My Heart Is Broken

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
My Heart Is Broken
My Heart Is Broken.png
Screenshot del video
Artista Evanescence
Tipo album Singolo
Pubblicazione 31 ottobre 2011
Durata 4 min : 30 s
Album di provenienza Evanescence
Dischi 1
Tracce 3
Genere Alternative metal
Etichetta Wind-Up Records
Produttore Nick Raskulinecz
Registrazione 2011
Evanescence - cronologia
Singolo precedente
(2011)
Singolo successivo
(2012)

My Heart Is Broken è il secondo singolo estratto dall'album omonimo della band statunitense Evanescence, entrato nelle stazioni radiofoniche il 31 ottobre 2011.

La canzone[modifica | modifica wikitesto]

La canzone è stata scritta da Amy Lee, Terry Balsamo, Tim McCord e Zach Williams[1]. La traccia trova ispirazione dal coinvolgimento di Amy e di Zach Williams, un suo caro amico musicista, nell'organizzazione Restore NYC.

« Un mio caro amico gestisce un organizzazione a New York che salva le vittime del traffico sessuale. Mio marito ed io siamo stati coinvolti e ci siamo veramente commossi e inorriditi. Quando stavo scrivendo la canzone mi sono messa in quei panni - come ci si sente ad essere in trappola? Minacciati? Soli? Incapaci di dire a qualcuno che cosa è avvenuto perché sei preoccupato da ciò che può accadere?[2] »

Di questa canzone esistono svariate versioni. Oltre a quella inserita nell'album (4:30) esistono anche la Rock Mix (4:29) e la Pop Mix (4:02), entrambe pubblicate nel singolo commerciale. Esistono altre due versioni, la Rock Mix Edit (3:50) e la Pop Remix Edit (3:45), che sono state pubblicate per scopi esclusivamente promozionali e trasmesse nelle radio[3].

Su eBay è stato messo in vendita un CD promozionale che contiene altre due versioni inedite: la "Radio Edit" (diversa dalle altre versioni precedentemente elencate) e la "Instrumental Version".

Il singolo[modifica | modifica wikitesto]

  • Digital Single[4]
  1. "My Heart Is Broken" (Single Version) - 4:30
  2. "My Heart Is Broken" (Rock Mix) - 4:29
  3. "My Heart Is Broken" (Pop Mix) - 4:02

Il video[modifica | modifica wikitesto]

Il video è stato girato a Los Angeles da Dean Karr[5] ed è stato ispirato dal film dark fantasy La casa ai confini della realtà[6] (1988). Al centro del video sta la figura di una persona con il cuore infranto, una persona che ha subito indicibili maltrattamenti e che cerca conforto in una realtà alternativa. La canzone trova, infatti, ispirazione dalle vicende di traffico sessuale che ancora oggi si manifestano in una città come quella di New York. È la stessa Amy Lee ad interpretare la vittima durante il video.

Il tutto si svolge nei meandri della mente e dell'immaginazione umana, dove Amy giace inerme e priva di sensi. Tutto rimane buio finché Amy, decisa a sfuggire dai dolori della vita reale che la tormentano, crea un mondo che possa finalmente rispondere alle sue aspettative e che possa isolarla da tutto ciò che l'ha ferita. Proprio come accade nel film da cui ci si è ispirati per la sceneggiatura, ogni cosa che viene disegna prende poi vita. Amy disegna nell'aria il suo mondo ideale (durante le riprese sono state usate le fibre ottiche per poter illuminare le mani della cantante[6]), dalla terra alle stelle per poi concludere con la creazione di una piccola e accogliente stanza con al centro uno specchio.

Inizialmente Amy sembra trovare conforto in questa sua creazione ma presto si rende conto che in realtà sta vivendo in una trappola. La stessa scena in cui Amy suona il piano vuole rappresentare il senso di prigionia che è reso tramite la luce che penetra attraverso le "sbarre" di una piccola finestra. Nonostante si sia resa conto, infatti, che quel mondo non è la soluzione ai suoi mali, non riesce tuttavia ad uscirne perché intrappolata.

(EN)
« I can’t go on living this way / But I can’t go back the way I came / Chained to this fear that I will never find / A way to heal my soul / And I will wander till the end of time / Half alive without you »
(IT)
« Non posso continuare a vivere così / ma non posso tornare indietro sui miei passi / Sono incatenata a questa paura e non troverò mai / un modo per curare la mia anima / e vagherò fino alla fine del tempo / per metà viva senza te »
(My Heart Is Broken, Evanescence - Evanescence)

È solo alla fine del video che Amy pone fine all'illusione (mentre frantuma lo specchio con il semplice tocco della sua mano), conscia comunque che quello che l'aspetterà al di fuori, nel mondo reale, non sarà facile; abbandona quindi la scena con impressa in viso un'espressione di sommessa tristezza.

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

  • "My Heart is Broken" (Album Version) - 4:30
  • "My Heart is Broken" (Single Version) - 4:30[7]
  • "My Heart is Broken" (Rock Mix) - 4:29[7]
  • "My Heart is Broken" (Pop Mix) - 4:02[7]
  • "My Heart is Broken" (Rock Mix Edit) - 3:50[8][9]
  • "My Heart is Broken" (Pop Remix Edit) - 3:45[8]
  • "My Heart is Broken" (Radio Edit) - 3:47[10][11]
  • "My Heart is Broken" (Intrumental Version) - 4:29[10]
  • "My Heart is Broken" (Alternate Mix) - 3:50[11][12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Zach Williams - The Evanescence Reference
  2. ^ Kerrang Magazine, Issue 1384, Oct 08 2011
  3. ^ My Heart Is Broken - The Evanescence Reference
  4. ^ "iTunes - Music - My Heart Is Broken - Single by Evanescence". iTunes Store (Italia). Apple Inc..
  5. ^ videostatic.com - "IN PRODUCTION: Evanescence - Dean Karr, dir."
  6. ^ a b mtv.com - Evanescence's 'My Heart Is Broken': Behind The Video, Dec 9 2011 6:53 AM EST
  7. ^ a b c Pubblicata nel singolo commerciale di "My Heart Is Broken"
  8. ^ a b Traccia soltanto promozionale. Pubblicata in alcuni singoli promozionali.
  9. ^ La "Rock Mix Edit" è poi stata usata nel video ufficiale di My Heart Is Broken
  10. ^ a b Traccia soltanto promozionale. Pubblicata nel singolo promozionale del Regno Unito.
  11. ^ a b Traccia soltanto promozionale. Pubblicata nel singolo promozionale degli USA. L'ufficialità di tale promo è comunque messa in discussione.
  12. ^ Pur riportando un nome diverso questa traccia e identica alla "Rock Mix Edit".
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica