Garth Ennis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Garth Ennis

Garth Ennis (Holywood, 16 gennaio 1970) è un fumettista britannico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce nell'Irlanda del Nord durante uno dei periodi più aspri tra dei combattimenti tra protestanti e cattolici. Mentre da un lato il governo di Londra si mostra inflessibile, dall'altro la guerriglia urbana dilaga fino ad arrivare al fatidico Bloody Sunday del 1972. Non si può dire fino a che punto questo clima di violenza politico-religiosa possa aver poi influenzato le sue opere ma è un dato di fatto che alcuni dei lavori che lo hanno reso celebre affrontano il tema della spiritualità e della fede e di come l'organizzazione dei sistemi religiosi manipoli i popoli attraverso dogmi e imposizioni di leggi morali indiscutibili e talvolta deliranti[1].

Gran parte delle sue opere sono caratterizzate da un'estremizzazione della violenza, umorismo nero e linguaggio volgare ed esplicito[2] ma anche da un interesse nell'amicizia maschile e uno sdegno divertito verso i supereroi[3]. Tra i collaboratori ricorrenti ci sono Steve Dillon, Glenn Fabry, John McCrea e Darick Robertson. Alcune delle serie più famose realizzate tra gli anni novanta e gli anni duemila sono Preacher, Hitman, Hellblazer e le storie su Punisher realizzate per l'etichetta Marvel Knights e Max Comics.

I suoi lavori gli hanno fatto guadagnare grande credito e dei riconoscimenti nell'industria dei comics, tra cui un Eisner Award come "Miglior scrittore" nel 1998 e le candidature per i Comics Buyer's Guide Award come "Scrittore preferito" nel 1997, 1998, 1999 e 2000.

Nel 2006 è stato annunciato[4] il progetto con il regista John Woo per un fumetto chiamato Seven Brothers, per la linea Director's Cut della Virgin Comics, pubblicato in italiano da Panini Comics in volumi cartonati dal 2007.[5]

La sua serie The Boys disegnata da Darick Robertson, inizialmente annunciata per la Wildstorm che l'ha poi cancellata per problemi di censura, è stata in seguito pubblicata dalla Dynamite Entertainment.[6]

I suoi prossimi impegni saranno: le cronache di Wormwood (una mini-serie di sei numeri con protagonista l'Anticristo), il primo arco narrativo di Midnighter (uno spin-off di The Authority).

Per la DC Comics ha pubblicato una nuova mini serie di due numeri dal titolo JLA/Hitman. Per la Marvel Max è stato annunciato War is Hell: The First Flight of the Phantom Eagle, titolo dedicato ad un vecchio personaggio degli anni sessanta.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Serie in corso di pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ennis Garth,Dillon Steve, Preacher n.1-66, DC Comics/Vertigo, New York, 1995-2000.
  2. ^ Quest tre elementi sono facilmente riconoscibili nelle storie realizzate sul Punitore ma anche e soprattutto nella serie Hitman, pubblicata dalla Dc Comics, 1996-2000.
  3. ^ La più feroce critica iconoclasta dell'autore nel confronto del genere supereroi si manifesta senza censura nella serie regolare The Boys, pubblicata da Dynamite Entertainment.
  4. ^ (EN) Lying in The Gutters Volume 2 Column 56, CBR, 12-06-2006. URL consultato il 30-10-2007.
  5. ^ Panini & Virgin Comics insieme!, Paninicomics.it, 13-07-2006. URL consultato il 15-01-2008.
  6. ^ (EN) Garth Ennis talks The Boys and more, TheBeat, 09-02-2007. URL consultato il 30-10-2007.
  7. ^ Ennis Garth (testi), Burrows Jacen (disegni), Crossed n.0-9, Avatar Press, 2008-2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 5047537 LCCN: n94078766