Reliquie cristiane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Lista di reliquie cristiane)
Jump to navigation Jump to search

Lista di reliquie cristiane celebri:

Reliquie di Gesù[modifica | modifica wikitesto]

Strumenti della Passione[modifica | modifica wikitesto]

Reliquiario Stauroteca Lignum Crucis (Sec. XVII - XVIII)

Sono detti strumenti della Passione gli attrezzi e gli oggetti usati per la crocefissione di Gesù. Secondo la tradizione, molti di questi oggetti sarebbero stati rinvenuti a Gerusalemme da Elena, madre dell'imperatore Costantino, nel IV secolo.

  • La Croce alla quale venne crocifisso Gesù sarebbe stata trovata insieme a quelle dei due ladroni scavando il terreno del Golgota. Si racconta che venne riconosciuta miracolosamente: accostando le tre croci a una malata, questa sarebbe stata guarita all'esposizione della terza. La "Vera Croce" rimase esposta a Gerusalemme; sottratta dai Persiani nel VII secolo, venne recuperata dall'imperatore bizantino Eraclio I. Nel 1187 venne portata dai Crociati sul campo di battaglia di Hattin, perché assicurasse loro la vittoria contro il Saladino; la battaglia invece fu perduta e della croce si persero le tracce per sempre. Tuttavia nei secoli precedenti ne erano stati prelevati numerosi frammenti che sono tuttora conservati in molte chiese. Erasmo da Rotterdam ironicamente affermava che ne circolavano così tanti che con quel legno si sarebbe potuta costruire una nave. Una recente ricerca[1] stima invece che i frammenti oggi esistenti, messi insieme, costituiscano solo circa un decimo del volume della croce di Elena. Tuttavia l'enorme quantità di reliquie della Croce che vi era nei tempi passati era tanto leggendaria, che si trovarono diverse spiegazioni. San Paolino ne propose una miracolosa, ovvero il fenomeno "della reintegrazione della Croce": se ne potevano staccare tutti i frammenti che si voleva, ma, a fronte di qualunque prelievo di legno, la croce restava sempre integra [2]. Le reliquie con frammenti della Croce sono chiamate Lignum Crucis.
Reliquiario Stauroteca - Vera Croce di Cristo Signore -
Stauroteca di Lentini Datata tra il secolo IX e il XI secolo
Stauroteca in custodia presso l'ex cattedrale di Lentini Santa Maria la Cava e Sant'Alfio. Reliquiario in rame sbalzato e cesellato. Datato secolo XV

Reliquie del legno della Santa Croce sono conservate in molte chiese, soprattutto nelle chiese investite di particolare dignità. Il frammento più grande attualmente esistente è conservato nel Monastero di Santo Toribio di Liébana (Cantabria, Spagna). Altri importanti reliquie della Croce si conservano nella chiesa di Santa Croce in Gerusalemme a Roma; nella cripta del santuario di Maria Ausiliatrice a Torino; nella chiesa dell'Assunzione di Maria Vergine di Caramagna Piemonte (ex abbazia benedettina di Santa Maria) sono conservati alcuni frammenti del santo legno in un bellissimo reliquiario donato all'Arciconfraternita di Santa Croce in Caramagna; nella chiesa cattedrale e nella chiesa di Santa Croce a Padova; nella chiesa collegiata di San Michele Arcangelo a Ottaviano; un altro pezzo a Cosenza, poi nella chiesa della Natività di Maria Santissima a Cupello; nella chiesa di San Pietro Apostolo a Vasto; nella chiesa di Santa Maria degli Angeli a San Nicola la Strada; ad Ururi; ad Acquaviva Collecroce (CB); nella basilica cattedrale di Cefalù, donata alla sua fondazione da re Ruggero II; nella cappella del Santissimo Crocifisso a Paternò: il reliquiario contiene, oltre ad una scheggia della Santa Croce, anche le reliquie di San Giuseppe, una reliquia della Madonna e una di San Giovanni Apostolo. Essa è stata donata alla cittadinanza dalla nobile famiglia dei Moncada, principi di Paternò; nella chiesa della Santissima Annunziata a Isnello; nella chiesa dei Santi Nicolò e Giacomo a Capizzi, nell'ex cattedrale di Lentini Santa Maria la Cava e Sant'Alfio si possono trovare tre stauroteche, appartenenti al primo e secondo grado di classificazioni reliquiarie; un frammento della Croce Santa si trova custodito anche nella collegiata di Santa Maria Maddalena ad Atrani.

Sangue e parti del corpo di Gesù[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Prepuzio di Gesù (che, come ogni ebreo, fu circonciso) era conservato ed esposto nel giorno di Capodanno a Calcata fino al 1970, quando il parroco ne comunicò il furto.
  • Il sangue di Gesù scaturito dalla ferita al costato, secondo la tradizione, venne raccolto dal soldato Longino, che gli aveva sferrato il colpo di lancia: egli lo avrebbe portato a Mantova; l'ampolla contenente il presunto sangue è custodita nella cattedrale della città. Altro sangue attribuito a Gesù è conservato in una teca cilindrica visibile nella Basilica del Sacro Sangue (Heilig-Bloedbasiliek) a Bruges (Belgio). Un'ulteriore ampolla con un batuffolo di cotone imbevuto nel sangue e risalente alla Serenissima Repubblica di Venezia è conservata nella chiesa di San Giacomo a Clauzetto.

Altre reliquie[modifica | modifica wikitesto]

La "sacra culla" a Santa Maria Maggiore (Roma)

Reliquie di altri personaggi dei Vangeli[modifica | modifica wikitesto]

Maria e Giuseppe[modifica | modifica wikitesto]

Santo Anello nuziale di Maria di Nazaret Madre di Cristo.
  • La Santa Casa di Loreto sarebbe la casa di Maria, dove avvenne l'Annunciazione. Secondo la tradizione popolare fu trasportata in volo da Nazaret a Loreto da alcuni angeli. Più probabilmente vi fu trasportata dai Crociati nel 1294, ad opera della famiglia Angeli Comneno, un ramo della casa imperiale di Costantinopoli. Sul luogo è poi sorto un imponente santuario meta di pellegrinaggio millenario.
  • Il Sacro Capello di Maria a Palmi.
  • I capelli di Maria a Petralia Sottana e a Messina.
  • Il Sacro Latte di Maria nella Collegiata di San Lorenzo a Montevarchi e nel santuario di Materdomini in Nocera Superiore con frammenti ossei di molti santi, l'ultima purtroppo non è del tutto autentificata per cui è stata nascosta ai fedeli per sempre durante il XX secolo.
  • La Sacra Cintola, ovvero, la cintura della Madonna, a Prato.
  • Il Santo Anello, l'anello nuziale di San Giuseppe nel Duomo di Perugia, in precedenza a Chiusi dove era stato portato da Gerusalemme nell'XI secolo.
  • Gli anelli di fidanzamento di San Giuseppe e della Beata Vergine Maria a Notre-Dame a Parigi.
  • La cintura di San Giuseppe nella chiesa dei Foglianti a Parigi, portata in Francia nel 1254 da sir de Joinville.
  • Il bastone di San Giuseppe nella chiesa dei Camaldolesi a Firenze (il bastone è quello che secondo un vangelo apocrifo sarebbe fiorito miracolosamente ed è presente nell'iconografia del Santo). Frammenti di questo bastone sono inoltre nelle chiese di: Santa Cecilia a Roma, Sant'Anastasia a Roma, San Domenico a Bologna, San Giuseppe del Mercato.
  • Frammenti della tomba di S. Giuseppe in Santa Maria al Portico e in Santa Maria in Campitelli a Roma.
  • Frammenti del Sacro Velo della Madonna e della veste di San Giuseppe, si trovano a Santa Maria di Licodia, conservati in un artistico reliquiario in argento, opera del secolo XVII. Tale reliquiario veniva portato in processione fino agli anni settanta del Novecento, l'ultimo sabato del mese di agosto, in occasione della festa patronale[4].

San Giovanni Battista[modifica | modifica wikitesto]

Gli Apostoli e gli Evangelisti[modifica | modifica wikitesto]

I Re Magi[modifica | modifica wikitesto]

  • A Milano si conservavano anticamente le presunte spoglie dei Re Magi. Nel XII secolo l'imperatore Federico Barbarossa le prese come bottino di guerra e le portò a Colonia, dove si trovano tuttora. Alcuni resti furono restituiti a Milano negli anni cinquanta del XX secolo e sono stati posti in Sant'Eustorgio.
  • Secondo la tradizione tre falangi dei Re Magi vengono conservate a Brugherio, in un reliquiario d'argento di pregevole fattura, nella parrocchia di San Bartolomeo ed esposte solo nel giorno dell'Epifania. Furono donate da Sant'Ambrogio alla sorella Marcellina, allora residente presso una comunità di vergini, dove ora sorge la Cascina Sant'Ambrogio, luogo di riposo e di ritiro dello stesso santo, in quelle che erano, secondo la tradizione locale, terreni di proprietà della famiglia del santo. Le reliquie hanno sempre ricevuto la devozione dei fedeli che accorrevano da tutta la provincia a baciare "gli umitt" (piccoli uomini)[5], a ragione della forma del reliquiario.

Reliquie di altri santi[modifica | modifica wikitesto]

Reliquiario con il dente di Sant'Apollonia. Il dente è montato sullo strumento di tortura (le tenaglie).
  • Le reliquie di San Vitaliano da Capua sono custodite nella cattedrale di Catanzaro.
  • Alcuni resti ossei, filamenti di capelli e brandelli di camice di Santa Maria Maddalena, muniti di sigilli e custodite insieme ai certificati di autenticazione, nella collegiata di Atrani dedicata alla santa.
Reliquiario contenente frammento ex pulvere corporis Sancta Theresiae a Iesu - Ecclesiae Doctoris (prov. Postulatio Ordo Carmeli)
Reliquia del cuore di Sant'Alfio, martire cristiano nato a vaste, reso martire a Lentini.

Reliquie storiche[modifica | modifica wikitesto]

Costantinopoli racchiudeva alcune delle reliquie più preziose, molte delle quali vennero disperse. Tra le più venerate vi erano:

  • il manto della Madonna (il maphorion)
  • i sandali di Cristo
  • la veste di San Giovanni Battista
  • un'ampolla con il sangue di Cristo, che venne usato per firmare certi documenti solenni
  • il parapetto del pozzo davanti al quale si svolse l'episodio evangelico di Cristo e la samaritana
  • la pietra su cui venne composto il Corpo di Cristo dopo la morte
  • il trono di Salomone
  • la verga di Mosè
  • i resti degli "innocenti", ovvero dei bambini fatti uccidere da Erode
  • una porzione di sterco dell'asino sul quale Gesù entrò a Gerusalemme che viene (o veniva) conservato nel convento di Gräfrath nei pressi di Colonia (Germania)
  • a queste reliquie vanno aggiunte alcune icone che (più che immagini sacre) venivano considerate reliquie, nel senso che erano legate ad un evento che aveva generato quell'immagine specifica, come l'icona della vergine Odigitria (che sarebbe stata dipinta dall'evangelista San Luca) e che ora si trova a Bari nella cripta della cattedrale
  • vi erano poi le icone considerate miracolose in quanto non dipinte da mano umana (acheropite). Il culto delle icone era tale che durante i trionfi (cerimonia tipicamente romana dopo una vittoria) sul carro del vincitore, e al posto del vincitore, veniva posta l'icona della Vergine
  • a Costantinopoli fu portato anche il Mandylion, un panno con impressa l'immagine del volto di Cristo. Era inizialmente ad Edessa, ed aveva fama di rendere invincibile la città quando esposto sulle mura. Fu trasportato poi a Costantinopoli nel 944, fu perduto nel 1204, ma secondo alcuni era la Sacra Sindone di Torino.
  • Molte reliquie -oltre che a Costantinopoli- erano conservate anche a Roma, ed in particolare in Laterano, dove erano venerate reliquie come le tavole delle leggi ricevute da Mosè sul Sinai o l'Arca dell'alleanza.
  • Ma la reliquia più famosa che percorre la storia è probabilmente il santo Graal, ovvero la coppa in cui sarebbe stato raccolto il sangue di Cristo durante la crocefissione. Oppure la coppa usata per l'Ultima Cena, oppure usata per entrambe le cose. Oggetto leggendario, di cui non si conosce l'ubicazione (anche se una dozzina di luoghi e chiese si attribuiscono la sua presenza) e fonte di innumerevoli miti, leggende, poemi letterari, opere letterarie (forse la più antica è Perceval le Gallois ou le Compte du Graal di Chretien de Troyes, 1190), opere teatrali e opere liriche (Lohengrin e Parsifal di Richard Wagner) e film come the Last Crusade (l'Ultima Crociata), di Steven Spielberg o come La leggenda del Re Pescatore di Terry Gilliam. Vari film più o meno storici hanno come oggetto la ricerca di altre reliquie. Sull'arca dell'Alleanza è incentrato ad esempio il film I predatori dell'arca perduta, le tavole della Legge sono uno degli elementi centrali del kolossal I dieci comandamenti di Cecil de Mille.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Michael Hesemann, Testimoni del Golgota, Edizioni San Paolo, 2003
  2. ^ The Catholic Encyclopaedia, Vol. 4, p. 524
  3. ^ Giovanni 13:1-15
  4. ^ Festa di San Giuseppe a Santa Maria di Licodia
  5. ^ I Santi Magi di don Damiano Grenci
  6. ^ ViviMilano
  7. ^ Le reliquie, Santuario di Trecastagni. URL consultato il 10 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 22 novembre 2009).
  8. ^ (EN) M. Camilleri, Some curiosities about six of Valletta’s landmarks, in The Malta Independent, 24 gennaio 2021. URL consultato il 3 febbraio 2021.
  9. ^ (EN) 3. 1. The grave and relics of Blessed Gérard, su blessed-gerard.org, 11 ottobre 2015. URL consultato il 3 febbraio 2021.
  10. ^ (EN) Feast of St Ursula, patron saint of Gozo, in Times of Malta, 20 ottobre 2013. URL consultato il 10 maggio 2021.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]