Cattedrale di Valencia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cattedrale di Valencia
Seu plaçareina.jpg
La cattedrale di Valencia
StatoSpagna Spagna
Comunità autonomaFlag of the Valencian Community (2x3).svg Comunità Valenzana
LocalitàValencia
ReligioneCattolica
TitolareMaria Assunta
Arcidiocesi Valencia
Consacrazione1238
ArchitettoAndreu Julià e Francesc Baldomar
Sito web

Coordinate: 39°28′33″N 0°22′30″W / 39.475833°N 0.375°W39.475833; -0.375

La cattedrale di Valencia, dedicata all'Assunzione di Maria, è la cattedrale metropolitana sede dell'arcidiocesi di Valencia e dal 1886 è anche basilica minore.[1] Venne dedicata, secondo la tradizione del XIII secolo, all'assunzione di Maria per volere di Giacomo I. Il suo campanile è chiamato Micalet; si può accedere alla sua sommità, da cui si può godere una vista panoramica della città, attraverso 207 scalini.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La cattedrale venne consacrata nel 1238 dal primo vescovo di Valencia dopo la Reconquista e venne costruita in stile gotico valenzano al posto dell'antica moschea di Balansiya, che a sua volta era stata costruita sul sito in cui sorgeva l'antica cattedrale visigota. Sulla parete della Cappella del Santo Calice si trovano due grandi spezzoni, rispettivamente di 59 e 70 metri di lunghezza, delle catene che sbarravano il porto di Marsiglia e che furono rotte e asportate come trofeo il 19 novembre 1423 dalla galera comandata da Romeu de Corbera, nel corso del sacco di Marsiglia.

All'interno della Cattedrale, sulla destra, si trova la Cappella del Santo Calice[2]che in origine era l'antica sala capitolare dei monaci. Sulla parete di fondo si trova il retablo, costituito da un'opera scultorea in alabastro che presenta nella parte inferiore scene tratte dell'Antico Testamento e in quella superiore scene del Nuovo Testamento. In queste ultime sono rappresentate anche le figure dei Dodici apostoli realizzate dal fiorentino Giuliano Fiorentino, allievo del Ghiberti autore della Porta del Paradiso nel Battistero di San Giovanni. La cappella è coperta da una volta a crociera nervata a forma di stella a otto punte, le cui nervature si prolungano fino ad adagiarsi su alcune mensole policrome. Sopra il retablo si trova una bella vetrata, al centro della quale c'è la raffigurazione del Santo Calice.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Accanto al retablo sul lato sinistro della cappella del Santo Calice si trova una pietra che reca due curiosi 'ovali' che si ritiene siano le impronte delle ginocchia dei pellegrini.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Sito GCatholic.org
  2. ^ (ES) Beltrán Antonio, El Santo Cáliz de la Catedral de Valencia, Valencia, Nacher, 2ª edición, 1984.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN153638989 · LCCN (ENn83013606 · GND (DE4578352-4 · BNF (FRcb151222443 (data) · BAV ADV12069879 · WorldCat Identities (ENn83-013606