Hans Ruedi Giger

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Hans Ruedi Giger, nome d'arte di Hans Rudolf Giger (Coira, 5 febbraio 1940Zurigo, 12 maggio 2014), è stato un pittore, scultore, designer, d'ispirazione surrealista e simbolica, ed artista nel campo degli effetti speciali cinematografici, svizzero. Dopo molti anni di lavoro nel campo del design e dell'illustrazione grafica, per l'originalità ed il forte impatto emotivo dei suoi lavori ha creato, in collaborazione con Carlo Rambaldi, la rappresentazione per il grande schermo della creatura protagonista di Alien, nell'omonimo film, che gli è successivamente valsa l'Oscar per i migliori effetti speciali nel 1980.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Statua posta all'ingresso del Museum H.R. Giger

Il padre è titolare di una farmacia e l'artista passa un'infanzia, per sua stessa testimonianza[1] tranquilla e felice, nel laboratorio paterno, osservando spesso le boccette, alcune puramente espositive contenenti liquidi dagli strani colori, preparati vari e sanguisughe all'epoca ancora in uso medico. Un giorno il padre ricevette da una casa farmaceutica, un teschio umano ed il figlio, ancora bambino, ne rimase affascinato. Nel tempo, il ragazzo sviluppò una certa attrazione nei confronti del bizzarro e del tetro, ispirato anche da artisti come Salvador Dali e Jean Cocteau. Sua madre Melli, pur non comprendendo appieno questa particolare passione del figlio, non smise d'incoraggiarlo.

Crescendo, Giger frequenta la scuola di design industriale e di arti applicate di Zurigo. Qui matura la sua abilità tecnica e la precisione nella definizione dei dettagli meccanici. Negli anni seguenti, espone in diverse mostre, anche a Zurigo; sviluppa una tensione artistica che lo porta ad esprimere al meglio la sua abilità utilizzando tecniche a china ed inchiostri. Successivamente passa alla pittura ad olio.

Sarà però con l'utilizzo dell'acrilico, con tecnica ad aerografo, che firmerà la maggior parte dei suoi lavori noti al grande pubblico: l'estrema potenzialità realistica di questo mezzo, dà la possibilità di ottenere effetti unici; grazie ad una perizia maturata con il suo lavoro di designer e negli anni di scuola, con l'utilizzo di un bicromismo tanto essenziale quanto inquietante, Giger comincia a trovare consenso in tutto il mondo. Sua è l'invenzione dei biomeccanoidi, creature sorta di macchine "organiche", od organismi futuribili, in cui metallo e carne si fondono.

Nei primi anni settanta viene data alle stampe la monografia A RH+, raccolta di opere realizzate ad aerografo, a cui ne seguiranno altre, fino ad arrivare al più noto Necronomicon del 1977.

La sua vita privata è sconvolta nel 1975 dalla morte, per suicidio, della prima moglie, Li Tobler, attrice svizzera. Successivamente, nel 1979 si risposerà con Mia Bonzanigo a cui resterà legato per breve tempo.

Con Alien conosce il successo; si occupa sia dei set che, soprattutto, del disegno della creatura e della sua realizzazione (nella quale sarà aiutato da Carlo Rambaldi).

Giger, oltre ai lavori grafici, iniziò a disegnare scenografie ed arredi per un bar da realizzare a New York ma il progetto non trovò i finanziamenti sufficienti e quindi fu accantonato. Una versione minore è stata però realizzata a Chur (Coira), sua città natale nel canton Grigioni in Svizzera. Il "Giger Bar" (inaugurato l'8 febbraio 1992), si trova in un complesso di uffici e di attività commerciali di recente costruzione (il Kalchbühl-Center), nel quartiere a sinistra tra l'uscita dell'autostrada Coira sud e la strada verso il centro della città. Un locale di simile ispirazione è rimasto aperto solo per alcuni anni in Giappone (frequentato prevalentemente dalla malavita del Sol Levante, la Yakuza, fu chiuso a causa di un omicidio che vi era stato commesso).

Sempre nell'ambito del design, Giger ha realizzato, inoltre, l'asta del microfono per la famosa rock band californiana Korn, in particolare per il cantante Jonathan Davis.

A partire dalla prima metà degli anni novanta, Giger ha iniziato a lavorare al Museum H.R. Giger, una casa-museo realizzata all'interno del medioevale castello di St. Germain, nel borgo di Gruyères (Svizzera) ed ufficialmente aperta il 20 giugno del 1998.

H.R. Giger muore il 12 maggio 2014 all'età di 74 anni per le conseguenze di una caduta, viveva e lavorava a Zurigo-Seebach.[2][3][4][5][6]

Riferimenti estetici[modifica | modifica sorgente]

Gebaermaschine (Macchina procreatrice), 1967

I suoi riferimenti estetici partono dal surrealismo comunemente inteso, di cui si considera un capofila Salvador Dalí, fino ad arrivare al realismo fantastico della Wiener Schule des Phantastischen Realismus, dove alcune opere grafiche di Ernst Fuchs dei primi anni cinquanta, e particolarmente lavori ad inchiostro a tema mistico od infernale, con la ricerca di particolari simmetrie, sembrano anticipare i successivi lavori di Giger. In realtà le ispirazioni partono probabilmente da molto lontano e si può immaginare una linea ideale che, partendo da William Blake, o addirittura dai primi fiamminghi più mistici e surreali come Hieronymus Bosch, arriva fino ai preraffaelliti ed all'arte contemporanea generalmente conosciuta come visionaria. In tutti questi artisti si mescolano un tentativo di realismo esasperato a volte iperrealista spesso di soggetti irreali od onirici, all'affrontare temi trascendenti il mondo fisico, mistici spirituali o psichedelici.

I suoi disegni cupi ed evocativi, vere "fotografie dall'inferno" capaci di mescolare sensualità, irrealtà e orrore, riscuotono un crescente interesse in ambienti trasversali (Timothy Leary scrive la prefazione a uno dei suoi cataloghi) e gli valgono proposte di collaborazione su vari fronti.

Su questa onda d'interesse nel 1973 è chiamato a realizzare le illustrazioni per il disco Brain Salad Surgery della band degli Emerson, Lake & Palmer.

Presto l'artista viene notato anche nell'ambiente cinematografico: nel 1978 Ridley Scott decide infatti di contattarlo per il progetto a cui sta lavorando, Alien. Il regista ricorderà sempre il primo incontro con Giger, avvenuto in un parco, all'aperto, in una giornata estiva di pieno sole: Giger si presentò pallido, completamente avvolto in un impermeabile invernale.

I suoi progetti comprendono i disegni realizzati per il film di fantascienza Dune di Alejandro Jodorowsky, in seguito abbandonato e ripreso da David Lynch, che lo ridimensionerà (Giger si limiterà al design di qualche ambiente).

Dopo Alien, riprova la strada del successo con Specie mortale (Species), del 1995, disegnando Sil, femmina metà aliena e metà umana. Ma questa volta il regista non è Ridley Scott, ed il film non riscuote particolare plauso dal grosso pubblico, rimanendo confinato in una ristretta cerchia di appassionati, che al contrario lo ritengono un piccolo cult movie.

I sequel di Alien vedono solo un apporto minimo da parte di Giger, in quanto le tecniche di modellazione tridimensionale al computer sostituiscono le sue abilità manuali.

Influenza di Giger[modifica | modifica sorgente]

L'estetica di Giger, in particolare i quadri e le illustrazioni realizzati tra gli anni '70 e gli anni '80, hanno avuto un'influenza notevole su artisti di varie discipline, al di là di quelli direttamente coinvolti in collaborazioni dirette con il pittore svizzero. Dai gruppi rock ai tatuatori, dai narratori di fantascienza ai decoratori di autoveicoli, le visioni aliene e oniriche di Giger hanno offerto spunti tematici e iconografici per la realizzazione delle opere più disparate.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Effetti speciali[modifica | modifica sorgente]

Regia[modifica | modifica sorgente]

  • High and Heimkiller - cortometraggio (1967) - coregista
  • Swiss Made (1968) - coregista
  • Tagtraum - cortometraggio documentario (1973)
  • Giger's Necronomicon - cortometraggio documentario (1975) - coregista
  • Giger's Alien - cortometraggio documentario (1975) - coregista
  • A New Face of Debbie Harry - cortometraggio (1982)

Mostre personali[modifica | modifica sorgente]

  • 1966 - Galerie Benno, Zurigo
  • 1968 - Gallerie vor der Klostermauer, San Gallo
  • 1969 - Galerie Platte 27, "Biomeccanoiden", Zurigo
  • 1970 - Galerie Bischofberg, "Passagen", Zurigo
  • 1971 - Actionsgalerie, Berna
  • 1972 - Galerie Look (Dibi Däbi), San Gallo
  • 1972 - Galerie 57, Bienne
  • 1972 - Trudelhaus, Baden
  • 1972 - Mostra dell'associazione d'arte, Kassel
  • 1973 - Galerie Stummer & Hubschmid, Zurigo
  • 1973 - Inter Art Galerie Reich, Colonia
  • 1975 - Kunsthous, "Passengel-Tempel", Coira
  • 1975 - Galerie Baviera, "Mostra dell'epoca grafica", Zurigo
  • 1975 - Meier's Gallery of Model Art, Zurigo
  • 1976 - Galerie Sydow-Zirkwitz, Francoforte
  • 1976 - Galerie Kamp, Amsterdam
  • 1976 - Galerie Bijam Aalam, Parigi
  • 1976 - Neue Wohngalerie, "Mostra dell'opera grafica", Regensberg
  • 1976 - Ugly Club, "The Second Celebration of the Four", Richterswil
  • 1977 - Zürcher Kunsthaus, Zurigo
  • 1977 - Galerie Baviera, Bienne
  • 1977 - Galerie Bijam Aalam, Parigi
  • 1978 - Kunsthaus, Glarus
  • 1978 - Galerie Bertram, Burgdorf
  • 1978 - Galerie Herzog, "Mostra dell'opera grafica", Büren an der Aare
  • 1979 - Galerie Baviera (lavori per il film Alien), Zurigo
  • 1979 - Amsterdam, Galerie Kamp, Amsterdam
  • 1979 - Galerie Bijan Aalam, Parigi
  • 1980 - Galerie Baviera, "H.R. Giger sul tema dell’erotismo", Cavigliano
  • 1980 - Modelia-Haus (lavori per il film Alien), Zurigo
  • 1980 - Musée Cantonal des Beaux-Arts (lavori per il film Alien), Losanna
  • 1980 - Hansen Galleries (lavori per il film Alien), New York
  • 1981 - The Museum of the Surreal and Fantastique, New York
  • 1981 - Kunsthauskeller, Bienne
  • 1982 - "N.Y. City-bilden" e "Collezione Bijan Aalam", Winterthur
  • 1982 - Kunsthalle Waaghaus, Parigi
  • 1983 - "Art 14’83", Basilea
  • 1983 - Galerie Hartmann, Monaco di Baviera
  • 1983 - Steinle, Zurigo
  • 1983 - Galerie Klein, Bonn
  • 1983 - Galerie am Severinswall, Colonia
  • 1984 - Seedamm-Kulturzentrum, "Retrospektive", Pfäffikon SZ
  • 1984 - "Art 16’85", Basilea
  • 1984 - Limelight, "The Dune you will never see", New York
  • 1984 - Galerie 58, Silvia Steiner, Bienne
  • 1985 - Maison Pancrace de Courten, "Retrospektive", Sierre
  • 1985 - Galerie a 16, Zurigo
  • 1985 - "Zukunftsträume", Norimberga
  • 1986 - Galerie Herzog, Büren zum Hof
  • 1987 - Werkstatt-Galerie, Paul Nievergelt, Zurigo
  • 1987 - Shibuya Seibu, Seed, Tokyo
  • 1988 - Galerie Art-Magazine, "Drawnings Expanded", Zurigo
  • 1988 - Petersen Galerie, Berlino
  • 1988 - Museum im Kornhaus, "Opere grafiche", Rorschach
  • 1988 - Wickart, "Opere grafiche", Zug
  • 1988 - Psychedelic Solution galery, "Dipinte e stampe", New York
  • 1988 - Stadttheather, "Essenzia Symposioum für Alchemie", San Gallo
  • 1989 - Gallery Plana Terra, "Mostra di opere grafiche", Coira
  • 1990 - Bündner Kunsthaus, "Mostra in occasione del 50º compleanno", Coira
  • 1990 - Château de Gruyères, "Alien dans ses Meubles", Gruyères
  • 1990 - Informatikeschule, "Dipinti e opere grafiche", Wettingen
  • 1990 - Restaurant Crusch Alba, disegni di "The Mistery of San Gottardo", Guarda
  • 1990 - Galerie Carré Blanc, "Disegni", Nyon
  • 1991 - Macadam - la M.I.C. de Cluse, "Les Livres d'Esquisses", Cluse
  • 1991 - Galerie Art-Magazin, "Vernissage per il libro ARh+", Zurigo
  • 1991 - "Art 22'91", Gallery Hilt, "One Man Show", Basilea
  • 1991 - Painthouse Academy, Window 92, "H.R. Giger's Biomechanic Visions", Davos
  • 1992 - Museum Baviera "Giger-Retrospektive", Zurigo
  • 1993 - Museum Baviera, retrospettiva e opera per i film Alien e Alien 3, Zurigo
  • 1993 - Galerie Humus, retrospettiva e mostra delle opere "Swiss Transit Tunnel", Losanna
  • 1993 - Galerie Herzog, Büren zum Hof
  • 1993 - Galerie P17, disegni per "The Mystery of San Gottardo", Fürth
  • 1993 - Galerie Bertram, retrospettiva e opere "Watch Abart", Burgdorf
  • 1993 - Alexander Gallery, "Retro-NY", retrospettiva di dipinti e sculture e opere "Watch Abart", New York
  • 1993 - Odeon, "Communication Art Zürich", Zurigo
  • 1994 - Galerie Mangish, "Watch Abart", Zurigo
  • 1994 - Galerie Eclisse, Locarno
  • 1994 - Odeon, "Communication Art Zürich", Zurigo
  • 1995 - 13ème Festival International du Film Fantastique, Bruxelles
  • 1995 - Kunsthalle, "Konfrontationen", Gießen
  • 1996 - Loft "Möbel", Kreuzlingen
  • 1996 - Palazzo Bagatti Valsecchi, "Visioni di fine millennio", Milano
  • 1997 - Galerie Hilt, "Projekte", Basilea
  • 1997 - Librairie Arkham, "Visions", Parigi
  • 1997 - Galerie Artefides, sculture originali grafica, Lucerna
  • 1997 - Fachhochschule für Gestaltung, "Visionen", sculture e mobili, Coira
  • 1998 - Castello di Gruyères, "Private Art Collection of HR Giger, Gruyères
  • 1998 - Museum HR Giger, castello di St. Germain, inaugurazione, Gruyères
  • 1998 - Caliban Gallery, "HR Giger – Sculptures & Prints", New York
  • 1998 - Galerie Hilt, originali e album, Basilea
  • 2000 - SF DRS a casa di HRG, "Jahrtausendwende", Zurigo
  • 2000 - Galerie a16, sculture, dipinti, disegni, album "Ein Fressen für den Psychiater", Zurigo
  • 2000 - Congresso dei tatuaggi e dipinti, Conte
  • 2000 - Galerie am Theater, "Ein Fressen für den Psychiater", Norimberga
  • 2000 - Wurster AG, "Ausstellung im Fuchsloch", mobili, Thal
  • 2001 - Piccola Galleria d’arte, opere grafiche, Zurigo
  • 2002 - Fuse Gallery, "HR Giger/NYC 2002: Recent Sculptures & Prints", New York
  • 2002 - Spazio espositivo della comunità Hard, "Mensch, Maschine, Genetik", Winterthur
  • 2003 - Fletcher Gallery, "HR Giger/Woodstock 2002: Recent Sculptures & Prints", Woodstock
  • 2003 - Galerie Rotation 31, Bad Hersfeld
  • 2003 - Città della Scienza, Science Centre della Fondazione IDIS, "Alieni e biomeccanoidi", Napoli
  • 2004 - Warenahaus Loeb, dipinti, sculture e stampe, Berna
  • 2004 - Halle Saint Pierre, "Le Monde Selon HR Giger", retrospettiva, Parigi
  • 2004 - Galerie Arludik, "Biomechanoïdes Paris 2004", Parigi
  • 2005 - Cabaret Voltaire, "Pandora - Giger Reloaded", sculture e stampe, Zurigo
  • 2005 - Museum Baviera, "Passegen", esposizione di nuove sculture e stampe, Zurigo
  • 2005 - Narodní Technické Muzeum (NTM), "HR Giger in Prague", retrospettiva, Praga
  • 2005 - Art at Large Gallery, "Gigerotique", opere originali, sculture, litografie a tiratura limitata, gioielli, New York
  • 2006 - KunstHausWien, "Giger in Wien", retrospettiva, Vienna
  • 2007 - Galerie Hilt, "Spaces", sculture e stampe, Basilea
  • 2007 - Les Caves du Manoir, Martigny
  • 2007 - Bündner Kunstmuseum, "Das Schaffen vor Alien, 1961-1976", Coira
  • 2007 - Universitat Politècnica de València, "HR Giger: Escultura, Gràfica i Disseny", Valencia
  • 2008 - Zitadelle, "Abgründe", Berlino
  • 2009 - Deutsches Filmmuseum, "H.R. Giger. Kunst - Design - Film", Francoforte
  • 2009-2010 - Sala Kubo-Kutxa, "Retrospectiva", San Sebastián

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Hr giger ARh+, Taschen, 1991
  2. ^ (DE) Alien-Schöpfer HR Giger ist tot in Schweizer Radio und Fernsehen, 13 maggio 2014. URL consultato il 13 maggio 2014.
  3. ^ È morto H.R. Giger, il creatore di Alien in Ticinonline (Zurigo), 13 maggio 2014. URL consultato il 13 maggio 2014.
  4. ^ (EN) ‘Alien’ creator H.R. Giger is dead in swissinfo (Zurigo), 13 maggio 2014. URL consultato il 13 maggio 2014.
  5. ^ (EN) Frank Jordans, 'Alien' artist H.R. Giger dies at 74 in Associated Press, 13 maggio 2014. URL consultato il 13 maggio 2014.
  6. ^ (DE) Der «Alien»-Vater ist tot in Tages-Anzeiger, 13 maggio 2014. URL consultato il 13 maggio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • 1971 - ARh+, ristampato in Italia da Taschen in numerose riedizioni
  • 1974 - Passagen
  • 1976 - H. R. Giger bei Sydow-Zirkwitz (catalogo di esposizione artistica)
  • 1977 - HR Giger's Necronomicon 1, ristampa 2004, libro in formato A3
  • 1980 - Giger’s Alien 5. ristampa 2002, ISBN 3-89082-528-1
  • 1981 - HR Giger’s New York City
  • 1984 - Retrospective 1964-1984 (catalogo di esposizione artistica)
  • 1985 - HR Giger's Necronomicon 2, ristampa 1996, libro in formato A3 (ISBN 978-3-89082-520-5)
  • 1985 - HR Giger's Necoronomicon 1+2, edizione limitata con litografie (ISBN 978-3-89082-555-7)
  • 1988 - HR Giger's Biomechanics, ristampa 2005, Libro in formato A3 (ISBN 978-3-89082-871-8)
  • 1991 - H. R. Giger ARh+ (ISBN 3-8228-1317-6) (differente dalla stampa del 1971)
  • 1992 - Schizzi 1985
  • 1993 - Watch Abart ’93 (catalogo di esposizione artistica)
  • 1995 - Species Design
  • 1996 - HR Giger's Filmdesign, (ISBN 978-3-89082-583-0)
  • 1996 - www HRGiger com
  • 1996 - Visioni di fine millennio (catalogo di esposizione artistica) (edizione curata che include il CD SHINE - "inthecentre")
  • 1998 - Monsters from the ID
  • 1998 - The Mystery of San Gottardo
  • 2002 - Icons „HR Giger“
  • 2004 - Le Monde Selon HR Giger (catalogo di esposizione artistica)
  • 2005 - HR Giger in Prague (catalogo di esposizione artistica)
  • 2005 - HR Giger's Necronomicon 1+2, (ISBN 978-3-89996-539-1)
  • 2006 - Giger in Wien (catalogo di esposizione artistica) ISBN 3-901247-15-7)
  • 2007 - HR Giger, Das Schaffen vor Alien (catalogo di esposizione artistica)
  • 2007 - HR Giger, Escultura, Gràfica i Disseny (catalogo di esposizione artistica)

Bibliografia generale[modifica | modifica sorgente]

  • Fantastic Art (Taschen) (Schurian, Prof. Dr. Walter), 2005
  • Metamorphosis: 50 Contemporary Surreal, Fantastic and Visionary Artists (beinArt), 2007

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 111076634 LCCN: n50028041