Jonathan Davis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jonathan Davis
Jonathan Davis
Jonathan Davis
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Alternative metal
Nu metal
Periodo di attività 1993 – in attività
Strumento Voce
Cornamusa
Gruppo attuale Korn
Sito web

Jonathan Houseman Davis (Bakersfield, 18 gennaio 1971) è un cantante e produttore discografico statunitense, famoso per la sua militanza nei Korn.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Primi anni[modifica | modifica sorgente]

Durante l'infanzia Jonathan soffre molto a causa del divorzio dei genitori. Soffre anche di crisi d'asma che, all'età di cinque anni, lo riducono quasi in fin di vita. È anche vittima di abusi da parte di un vicino di casa: su questo tema è incentrata la canzone Daddy. A 18 anni comincia a lavorare all'interno del Coroners Department di Kern County, come assistente di un medico legale. In seguito si diploma alla Scuola di Scienze Mortuarie di San Francisco e prima di divenire musicista riesce a trovare lavoro nel campo delle autopsie (questo fatto è citato nel video dalla canzone A.D.I.D.A.S.).

Il soprannome "HIV" gli fu attribuito alle scuole superiori, in quanto era ritenuto un tipo stravagante nel vestirsi e nell'imitare i suoi idoli, come i Cure e i Duran Duran.

Jonathan è il fratellastro di Mark Chavez, dal 1999 al 2005 cantante degli Adema, e attualmente dei Midnight Comes. Ha collaborato alla promozione del secondo album in studio degli Adema, Unstable, del 2003.

Carriera musicale[modifica | modifica sorgente]

Il primo ruolo sul palco lo ha con il gruppo dei SexArt, come cantante. Più avanti è notato da Munky e Head, che lo fanno entrare all'interno del gruppo L.A.P.D. in seguito ad un provino. Poi gli L.A.P.D. cambiano nome in Creep, quindi in Korn. Il tipico logo dei Korn è stato scritto da Jonathan con la mano sinistra e con l'aiuto di un pastello a cera.

Molte canzoni da lui scritte, a cominciare da quelle dell'album d'esordio Korn, fanno riferimento ai vari abusi e maltrattamenti che ha subito durante l'infanzia.

Dal 1994 al 2013 pubblica dieci album con i Korn: Korn (1994), Life Is Peachy (1996), Follow the Leader (1998), Issues (1999), Untouchables (2002), Take a Look in the Mirror (2003), See You on the Other Side (2006), Untitled (2007) e Korn III: Remember Who You Are (2010), The Path of Totality (2011) e The Paradigm Shift (2013), attraverso i quali la band riesce ad ottenere molto successo, vendendo in totale più di 30 milioni di copie dei dischi.[1][2]. Con le prime pubblicazioni, inoltre, i Korn vengono riconosciuti come iniziatori del genere nu metal, insieme ai Deftones. In alcune canzoni dei Korn Jonathan, oltre a cantare, suona anche la cornamusa.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Nel 1995 ha avuto da Renee (che ha sposato nel 1998, e da cui ha divorziato qualche anno dopo) il suo primogenito Nathan.

Nel 2004 si è risposato con l'ex pornostar Deven Davis, da cui ha avuto nel marzo del 2005 il suo secondo figlio, Pirate e nell'aprile del 2007 il terzo figlio, Zeppelin.

Attualmente Davis risiede a Tarzana, in California.

Altri lavori[modifica | modifica sorgente]

Nel 2001 ha scritto buona parte dei brani della OST del film La regina dei dannati assieme a Richard Gibbs.

Inoltre ha eseguito lui stesso i sei brani che ha composto (i rimanenti sono stati eseguiti da altri artisti o gruppi musicali), tuttavia, a causa di alcuni obblighi contrattuali con la Sony BMG, le versioni presenti nella prima edizione dell'album che raccoglie la colonna sonora sono state riregistrate e interpretate da altri cantanti.

Nel 2014, partecipa alla composizione della colonna sonora del film After the Dark.[3]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Jonathan nella lista stilata dalla rivista Hit parader dei migliori cantanti metal di sempre è classificato al sedicesimo posto, per le sue incredibili qualità vocali.
  • Il cantante dei Korn ha un tatuaggio sul bicipite sinistro con la scritta "HIV", il suo soprannome, che descrive come un pro memoria per quando ci si trova distratti dal desiderio. Sul bicipite destro, ha invece il tatuaggio di un vescovo che gli strappa la pelle e rivela Cristo: per Jonathan, esso è il simbolo delle atrocità compiute dalla Chiesa cattolica.
  • L'asta del microfono che usa durante i concerti è stata appositamente realizzata dall'artista svizzero H.R. Giger, su indicazioni dello stesso Jonathan Davis[4].
  • Jonathan Davis ha acquistato il Volkswagen Maggiolino di Ted Bundy, uno dei più famosi serial killer d'America, lo stesso che utilizzò per adescare numerose sue vittime.
  • Jonathan adora inoltre giocare ai videogiochi: l'ha ammesso in un'intervista riguardo al videogioco Haze (la cui colonna sonora è stata realizzata dalla sua band), portando l'intervistatrice nella sua "postazione" all'interno del pullman del gruppo. In questa si è potuta notare la presenza di 2 console PS3, un Xbox 360, un Nintendo Wii e un TV LCD 42".
  • Il cantante dei Korn ha intrapreso anche la carriera di dj con il nome di J Devil.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ www.showtimetickets.com in Dati sulle vendite.
  2. ^ RIAA - Gold & Platinum - February 05, 2010
  3. ^ (EN) Chad Childers, Korn’s Jonathan Davis Creates Score for New Film ‘After the Dark’, Loudwire, 15 gennaio 2014. URL consultato il 22 gennaio 2014.
  4. ^ The official WebSite of H.R.Giger-Biography

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • p. 15. Tommaso Iannini, Korn. Gli intoccabili, Taylor & Francis, 2002. ISBN 88-09-02629-2..

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 84965282 LCCN: n2006085712