Sepultura

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sepultura
I Sepultura a un recente live.
I Sepultura a un recente live.
Paese d'origine Brasile Brasile
Genere Thrash metal[1][2][3]
Death metal[1][2][3]
Groove metal[3][4]
Alternative metal[1]
Periodo di attività 1984 – in attività
Etichetta Cogumelo Records
Roadrunner Records
New Renaissance Records
SPV GmbH
Nuclear Blast
Album pubblicati 19
Studio 12
Live 2
Raccolte 5
Sito web

I Sepultura sono un gruppo musicale thrash metal brasiliano, formatosi a Belo Horizonte nel 1984.

Sono considerati una delle maggiori band esponenti del metal estremo, che, sapendo spaziare tra i diversi generi, partendo inizialmente da un thrash metal primitivo degli esordi che ha incorporato altre forme quali il death, l'alternative metal e, in tempi successivi, il groove, hanno così creato uno stile sempre più variegato e creativo.[1]

Il loro nome vuol dire "tomba" in portoghese, e fu scelto dal fondatore ed ex-frontman Max Cavalera mentre traduceva la canzone dei Motörhead Dancing On Your Grave.

Con gli album Beneath the Remains e Arise pubblicati rispettivamente nel 1989 e nel 1991, che la band raggiunse il suo apice compositivo. Sarà invece l'album Roots, edito dalla Roadrunner Records nel 1996 ad avere il maggior successo commerciale raggiungendo anche la posizione numero 27 nella classifica Billboard 200.[5]

Nel 1997 il primo cantante, Max Cavalera, uscì dal gruppo provocando il temporaneo scioglimento della band riunitasi poi un anno dopo, nel 1998, con alla voce Derrick Green.[1] Nel 2011 la band ha pubblicato il suo dodicesimo album in studio intitolato Kairos.

Storia del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi (1984-1986)[modifica | modifica wikitesto]

Andreas Kisser.

La band fu formata a Belo Horizonte da due fratelli, i giovani Max ed Igor Cavalera. I due, rispettivamente chitarrista e batterista, scelsero di iniziare a suonare dopo la morte del padre, evento che non solo segnò profondamente i fratelli, ma lasciò la famiglia in pesanti difficoltà economiche. Al neonato gruppo si aggiunse presto un amico e coetaneo dei due, il cantante Wagner "Antichrist" Lamounier, che aveva già avuto esperienze in altri gruppi, seguito dal bassista Roberto Raffan e dal secondo chitarrista Càssio, tutti giovani musicisti che vivevano nel quartiere dei fratelli. Alla seconda chitarra subentrò nel giro di poche prove Roberto UFO, ma le condizioni economiche dei fratelli non permisero a Igor di acquistare un drumkit valido; la band iniziò quindi a provare a casa di un batterista locale, Beto Pinga, che era più anziano rispetto ai membri della band ma era l'unico provvisto di una batteria decente. Costui rimase nella band finché Igor non riuscì a permettersi una batteria, suonando in un paio di show. Poco tempo dopo, la band fu abbandonata da Raffan e UFO, sostituiti rispettivamente da Paulo Jr. e Jairo Guedz. Nel 1985 Lamounier lasciò il gruppo per alcuni diverbi con i due fratelli, formando i Sarcòfago, e Max iniziò a cantare. Dopo poco tempo e una gavetta nei festival punk e metal locali, come ad esempio al "Metal B.H. Festival", riuscirono ad ottenere un contratto con la piccola Cogumelo Records, nata dall'omonimo negozio di dischi di Belo Horizonte

La loro prima uscita discografica, Bestial Devastation, fu uno split-LP con i conterranei Overdose (la cui "metà" era intitolata Século XX), che fu seguito immediatamente da un tour brasiliano. L'uscita seguente Morbid Visions (1986), contenente classici come Troops Of Doom, Show Me The Wrath e Mayhem, fece subito notare ad un pubblico più esteso le potenzialità di questa band emergente. Dopo questo album il chitarrista Jairo Guedz lasciò la band e fu sostituito dal tecnicamente più preparato[senza fonte] Andreas Kisser. Fino ad allora il gruppo era orientato su un classico death metal abbastanza grezzo e violento, con liriche incentrate su temi blasfemi e anti-cristiani tipici dei primi Slayer e Venom: la band abbandonerà successivamente queste tematiche cercando di giustificarle come errori di gioventù e per dedicarsi a temi riguardanti soprattutto la politica.

Primi successi (1987-1996)[modifica | modifica wikitesto]

Igor Cavalera.

Il secondo album, Schizophrenia, riscosse un grandissimo successo di critica e fu un ottimo biglietto da visita per ottenere il contratto con la ben nota Roadrunner Records, che ristampò Schizophrenia per distribuirlo in tutto il mondo.

I Sepultura ottennero così un numero sempre crescente di fan, consolidandoli con Beneath the Remains (1989), che fu seguito da un lungo tour europeo. Dopo la pubblicazione nel 1991 di Arise, primo album inciso fuori dal Brasile, i Sepultura si trasferirono a Phoenix, Arizona, e diventarono una delle metal band più famose degli anni novanta. Chaos A.D. fu un altro successo in ambito metal, e fu senz'altro uno dei dischi thrash/death con produzione migliore degli anni novanta, caratterizzata da una chitarra granitica e da suoni in generale cristallini e rifiniti. Questa direzione fu mantenuta anche nell'album seguente, Roots (1996), nel quale la band sperimentò innovativi elementi estrapolati dalla musica degli indigeni brasiliani con ritmi tribali e un gran numero di percussioni. Questa la direzione che seguirà Max Cavalera nei suoi Soulfly.

Lo scioglimento (1997)[modifica | modifica wikitesto]

Max Cavalera.

Al culmine del successo dei Sepultura, però, una serie di eventi portò alla rottura della band. Nel 1997, poco prima di esibirsi al Monsters of Rock Festival a Donington, la moglie di Max Cavalera, nonché manager della band, Gloria, fu colpita dalla morte del figlio ventunenne Dana Wells (D-Low) coinvolto in un incidente stradale. Max e Gloria lasciarono il resto della band per fare ritorno in America, e i Sepultura dovettero suonare per la prima volta in tre.

Si diceva che ci fosse qualche tensione all'interno della band alla fine del 1996, e al termine di un tour di successo in Gran Bretagna, alla Brixton Academy il 16 dicembre 1997, la band disse a Max che non avrebbero rinnovato il contratto con Gloria. Max Cavalera lasciò il gruppo (andando a formare i Soulfly), e gli altri annunciarono che avrebbero continuato sotto il nome di Sepultura e che avrebbero cercato un rimpiazzo.

Una registrazione dell'ultimo show di Max con la band fu pubblicata in un album live (Under a Pale Grey Sky) dalla precedente etichetta, la Roadrunner Records, nonostante il diniego dei membri del gruppo.

La reunion ed il declino (1998-2005)[modifica | modifica wikitesto]

Il cantante Derrick Green con i Sepultura.

Dopo due anni di inattività venne arruolato il cantante Derrick Green e i Sepultura pubblicarono nel 1998 l'album Against che fu commercialmente di minor successo rispetto ai suoi due predecessori.

Nel 2001 la band decise di pubblicare l'album Nation, di maggior successo commerciale rispetto al precedente lavoro ma sicuramente molto al di sotto dei lavori con Cavalera alla voce. Dal punto di vista creativo, inoltre, i due prodotti subirono forti critiche dalla stampa musicale.

Dopo la registrazione dell'EP Revolusongs (2002) contenente molte cover, la band pubblicò nel 2003 l'album Roorback, anche questo malvisto dalla critica. Nel 2005 è stato pubblicato il doppio CD live intitolato Live in São Paulo, distribuito anche in DVD.

Eventi recenti (2006-oggi)[modifica | modifica wikitesto]

Eloy Casagrande (Nova Rock 2014)

Il 15 marzo 2006 è stato pubblicato un nuovo album: Dante XXI, con questa nuova uscita la band si preparò ad un nuovo tour internazionale. Il 12 giugno 2006 viene ufficializzato l'abbandono di Igor Cavalera, a causa di incompatibilità musicale con gli altri membri; verrà rimpiazzato durante il tour prima dall'ex batterista dei Soulfly Roy Mayorga e poi, in modo definitivo, da Jean Dolabella proveniente dagli Udora.

Nel giugno 2007 i fratelli Max e Igor Cavalera decisero di tornare a collaborare insieme per la prima volta dopo dieci anni.

Il 26 gennaio 2009 la band ha pubblicato l'album A-Lex con alla voce ancora Derrick Green, allontanando quindi anche le voci di un possibile ritorno di Max Cavalera. (Nel frattempo i due fratelli avevano già fondato i Cavalera Conspiracy). Particolarità di questo disco sarà soprattutto sulle tematiche trattate ed ispirate al libro Arancia Meccanica di Anthony Burgess dal quale è stato tratto l'omonimo film diretto dal regista Stanley Kubrick.

Il 17 giugno del 2011 la band ha pubblicato il suo dodicesimo album in studio intitolato: Kairos.

Il tour della band brasiliana ha toccato anche l'Italia con tre date, fra il 21 e il 23 luglio. I concerti si sono tenuti a Novara, Bolotana (NU), nell'ambito del Festival organizzato da Rock & Bol, e alla Pinarella di Cervia (RA).

il 25 ottobre 2013 la band pubblica un nuovo album The Mediator Between Head and Hands Must Be the Heart, il secondo per la Nuclear Blast con il produttore di Roots Ross Robinson.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Jean Dolabella.

Attuale[modifica | modifica wikitesto]

Ex-componenti[modifica | modifica wikitesto]

Ex-turnisti

Cronologia della formazione[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Discografia dei Sepultura.

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

VHS[modifica | modifica wikitesto]

DVD[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) Sepultura in Allmusic, All Media Network.
  2. ^ a b Luca Signorelli, 2001, pp. 162-163.
  3. ^ a b c (EN) Sepultura, Encyclopaedia Metallum.
  4. ^ Ian Christe, 2003, pp. 264.
  5. ^ (EN) Roots - Sepultura, Billboard.com. URL consultato il 24 luglio 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Testi monografici[modifica | modifica wikitesto]

Enciclopedie[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Daniel Bukszpan, Ronnie James Dio, The Encyclopedia of Heavy Metal, Barnes & Noble Publishing, 2003, ISBN 978-0-7607-4218-1.
  • Ian Christe, Sound of the Beast: The Complete Headbanging History of Heavy Metal, HarperCollins, 2003, ISBN 0-380-81127-8.
  • Luca Signorelli, Metallus. Il libro dell'Heavy Metal, Giunti Editore, 2001, ISBN 88-09-02230-0.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]