato il 14 luglio 2011.
  16. ^ (EN) William Keck, Rebecca is quiet at 'Punisher' premiere in USATODAY.com, 13 aprile 2004. URL consultato il 14 luglio 2011.
  17. ^ (EN) Jessica Barnes, John Dahl Says 'Punisher 2' Script Not That Good, Moviefone.com, 15 giugno 2007. URL consultato il 14 luglio 2011.
  18. ^ (EN) William Keck, John Dahl is NOT directing PUNISHER 2, Collider.com, 11 giugno 2007. URL consultato il 14 luglio 2011.
  19. ^ Punisher: il cortometraggio di Thomas Jane ora online in EveryEye.it, 16 luglio 2012. URL consultato il 17 luglio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]