Carlo Carrà

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo Carrà

Carlo Carrà (Quargnento, 11 febbraio 1881Milano, 13 aprile 1966) è stato un pittore italiano che aderì al futurismo e poi alla corrente metafisica. Erede della tradizione ottocentesca prende parte a tutte le vicende del rinnovamento artistico dell'epoca nuova, dal Futurismo alla metafisica, dal Novecento, ai Valori Plastici.

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di artigiani, apprese i primi accenni dell'arte del disegno da giovane, durante una forzata stabilità a letto a causa di una lunga malattia. Iniziò ben presto a lavorare come decoratore murale a Valenza frequentando nel frattempo le Scuole serali tra cui a Milano negli anni 1904-05 la Scuola superiore d'Arte applicata all'Industria del Castello Sforzesco. ”In particolare Carrà allora di professione decoratore murale, frequentatore della Scuola negli anni 1904-05 di ritorno da Parigi e Londra, prima di iscriversi all'Accademia di Brera, vi si distinse (egli stesso lo ricorda nella sua autobiografia) conseguendo il primo premio di decorazione, di lire 500, e quello Noseda di 175 lire.”[1]

Nel 1900, si recò a Parigi durante l'Esposizione Universale, per eseguire le decorazioni di alcuni padiglioni. In visita al Louvre, si entusiasmò di alcuni pittori, quali Delacroix, Gèricault, Manet, Pierre-Auguste Renoir, Paul Cézanne, Camille Pissarro, Alfred Sisley, Claude Monet, Gauguin. A Londra, invece, si appassionò alle opere di John Constable e William Turner. In questo periodo cominciò a interessarsi di politica, intrattenendo rapporti con gruppi anarchici che interruppe però ben presto.

Trovatosi per caso nel corso del funerale dell'anarchico Galli, ucciso dal custode della fabbrica che picchettava nel corso dello sciopero generale del 1904, ne rimase profondamente colpito, e cominciò a disegnare alcuni bozzetti, che anni più tardi sfoceranno nell'opera Il funerale dell'anarchico Galli. Solo nel 1906 entrò all'Accademia di Brera, come allievo di Cesare Tallone. Qui incontrò alcuni giovani artisti destinati a essere protagonisti sulla scena artistica italiana: Bonzagni, Romani, Valeri e Umberto Boccioni.

Breve esperienza divisionista: è difatti nel divisionismo che Carrà scorge i fermenti più vivi di rivolta al clima provinciale della pittura italiana di quegli anni. Con quest'ultimo, Filippo Tommaso Marinetti e Luigi Russolo, redasse un manifesto (1909) destinato ai giovani artisti dell'epoca, con l'obiettivo di esortarli ad adottare un nuovo linguaggio espressivo. Nacque così il Futurismo, a cui aderirono subito Gino Severini e Giacomo Balla. Lui è un pittore. Negli anni quaranta insegna pittura all'Accademia di Belle Arti di Brera, Milano. Suoi allievi sono stati Giuseppe Ajmone e Oreste Carpi.

Il periodo futurista[modifica | modifica wikitesto]

Di questo periodo è il legame breve ma intenso con Leda Rafanelli, anarchica, che si era separata dal marito, Alberto Ciampi (uno dei maggiori esperti per quanto concerne i rapporti fra futurismo ed anarchia) ha scritto un libro dedicato ai due Leda Rafanelli, Carlo Carrà: un romanzo, arte e politica in un incontro, non per niente Carrà dedica un quadro[2] intitolato "Funerali dell'anarchico Galli" e commenta così l'accadimento.

« Vedevo innanzi a me la bara tutta coperta di garofani rossi ondeggiare minacciosamente sulle spalle dei portatori; vedevo i cavalli imbizzarriti, i bastoni e le lance urtarsi, sì che a me parve che la salma avesse a cadere da un momento all'altro in terra e i cavalli la calpestassero[3] »

Da questo scritto traspare lo stato emotivo di Carrà in quanto durante i funerali vi furono scontri fra poliziotti e partecipanti al corteo funebre.

« Quando, durante lo sciopero generale del 1904, fu ucciso l'anarchico Galli e durante il suo funerale nacque una mischia di inaudita violenza, Carrà, trovatosi lì per caso, ne fu fortemente impressionato, e tornato a casa schizzò il disegno da cui prese spunto più tardi per il quadro I funerali dell'anarchico, esposto nelle mostre futuriste del 1912.[4] »

Carrà collaborò al movimento futurista per sei anni. I concetti ispiratori della pittura futurista vennero pubblicati sulla rivista Lacerba, a cui egli collaborò attivamente. Carrà concepiva i suoi quadri come immagini dinamiche ma allo stesso tempo non soltanto limitate a dare la sensazione di movimento, destinate attraverso il colore, a eliminare la legge fissa di gravità dei corpi. Nel 1908 Carrà conosce Boccioni e Russolo, e dopo aver incontrato Marinetti firma Il manifesto dei pittori futuristi l'11 febbraio 1910, e il Manifesto tecnico della pittura futurista l'11 aprile 1910. Suo è il manifesto La pittura dei suoni, rumori, odori (1912). Il distacco dal Futurismo avviene nel 1916, quando dà avvio con De Chirico alla pittura metafisica.

Le principali opere futuriste di Carrà sono:

  • La stazione di Milano (1910-11)
  • I funerali dell'anarchico Galli (1910-11)
  • Luci notturne (1910-11)
  • Donna al balcone (1912)
  • La Galleria di Milano (1912)
  • Trascendenze plastiche (1912)
  • Manifestazione interventista (1914).

Il periodo metafisico[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 1915 Carrà comincia a sentire l'esigenza di abbandonare i temi della velocità e del dinamismo, cercando un contatto più strutturato con il reale. La guerra coinvolgeva Carrà, prima con un'intensa attività interventista, durante la quale conobbe anche Cesare Battisti, e poi con la chiamata alle armi. Ma l'esperienza fu talmente dolorosa, che finì ricoverato in un nevrocomio a Ferrara. In questa città, nel 1917, conobbe Giorgio De Chirico e Filippo De Pisis con i quali definì i principi teorici della Metafisica. Dopo alcune opere in stile dechirichiano, il pittore raggiunse ben presto una propria individualità artistica, per cui Carrà non rimase confinato tra le formule tipiche del movimento metafisico, nella sua arte la metafisica fu decisamente superata dalla poesia e dal senso del magico. Nel 1919 contrasse matrimonio con Ines Minoja e iniziò la collaborazione alla rivista d'arte Valori plastici di Roma, che proseguì fino al 1921. Le principali opere di questo periodo sono:

  • L'idolo ermafrodito (1917)
  • Madre e figlio (1917)
  • Il figlio del costruttore (1917-1921)
  • L'amante dell'ingegnere (1921)
  • L'attesa (1923)
  • Meriggio (1923)

Il periodo trascendente[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1922, una nuova svolta nel percorso artistico di Carrà, che lo porta ad abbandonare anche la metafisica, spinto dal desiderio di "essere soltanto se stesso". La pittura deve cogliere quel rapporto che comprende il bisogno di immedesimazione con le cose e il bisogno di astrazione» e la contemplazione del paesaggio si risolve allora nella «costruzione» di un quadro, sia montano sia marino. Conosce anche il pittore-poeta milanese Cesare Breveglieri (il quale lo ritrasse mentre dipingeva). L'archivio dell'artista è conservato all'Archivio del '900 del Mart di Rovereto.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Il ciclista, (1913)
  • Il cavaliere rosso, (1913)
  • Manifestazione Interventista, (1914) collage su cartone, collezione Gianni Mattioli
  • La Camera Incantata (1917)
  • il pino sul mare (1921)
  • L'approdo, (1923)
  • Onde (Marina), (1924) acquaforte su rame (in 25 esemplari e 3 prove d'artista nel 1924, 13 es. nel 1951)
  • La casa dell'amore, (1924) acquaforte su rame (in 25 esemplari e 3 prove d'artista nel 1924, 10 es. nel 1951, 70 es. postumi 1971)
  • Bagante II, (1924) acquaforte su rame (in 29 esemplari e 3 prove d'artista nel 1924, 70 es. postumi 1971)
  • La foce del Cinquale, (1925)
  • Canale a Venezia, 1926, olio su tavola, Lugano, Museo Cantonale d'Arte
  • I nuotatori, (1928)
  • Rissa tra statue e modelli, (1928)
  • Nuotatori (1929), olio su tela (Milano, Collezione privata)
  • Marina con albero, (1930)
  • Partita di calcio (1934), olio su tela
  • Ritorno dai campi
  • Autoritratto
  • Arresto di Cesare Battisti
  • Verso il tramonto
  • Costruttori (1949-1950), realizzato, insieme ad un autoritratto, per l'importante collezione Verzocchi sul tema del lavoro. La Collezione è oggi conservata presso la Pinacoteca Civica di Forlì
  • Estate sul fiume (1951)

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— Roma, 2 giugno 1961[5]
Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Su proposta della Presidenza del Consiglio dei ministri»
— Roma, 30 dicembre 1952[6]

Scritti[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo Carrà - Tutti gli scritti - a cura di Massimo Carrà (Feltrinelli 1978)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fonte: Luigi Timoncini, Pietro Nimis Scuola Superiore d'Arte applicata all'Industria
  2. ^ Funerali dell'anarchico Galli
  3. ^ quadri di Carra'. (archiviato dall'url originale il ).
  4. ^ biografia di Carrà
  5. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  6. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carrà: Tutta l'opera pittorica, vol. 1 (1900-1930), vol. 2 (1931-1950), vol. 3 (1951-1966), a cura di Massimo Carrà, Edizioni dell'Annunciata, Milano 1967-68.
  • PONTIGGIA Elena, CARRA' Massimo, Carlo Carrà. I miei ricordi. Opera grafica 1922-1964, Edizioni Medusa, Milano 2004, pp. 111.
  • Carlo Carrà: mostra antologica, cat. della mostra a cura di Gian Alberto dell'Acqua e Massimo Carrà, (Milano, Palazzo Reale), Motta, Milano 1987.
  • Carrà: Disegni, a cura di Franco Russoli e Massimo Carrà, Grafis, Bologna 1977.
  • Carlo Carrà (1881-1966), cat. della mostra a cura di Augusta Monferini, (Roma, Galleria Nazionale d'Arte Moderna), Electa, Milano 1994. ISBN 88-435-5091-8.
  • Carlo Carrà: 1881-1966, cat. della mostra a cura di Maria Cristina Bandera, (Alba, Fondazione Ferrero, 2012-2013), 24Ore Cultura, Milano 2012. ISBN 978-88-664-8112-6.
  • Giuseppe Bergamini, Giancarlo Pauletto. Carrà: disegni e acqueforti 1907-1965, Pordenone, Edizioni Concordia, Centro Iniziative Culturali, Collana Edizioni d'arte, Fuori serie, 2007, pp. 117. ISBN 9788884260291
  • Dizionario biografico degli italiani, XX, Roma, Istituto dell'Enciclopedia italiana, 1977.

Controllo di autorità VIAF: 7400206 LCCN: n79043180 SBN: IT\ICCU\CFIV\004962