Giselher Klebe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giselher Wolfgang Klebe (Mannheim, 28 giugno 1925Detmold, 5 ottobre 2009) è stato un compositore tedesco che conta al suo attivo più di 140 lavori, di cui 14 opere, 8 sinfonie, 15 concerti di musica da camera e pezzi di musica sacra.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fortemente influenzato dalla madre, la violinista Gertrud Klebe, s'interessa precocemente alla musica classica che studierà a Mannheim, poi a Monaco ove la sua famiglia si trasferisce nel 1932, quindi a Rostock nel 1936 e infine, dopo il divorzio dei suoi genitori, a Berlino. È in quest'ultima città che riceve una borsa di studio nel 1940, quando aveva già scritto le sue prime composizioni musicali fin dall'età di tredici anni. Studia con Kurt von Wolfur dal 1941 al 1943, Josef Rufer nel 1946 e Boris Blacher dal 1946 al 1951.

Nel 1957 insegna Composizione alla Nodwesdeutsche Musikakademie di Detmold. Acquisisce notorietà dal 1950 con Die Zwitschermascine, brano per orchestra, ispirato a un quadro di Paul Klee. Ma è soprattutto celebre per le sue opere. Nel 1964 è nominato membro dell'accademia delle arti di Berlino Ovest e riceve il premio Hans Werner Henze. Sempre nel 1964 viene eseguito il suo Stabat Mater nel Teatro Rivoli di Valdagno con Maria Chiara per il Teatro La Fenice di Venezia.

Opere scelte[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marc Vignal (a cura di), Dictionnaire de la musique, Larousse, 1987, p. 424, ISBN 2-03-511306-7

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

(FR) Notizia della morte di Giselher Klebe

Controllo di autorità VIAF: 84959538 LCCN: n81047492