TMZ.com

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
TMZ.com
Logo TMZcom.PNG
URL http://www.tmz.com/
Commerciale
Tipo di sito News
Registrazione opzionale
Proprietario Time Warner
Creato da Harvey Levin
Lancio 8 novembre 2005[1]
Stato attuale attivo
Slogan Celebrity Gossip. Entertainment News. Celebrity News.

TMZ.com è un sito web di gossip lanciato l'8 novembre 2005. Si tratta di una collaborazione fra America Online (AOL) e Telepictures Productions, una divisione della Warner Bros.[2], sino a che la Time Warner ha dismesso AOL nel 2009. In ogni caso, TMZ.com è ancora affiliato con AOL News ed infatti ha il logo di AOL News logo apposto in alto a destra su ogni pagina del sito. Le lettere TMZ stanno per thirty-mile zone ("zona di trenta miglia"), in riferimento alla "studio zone" che copre una zona di 30 miglia (50 km) fra la West Beverly Boulevard e La Cienega Boulevard a Los Angeles, ed è usualmente frequentata da VIP e celebrità.[3]

Il direttore editoriale di TMZ è Harvey Levin, un avvocato diventato giornalista, diventato esperto in legge per il canale televisivo KCBS-TV.[4] Il sito dichiara di non pagare per servizi o interviste; benché lo stesso Levin abbia ammesso che a volte TMZ paga i propri informatori per le storie raccontate sul sito.[5][6][7] Levin ha inoltre dichiarato che ogni storia raccontata sul sito è ricercata e verificata con accuratezza.[8] Il 10 settembre 2007 sono iniziate le trasmissioni del programma televisivo TMZ on TV, di contenuto simile a quello del sito.

TMZ.com è stato il primo sito[1] a riportare la notizia che l'attore Mel Gibson era stato arrestato per guida senza patente e sotto l'influenza dell'alcol, pubblicando anche le fotografie segnaletiche scattate dalla polizia.[9] Il 22 febbraio 2009, TMZ pubblicò delle fotografie utilizzate dalla polizia come prove dell'aggressione della cantante pop Rihanna da parte dell'ex fidanzato Chris Brown.[1] Il sito è stato anche il primo a riportare le notizie della morte di Michael Jackson[10][11] e di Brittany Murphy.[12]

Secondo Technorati, TMZ.com è il settimo blog più popolare al mondo.[13]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c TMZ Staff, TMZ -- Pretty Mature for a 4-Year-Old in TMZ.com, 8 novembre 2009. URL consultato il 25 novembre 2009.
  2. ^ Newsweek Web Exclusive, Newsweek, What's a TMZ? in NewsWeek.com, 1º agosto 2006. URL consultato il 25 novembre 2009. [collegamento interrotto]
  3. ^ Thane Burnett, Caught on camera in TorontoSun.com, 12 maggio 2009. URL consultato il 26 novembre 2009.
  4. ^ Harvey Levin Top 49 2008. URL consultato il 27 giugno 2009.
  5. ^ CNN, CNN's Reliable Sources 8/2/2009 in Youtube.com, 2 agosto 2009. URL consultato il 29 novembre 2009.
  6. ^ A breakthrough victory for new accessdate=2009-07-01.
  7. ^ Michael Jackson death news: Online activity heats up Twitter and Google, slows down some sites in Chicago Tribune. URL consultato il 1º luglio 2009.
  8. ^ Donna Freydkin, Handed a 'smoking gun', TMZ's Levin ran with it in USAToday.com, 1º agosto 2006. URL consultato il 25 novembre 2009.
  9. ^ EXCLUSIVE: Mel Gibson Busted for DUI in TMZ Staff, 28 luglio 2006. URL consultato il 26 novembre 2009.
  10. ^ Michael Jackson Dies. URL consultato il 1º luglio 2009.
  11. ^ Scott Collins e Meg James, Michael Jackson may be turning point for TMZ in LATimes.com, 1º luglio 2009. URL consultato il 26 novembre 2009.
  12. ^ Brittany Murphy dies. URL consultato il 20 dicembre 2009.
  13. ^ Technorati Top 100 (1–25)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]