Gerardo Dottori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gerardo Dottori

Gerardo Dottori (Perugia, 11 novembre 1884Perugia, 13 giugno 1977) è stato un pittore italiano della corrente futurista, firmatario del manifesto dell'Aeropittura.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di famiglia d'estrazione popolare, a 8 anni perse la madre. Si iscrisse giovanissimo all'Accademia di Belle Arti di Perugia, lavorando al contempo presso un antiquario. Iniziò quindi l'attività di decoratore trasferendosi temporaneamente a Milano tra il 1906 ed il 1907. Tornò quindi agli studi accademici e dal 1908 cominciò a frequentare ambienti artistici d'avanguardia a Firenze. Nel 1910 iniziò a collaborare con la rivista La Difesa dell'Arte.

Nel 1911 andò a Roma dove conobbe Giacomo Balla, aderendo al Futurismo. Nel 1912 riunì il primo gruppo futurista umbro, e nel 1915 partì arruolato per la Grande Guerra, scrivendo sotto le armi Parole in libertà. Nel 1920 fondò la rivista futurista Griffa!, che si prefiggeva il compito di diffondere le idee del movimento a Perugia. Nello stesso anno espone a Roma la sua prima personale.

Nel 1924 fu il primo futurista ad esporre alla Biennale di Venezia. Nel corso della sua vita Dottori parteciperà in tutto a 10 edizioni della Biennale. Il suo apporto maggiore al movimento fu quello dell'Aeropittura, figurò infatti tra i firmatari del Manifesto dell'aeropittura (firmato dal solo Marinetti nel 1929) sottoscritto nel 1931 insieme a Marinetti, Balla e Prampolini, i maggiori esponenti del movimento. Tra il 1925 e la fine degli anni trenta visse a Roma scrivendo su varie riviste d'arte. Nel 1932 è citato come primo esempio di artista futurista impegnato anche in soggetti sacri nel Manifesto dell'Arte Sacra Futurista firmato da Marinetti e Fillia.

Nel 1939 vinse la cattedra di Pittura all'Accademia di Perugia, dirigendola sino al 1947. Nel 1941 in piena guerra mondiale scrisse il Manifesto umbro dell'aeropittura, dove chiarì che la vera essenza del suo futurismo risiedeva nel rappresentare ambientazioni e paesaggi misticheggianti.

Rimase sempre fedele al futurismo, anche dopo il declino di quest'ultimo ed al suo "paesaggio totale". Negli ultimi anni, in particolare, le sue opere compaiono nelle principali retrospettive sul futurismo sia in Italia che all'estero. Si spense nel capoluogo umbro nel 1977 e venne sepolto nel Cimitero monumentale di Perugia, nella sezione riservata ai cittadini illustri. I maggiori risultati li ottenne raffigurando paesaggi e visioni della sua terra, l'Umbria, per lo più con immagini percepite da grandi altezze, tra le più famose ricordiamo Primavera umbra ed Incendio in città, entrambe dei primi anni 20'.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sito ufficiale Associazione culturale Archivi Gerardo Dottori Controllo di autorità VIAF: 58247818 LCCN: n90717899