Amy Lee

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Amy Lee
Fotografia di Amy Lee
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Alternative metal[1]
Gothic metal[1]
Post-grunge[1]
Periodo di attività 1995 – in attività
Strumento Voce
Pianoforte[2]
Organo[2]
Chitarra[2]
Arpa[2]
Etichetta 110 Records, Inc.
Walt Disney Records
Wind-up Records
BigWig Enterprises
Gruppo attuale Evanescence
Album pubblicati 5
Studio 4
Live 1
Sito web
La firma di Amy Lee
Premio Songwriter Icon Award 2008
Premio Luella Bennack Prize 2012

Amy Lynn Lee cgt Hartzler (Riverside, 13 dicembre 1981) è una cantante, compositrice e polistrumentista statunitense, cofondatrice degli Evanescence.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Infanzia e adolescenza[modifica | modifica wikitesto]

Nata il 13 dicembre 1981 al Parkview Hospital di Riverside, in California, Amy Lee è figlia di John, disc jockey e appassionato musicista, e Sara Cargill. Ha un fratello di nome Robby e due sorelle, Carrie e Lori, che collaborarono all'album The Open Door del 2006); un'altra, nata nel 1984, morì a tre anni nel 1987[3]. L'evento della morte della sorella fu citato sia in Hello (da Fallen) e Like You (dal citato The Open Door)[4]. Amy prese lezioni di piano classico per nove anni.

Visse in varie parti del Paese tra cui Kansas, Florida[5] e Illinois[6], per poi stabilirsi a Little Rock, in Arkansas, la città natale degli Evanescence. Si diplomò all'Accademia Pulaski nel 2000[7]; durante i suoi anni di liceo fu anche la direttrice del coro della scuola. Frequentò per un breve periodo l'università del Tennessee sita a Murfreesboro per studiare teoria musicale e composizione ma decise di abbandonare gli studi per focalizzarsi sugli Evanescence[8].


In un'intervista con AOL Music, Amy dichiarò che le prime canzoni che ricorda di aver composto si chiamavano "Eternity of the Remorse" e "A Single Tear". La prima la scrisse quando aveva undici anni quando ancora voleva diventare un compositore di musica classica, mentre la seconda seconda l'aveva composta come esercizio scolastico di terza media[9].

Esordi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Evanescence.

Nel 1994 Amy incontrò Ben Moody a un campo giovanile mentre lei stava suonando I'd Do Anything for Love (But I Won't Do That) di Meat Loaf al pianoforte; in un'intervista a Rolling Stone Italia tuttavia Amy Lee ha definito tale idea una "diceria".[10] I due scoprirono di condividere una passione per Jimi Hendrix e Björk e iniziarono a scrivere canzoni insieme.

Per diverso tempo però non trovarono altri musicisti con cui suonare e, non avendo i fondi necessari per pagare un'assistenza professionale, non poterono esibirsi dal vivo. Ma ben presto una delle loro canzoni, Understanding (dal loro Evanescence EP), incominciò ad essere trasmessa alla radio e trovò posto nelle classifiche locali, facendo lievitare le richieste di esibizioni dal vivo. Quando finalmente la band riuscì ad esibirsi, diventò una delle più popolari della zona.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

I notevoli risultati di vendita di Fallen, pubblicato in tutto il mondo il 4 marzo 2003, garantiscono alla Lee un ritorno di fama mondiale. Assieme agli Evanescence Amy parte per un tour mondiale che si conclude nell'agosto 2004 con prestigiose tappe al Rock am Ring e al Rock in Rio. Nel settembre 2005, Amy entra in studio per la realizzazione del secondo album degli Evanescence, The Open Door, avvalendosi della collaborazione di Terry Balsamo, il nuovo chitarrista coi dread della band e nuovo co-autore al posto di Ben Moody. L'album viene pubblicato il 3 ottobre 2006 e viene seguito da un tour mondiale più ampio rispetto al precedente, comprendente le tappe del Family Values Tour 2007 assieme, tra gli altri, ai Korn e ai Flyleaf. Successivamente vengono sostituiti i membri Rocky Gray e John LeCompt con Will Hunt e Troy McLawhorn, membri dei Dark New Day.

L'11 ottobre 2011 viene pubblicato il terzo album, intitolato semplicemente Evanescence, di cui Lee è di nuovo autrice di tutti i testi, nonostante, come dichiarato dalla stessa, il disco abbia visto un maggior coinvolgimento di tutti i membri della band.[11] Nel primo singolo estratto dall'album, intitolato What You Want, la Lee parla del proprio rapporto con la musica, i fan e la propria attività di cantante e musicista.[12]

Amy Lee nel 2007.

War Story[modifica | modifica wikitesto]

Amy Lee ha collaborato con il compositore Dave Eggar per la realizzazione della colonna sonora del film War Story.Il 26 agosto 2014 la Lee annuncia tramite il suo profilo Twitter l'uscita dell'album Aftermath.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Amy Lee è stata legata al cantante dei Seether, Shaun Morgan, col quale ha registrato anche una canzone (Broken). Questa relazione ebbe fine dopo un paio d'anni a causa dei problemi di alcolismo del cantante di cui la Lee parla tra l'altro nel primo singolo di The Open Door intitolato Call Me When You're Sober.

Nel dicembre 2005 la Lee è stata denunciata dal suo manager, Dennis Rider, per violazione del contratto. In risposta, la cantante degli Evanescence ha denunciato lo stesso Rider per varie negligenze, tra cui abuso sessuale. La vicenda si è conclusa con l'interruzione del rapporto di lavoro.

Il 6 maggio 2007 si è sposata con Josh Hartzler in una cerimonia strettamente privata svoltasi nel giardino della sua casa a Little Rock.

Il 24 luglio 2014 dà alla luce il suo primo figlio, Jack Lion Hartzler, annunciandolo quattro giorni dopo sul suo profilo Twitter.

Impegno sociale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005 Amy ha fondato la fondazione a favore della sensibilizzazione sull'epilessia Out of the Shadows, diventandone la promotrice. La Lee è stata probabilmente spinta dal grave problema che affligge il fratello Robert, affetto appunto da epilessia.[senza fonte]

Dal 2007 supporta To Write Love on Her Arms, un movimento che aiuta le persone affette da depressione, tendenze suicide e altri gravi problemi di autolesionismo.

Nel 2012 ad Amy Lee viene assegnato il "Luella Bennack Prize" per aver sacrificato il suo tempo libero dedicandolo a "progetti comunitari ed enti benefici".[13]

Immagine[modifica | modifica wikitesto]

L'immagine pubblica di Amy è caratterizzata da molteplici influenze

Amy Lee possiede un caratteristico stile originale fortemente ispirato alla moda gotica, allo stile gothic lolita e agli abiti dell'epoca vittoriana. Questo particolare modo di porsi la distingue in modo particolare e le procura diversi ed erronei paragoni con altre frontwoman di band rock, metal e gothic metal. Ella stessa ha però dichiarato di non sentirsi una goth[14], né di possedere una rilevante cultura al riguardo, limitandosi ad essere una ammiratrice degli abiti vittoriani. Durante il periodo di pubblicazione dell'album The Open Door e successivo tour ha inoltre modificato e ingentilito la sua immagine, passando a uno stile più proprio dell'alternative metal.

È risaputo che disegna i suoi vestiti, e a volte li cuce lei stessa. Riguardo alla possibilità di lanciare una sua linea di abbigliamento non ha negato che l'idea possa essere interessante, ma ha comunque mostrato preoccupazione perché preferisce creare costumi fatti a mano piuttosto che prodotti in serie. All'epoca dell'album Fallen ha avuto un piercing ben in vista sul sopracciglio sinistro (visibile anche sulla copertina dello stesso album).

Influenze[modifica | modifica wikitesto]

Amy ha dichiarato di essere stata influenzata nella sua carriera dal famoso Nightmare Before Christmas di Tim Burton e dalla relativa colonna sonora. Gli artisti e i gruppi preferiti vedono invece Michael Jackson, i Nirvana, Jimi Hendrix, Björk, Massive Attack, Portishead e i Korn.

Profilo tecnico[modifica | modifica wikitesto]

Voce[modifica | modifica wikitesto]

Amy Lee è un mezzo-soprano[15] dal timbro molto scuro ma con una grande duttilità anche sulle note alte.

Strumentazione[modifica | modifica wikitesto]

Amy Lee è una pianista d'ispirazione classica e suona un pianoforte Baldwin personalizzato. La Lee è una endorser dei microfoni Shure, nei live usa occasionalmente un pianoforte digitale modello Roland rd700sx. Lee suona anche la chitarra[2] (come è possibile notare nella sua apparizione a uno show di Cartoon Network), l'organo[2] e l'arpa[2].

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Con gli Evanescence[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Discografia degli Evanescence.

Da solista[modifica | modifica wikitesto]

Apparizioni[modifica | modifica wikitesto]

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Il 18 giugno 2008 Amy ha ricevuto il Songwriter Icon Award da parte della NMPA per le sue qualità di cantautrice. Per l'occasione Amy ha suonato l'inedito Your Love.[21]

Nel 2012 ad Amy Lee viene assegnato il "Luella Bennack Prize" per aver sacrificato il suo tempo libero dedicandolo a "progetti comunitari ed enti benefici".[22]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Evanescence in Allmusic, All Media Network.
  2. ^ a b c d e f g Amy Lee su Twitter; 23:12 - 16 novembre 09 - "Piano and organ are my main instruments, but I also play harp, guitar, and whatever else is lying around- I'll try anything".
  3. ^ Michael Odell, Survivor! in Blender magazine, aprile 2004. URL consultato il 18 ottobre 2006. [collegamento interrotto]
  4. ^ C. Bottomley, Evanescence: Amy Lee Explains the New Songs in VH1.com, 18 settembre 2006. URL consultato il 15 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il ).
  5. ^ Amy Lee returns home. - EvBoard - Evanescence Forum
  6. ^ Amy's bio in OutoftheShadows.com. URL consultato il 15 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il ).
  7. ^ Sito ufficiale della Pulaski Academy, 18 ottobre 2011.
  8. ^ Steve Morse, Evanescence is No Disappearing Act in The Boston Globe, 23 maggio 2003. URL consultato il 15 gennaio 2014.
  9. ^ Jessica Robertson, P's & Q's: Amy Lee Finds Solace in Marriage and Music in AOL.com, 21 ottobre 2007. URL consultato il 15 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il ).
  10. ^ Rolling Stone Italia n. 37 - novembre 2006. Intervista rilasciata a Emilio Cozzi
  11. ^ Amy Lee: New Evanescence Album Is 'Much More of a Band Collaboration
  12. ^ Evanescence's 'What You Want': Hear A Preview!
  13. ^ Evanescence's Amy Lee honored with charity award | Celebrity Buzz - MOVIN' 107.7
  14. ^ Intervista esclusiva rilasciata ad Evanescencewebsite.com
  15. ^ Amy Lee (II) - Biography
  16. ^ Canzone risalente al 2000 che non venne mai pubblicata
  17. ^ Canzone risalente al 2000 che venne pubblicata nell'album The Summit Church: Summit Worship
  18. ^ Canzone pubblicata nell'album Believe dei Big Dismal
  19. ^ Canzone che Amy ha canto insieme ai Seether. Oltre ad essere stata pubblicata nella colonna sonora di The Punisher da dove venne estratta come singolo, venne anche pubblicata come la ventesima traccia dell'album Disclaimer II dei Seether
  20. ^ Singolo tratto dall'album live MTV Unplugged, dei Korn
  21. ^ Notizia esclusiva di Evanescencewebsite.com postata il 26 giugno 2008
  22. ^ Evanescence's Amy Lee honored with charity award | Celebrity Buzz - MOVIN' 107.7

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 50444018 LCCN: n/2006/86066