Seether

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Seether
I Seether nel 2008
I Seether nel 2008
Paese d'origine Sudafrica Sudafrica
Genere Alternative metal[1]
Post-grunge[1]
Nu metal
Alternative rock
Periodo di attività 1999in attività
Album pubblicati 7
Studio 6
Live 1
Sito web
Seether.png

I Seether sono una band post grunge formatasi nel 1999 in Sudafrica.

I membri fondatori del gruppo sono Shaun Morgan (voce e chitarra), David Cohoe (batteria) e Dale Stewart (basso), e sono una delle migliori rock band sudafricane. Il nome del gruppo, inizialmente, era Saron Gas e la loro musica era influenzata da grandi band di fama internazionale, quali Black Sabbath, Deftones, Creed e Nirvana.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Fragile[modifica | modifica sorgente]

L'esordio ufficiale del gruppo è datato 2000; insieme al produttore Brian O'Shea, in soli due mesi registrano Fragile nella città sudafricana Musketeer. È un disco che scala le classifiche degli album più venduti, grazie ai singoli 69 Tea e, soprattutto, Fine Again, che diverrà una vera e propria hit. Nel dicembre del 2000, i Saron Gas intraprendono un tour nazionale, il Fragile Tour, per promuovere il loro album d'esordio. Subito dopo il tour, il gruppo abbandona il nome Saron Gas, per assumere il nome con cui oggi sono famosi; nascono ufficialmente i Seether.

Disclaimer[modifica | modifica sorgente]

Una volta sbarcati negli Stati Uniti, i Seether iniziano le registrazioni del nuovo CD, Disclaimer. Questo album, altro non è se non la riproposta dei brani contenuti in Fragile con l'aggiunta di sei brani inediti; il disco segna un'importante svolta nel sound della band, che inizia ad avvicinarsi al tipico suono che oggi ascoltiamo nei loro lavori. L'uscita dell'album coincide però con l'abbandono del batterista David Cohoe, che lascia per tornare in patria dalla sua famiglia. Viene prontamente sostituito da Nick Oshiro e Shaun muta il suo cognome Welgemoed in un più musicale Morgan. I problemi di formazione, tuttavia, non sono ancora finiti; Oshiro abbandona praticamente subito e viene sostituito da Kevin Soffera e inoltre, si aggiunge un secondo chitarrista, Pat Callahan. Sistemata finalmente la formazione, il gruppo immette sul mercato Disclaimer; siamo nel 2002 ed è l'esplosione a livello mondiale con i singoli Fine Again, Driven Under e Gasoline.

Disclaimer II[modifica | modifica sorgente]

Nel giugno 2004 esce Disclaimer II, una riedizione dell'album precedente, che ora comprende otto ulteriori tracce, tra cui Hang On (compreso nella colonna sonora del film Daredevil), Sold Me e Broken, quest'ultima rivisitata e cantata con Amy Lee, voce degli Evanescence, ex fidanzata di Morgan. (entrambi i singoli compaiono tra le musiche del film The Punisher). È proprio il singolo Broken che lancia i Seether verso orizzonti musicali più commerciali.

Karma and Effect[modifica | modifica sorgente]

Nel maggio 2005 esce Karma and Effect, quarto album dei Seether. Il cd viene lanciato dal singolo Remedy (che diventa anche la theme song ufficiale dell'edizione 2005 del WWE Summer Slam), a cui seguono Truth e The Gift. In questo disco si ritrova lo stile post-grunge del loro album d'esordio, ma ci sono riff più melodici.

One Cold Night[modifica | modifica sorgente]

Il 22 febbraio 2006, mentre sono in tour assieme alle band nordamericane Shinedown e Flyleaf per il Winterfresh Snocore tour, i Seether incidono un concerto acustico al Grape Street di Filadelfia. L'11 luglio 2006 esce One Cold Night, il cofanetto CD/DVD che comprende 14 canzoni registrate a Philadelphia, tra cui anche una cover dei Pearl Jam, Immortality. Nel giugno 2006 Pat Callahan, il chitarrista dal 2003, decide di lasciare la band e sembra che tutto si svolga in un'atmosfera amichevole, sebbene lui non abbia mai rivelato pubblicamente i suoi motivi. Poco dopo, sul sito ufficiale della band viene reso pubblico il fatto che Shaun Morgan verrà ricoverato per curare la sua dipendenza dall'alcool. I Seether sono costretti a cancellare diverse date del loro tour, ma prevedono di suonare in Gran Bretagna nel mese di ottobre.

Finding Beauty In Negative Spaces[modifica | modifica sorgente]

Il 23 ottobre 2007 esce il quinto album della band sudafricana, Finding Beauty in Negative Spaces, da cui estraggono come singoli i brani Fake It, Rise Above This e Breakdown. Nel 2008 in sostituzione di Pat Callahan si unisce Troy McLawhorn (ex Evanescence, Dark New Day, Sevendust e Still Rain) al resto della band. Inizialmente arrivato solo come turnista per il tour dell'album, ora è membro fisso della band.

Holding Onto Strings Better Left to Fray [modifica | modifica sorgente]

Il 17 marzo 2011 la band pubblica il sesto album in studio Holding Onto Strings Better Left to Fray. L'intero album era già stato diffuso in internet da The Pirate Bay 5 giorni prima

I primi singoli estratti per la promozione dell'album sono "No Resolution" e "Country Song".

Pochi giorni prima della pubblicazione dell'album, più precisamente l'8 marzo 2011, Shaun Morgan annuncia tramite Twitter che il chitarrista Troy McLawhorn aveva deciso di lasciare la band per perseguire altri interessi.

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Attuale[modifica | modifica sorgente]

Ex-componenti[modifica | modifica sorgente]

Timeline della formazione[modifica | modifica sorgente]

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album[modifica | modifica sorgente]

Singoli[modifica | modifica sorgente]

Anno Canzone Posizione più alta Certificazione Album
AUS
[2]
CAN
[3]
NLD
[4]
NZ
[5]
SWI
[6]
UK
[7]
US
[8]
US Adult
[9]
US
Alt.

[10]
US
Main.
US
Pop

[11]
US
Rock

[12]
2002 "Fine Again" 61 6 3 Disclaimer
2003 "Driven Under" 122 13 13
"Gasoline" 37 8
2004 "Broken" (featuring Amy Lee) 3 30 2 27 106 20 12 4 9 10 Disclaimer II
2005 "Remedy" 42 70 5 1 Karma and Effect
"Truth" 123 25 8
2006 "The Gift" 29 8
2007 "Fake It" 49 38 14 56 1 1 Finding Beauty in Negative Spaces
2008 "Rise Above This" 58 91 18 1 2
"Breakdown" 98 106 4 4
2009 "Careless Whisper" 57 63 31 5 4 4
2011 "Country Song" 53 72 8 1 2 Holding onto Strings Better Left to Fray
"Tonight" 76 113 7 1 4
2012 "No Resolution" 23 2 8
"Here and Now" 27 5 21

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Scheda sulla band da Allmusic.com
  2. ^ australian-charts.com – Seether discography, Hung Medien. URL consultato il 22 maggio 2011.
  3. ^ Seether Album & Song Chart History – Canadian Hot 100 in Billboard. URL consultato l'8 dicembre 2010.
  4. ^ dutchcharts.nl – Dutch charts portal, Hung Medien. URL consultato il 12 gennaio 2011.
  5. ^ charts.org.nz – New Zealand charts portal, charts.org.nz. URL consultato l'8 dicembre 2010.
  6. ^ Die Offizielle Schweizer Hitparade und Music Community, Hung Medien. URL consultato il 12 gennaio 2011.
  7. ^ Chart Log UK: DJ S – The System of Life, The Official Charts Company. URL consultato l'8 dicembre 2010.
  8. ^ Seether Album & Song Chart History – Hot 100 in Billboard. URL consultato l'8 dicembre 2010.
  9. ^ Seether Album & Song Chart History – Adult Pop Songs in Billboard. URL consultato l'8 dicembre 2010.
  10. ^ Seether Album & Song Chart History – Alternative Songs in Billboard. URL consultato l'8 dicembre 2010.
  11. ^ Seether Album & Song Chart History – Pop Songs in Billboard. URL consultato l'8 dicembre 2010.
  12. ^ Seether Album & Song Chart History – Rock Songs in Billboard.
  13. ^ Accreditations – 2004 Singles, Australian Recording Industry Association. URL consultato l'8 dicembre 2010.
  14. ^ a b RIAA – Gold & Platinum – December 8, 2010: certified awards, Recording Industry Association of America. URL consultato l'8 dicembre 2010.
  15. ^ Seether Earns #1 Active Rock Song of the Year by Billboard | AlternativeAddiction.com

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]