Tropea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tropea
comune
Tropea – Stemma Tropea – Bandiera
Tropea – Veduta
La spiaggia
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Calabria.svg Calabria
ProvinciaProvincia di Vibo Valentia-Stemma.png Vibo Valentia
Amministrazione
SindacoCommissione straordinaria ex art. 143 d.lgs 267/2000 (scioglimento ente locale per infiltrazioni mafiose) dal 23/09/2017
Territorio
Coordinate38°40′41″N 15°53′49″E / 38.678056°N 15.896944°E38.678056; 15.896944 (Tropea)Coordinate: 38°40′41″N 15°53′49″E / 38.678056°N 15.896944°E38.678056; 15.896944 (Tropea)
Altitudine60 m s.l.m.
Superficie3,66 km²
Abitanti6 462[1] (30-11-2015)
Densità1 765,57 ab./km²
FrazioniMarina
Comuni confinantiDrapia, Parghelia, Ricadi
Altre informazioni
Cod. postale89861
Prefisso0963
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT102044
Cod. catastaleL452
TargaVV
Cl. sismicazona 1 (sismicità alta)
Nome abitantitropeani, trupiani (dialetto calabrese)
PatronoS. Madonna di Romania e santa Domenica
Giorno festivo27 marzo, 9 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Tropea
Tropea
Tropea – Mappa
Posizione del comune di Tropea nella provincia di Vibo Valentia
Sito istituzionale

Tropea (Tropaea in latino e Τράπεια in greco antico, "Trupìa" in calabrese) è una cittadina calabrese di antiche origini di 6 861 abitanti[1] della provincia di Vibo Valentia.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Tropea vista dall'Isola
Il Centro storico

Il territorio tropeano è poco esteso, infatti con 3,59 km² si trova al 7805º posto in Italia per superficie (mentre è al 195º per densità di popolazione).[senza fonte]

La sua morfologia è particolare; si divide infatti in due parti: la parte superiore, dove si trova la maggior parte della popolazione e dove si svolge la vita quotidiana del paese, e una parte inferiore (chiamata "Marina"), che si trova a ridosso del mare e del porto di Tropea. Tra le altre zone periferiche, vi sono la località "Carmine" e la località "Campo" (divisa a sua volta in "Campo di sopra", che è prevalentemente occupato da orti e campagne con qualche zona residenziale, e "Campo di Sotto", dove hanno sede la locale caserma del Comando dei Carabinieri, l'Ospedale Civile e l'indirizzo Alberghiero e per la Ristorazione dell'IS Tropea).

La città, nella parte superiore, si presenta costruita su una roccia a picco sul mare, ad un'altezza s.l.m. che varia tra circa 50 metri nel punto più basso e 61 metri nel punto più alto. L'abitato storico era un tempo cinto di mura e incastellato su di un lato; vi si poteva accedere solo attraverso delle porte provviste di sistemi di difesa.

Purtroppo, da anni, l'acqua fornita nelle case della cittadina non è potabile. [2]

Dati climatologici[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Stazione meteorologica di Tropea.

In base alla media trentennale di riferimento 1961-1990, la temperatura media dei mesi più freddi, gennaio e febbraio, si attesta a +10,5 °C; quella del mese più caldo, agosto, è di +24,9 °C.

Le precipitazioni medie annue si aggirano sui 900 mm e si distribuiscono mediamente in 78 giorni, con un prolungato minimo estivo e picco accentuato in autunno-inverno [2].

TROPEA Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic InvPriEst Aut
T. max. mediaC) 13,413,815,618,122,025,828,429,026,422,218,315,214,118,627,722,320,7
T. min. mediaC) 7,67,38,510,613,717,820,520,818,414,811,89,18,010,919,715,013,4
Precipitazioni (mm) 116731006354211320617513717136021754273904
Giorni di pioggia 118117421247912312252078

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Stemma d'Aragona d'Alba Giffone[3]

La leggenda vuole che il fondatore sia stato Ercole quando, di ritorno dalle Colonne d'Ercole (Spagna), si fermò sulle coste del Sud Italia. Nelle zone limitrofe sono state rinvenute tombe di origine magno-greca.

La storia di Tropea inizia in epoca romana, quando lungo la costa Sesto Pompeo sconfisse Cesare Ottaviano: a sud di Tropea i romani avevano costruito un porto commerciale, vicino l'attuale Santa Domenica, a Formicoli (toponimo derivato da una corruzione di Foro di Ercole), di cui parlano Plinio e Strabone.

Per la sua caratteristica posizione di terrazzo sul mare, Tropea ebbe un ruolo importante, sia in epoca romana (attestato dalla cava di granito che sorge a circa 2 km dall'abitato, nell'attuale comune di Parghelia) sia in epoca bizantina; molti sono i resti lasciati dal bizantini, come la chiesa sul promontorio o le mura cittadine (chiamate appunto "mura di Belisario"). Dopo un lungo assedio, la città fu strappata ai bizantini dai Normanni, sotto i quali prosperò. Tropea continuò a prosperare anche sotto il dominio degli Aragonesi. Il 4 febbraio 2016 nasce il Club UNESCO Tropea Costa degli Dei.[4]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

A sinistra la foto del convento della Pietà (2012),[5] a destra Palazzo Giffone (2012)
Santuario di Santa Maria dell'Isola sul promontorio (2009)

Nota località balneare, sorge su un alto promontorio di tufo, affacciato sul Mar Tirreno, nella costa occidentale della Calabria, in provincia di Vibo Valentia. Di notevole interesse è il centro storico della città, con molti palazzi nobiliari del XVIII e del XIX secolo, arroccati sulla rupe a strapiombo con la spiaggia sottostante.Interessanti sono i "portali" dei palazzi che rappresentavano le famiglie nobiliari; alcuni sono dotati di grosse cisterne scavate nella roccia, che servivano per accumulare il grano proveniente dal Monte Poro, che successivamente veniva caricato tramite condotte di terracotta sulle navi ormeggiate sotto la rupe di Tropea. Simbolo della città è il Santuario di Santa Maria dell'Isola, che sorge su un promontorio di fronte alla cittadina.

Di notevole interesse è la Cattedrale di Maria Santissima di Romania, edificio del 1100, in stile romanico, contenente la sacra effigie della Madonna di Romania, protettrice della città. L'antico Convento della Pietà, sorto nel 1639.[6][5][7] Inoltre la città ospita il museo diocesano, contenente ori e argenti della cattedrale e parecchi manufatti di varie epoche. Presso la chiesa, negli antichi locali del Vescovato, è stato istituito un Museo Diocesano, con interessanti opere pittoriche, sculture e affreschi, manufatti e arredi. Recentemente, inoltre, è stata aperta la sezione archeologica.

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Palazzi nobiliari[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[8]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2010[9] i cittadini stranieri residenti erano 307 persone (il 4,59% della popolazione). Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Giganti (folclore).

Il 21 marzo, in onore di San Giuseppe, viene celebrata una festa tradizionale con un pranzo offerto ai devoti, due processioni tra le Sante Messe, gruppi musicali durante la serata e fuochi artificiali.

Il 23 marzo di ogni anno nella "Contrada dell'Annunziata" si svolge una grande fiera, che si snoda per le vie di Tropea, visitata da migliaia di persone, provenienti da tutto il Vibonese. I commercianti ambulanti provenienti da tutta la Calabria e anche da fuori Regione, espongono di tutto, dagli articoli introvabili e stravaganti, agli animali, ai prodotti tipici. Un tempo era la fiera del bestiame di ogni specie che si svolgeva nelle vicinanze della Chiesa dell'Annunziata.

Il Venerdì Santo, all'imbrunire, una suggestiva processione attraversa le vie della città. Apre la processione un grande stendardo brunito, seguito dalle varie confraternite con il cappuccio abbassato sul viso. Un uomo scalzo e con una corona di spine in testa innalza una grande croce nera. Dietro di lui un'artistica e antica bara, dalle pareti di cristallo, su cui giace un Cristo morto. Dietro ancora, la statua della Madonna Addolorata che cerca di raggiungere il Figlio. Le donne seguono la Statua della Madonna cantando le "lamentazioni", cantici e antiche nenie.

Il 3 maggio si festeggia I tri da' Cruci. Questa festa commemora l'Invenzione della Santa Croce, giustificata dal fatto che, un tempo, all'inizio di via Umberto I, sorgeva un tempietto con tre Croci. A fine serata la sagoma di un cammello, imbottito di fuochi d'artificio, balla al ritmo frenetico della caricatumbula. La Pro Loco Tropea, assieme ad un comitato appositamente costituito, si occupa dell'organizzazione dell'evento - che riprende i giochi tipici dei festeggiamenti popolari, come la gara dei sacchi, quelle della pasta abbruscenti o delle pignatte - per rendere la festa sempre più bella.

Il 15 agosto in occasione della festa della Madonna dell'Isola viene organizzata una suggestiva processione a mare.

Nel mese di dicembre la Pro loco organizza, spesso, una rappresentazione del presepe vivente con attori che interpretano gli antichi mestieri. La rappresentazione è resa più realistica dalle scenografie e dalla presenza di animali in carne ed ossa. Le vie del centro sono animate dalla presenza di luminarie ed ogni mattina è allietata dal tradizionale suono della zampogna.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Panorama Troprea 2009.jpg
Ingrandisci
Panorama della spiaggia di Tropea (agosto 2009)

Media[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre 2005 su RaiUno è andata in onda la serie TV Gente di Mare girata a Tropea e interpretata da Lorenzo Crespi e Vanessa Gravina, nel febbraio 2007 sono iniziate le nuove riprese per la nuova serie televisiva Gente di Mare 2.

Arte[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli artisti di maggior spessore, nati e vissuti a Tropea, si possono citare: Giuseppe Gaetano Grimaldi (1690-1748), Giuseppe Naso (1836-1862), Albino Lorenzo (1922-2005), Melo Tedesco (1926-2002), Giuseppe Vitetta, Totò Carratura.

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Tropea è sede dell'omonimo premio letterario nazionale. Il Comitato tecnico-scientifico del Premio Letterario Tropea si riunisce per selezionare mediante votazione i libri che parteciperanno alla fase finale del Premio.

Nel mese di aprile si svolge la Mostra-Fiera di Modellismo Ferroviario città di Tropea a cura del Gruppo Fermodellistico Tropeano[10].

Chiesa di Santa Maria dell'Isola di notte

Nel mese di giugno si svolge la fase finale del Premio Letterario Nazionale città di Tropea, che richiama diversi autori da tutta l'Italia e che coinvolge una giuria composta da tutti i Sindaci calabresi.

In luglio si svolge la Sagra del pesce azzurro e della cipolla rossa di Tropea. La sagra celebra la cipolla rossa e la cucina tradizionale del luogo, che usa il pesce azzurro e la cipolla rossa di Tropea (a cui è stato attribuito il marchio di qualità). La sagra viene organizzata su iniziativa dell'Associazione Turistica Pro Loco Tropea.

Nel mese di agosto si svolge la manifestazione cinematografica Tropea Film Festival, promossa dall'Associazione Culturale Tropeana. L'evento si tiene nel Teatro del Porto di Tropea, all'interno del porto turistico.

Nel mese di settembre nel centro storico di Tropea si svolge il Tropea Blues Festival, un Festival di musica Blues che per una settimana vede esibirsi decine di gruppi musicali. Il format dell'evento è caratterizzato dall'esibizione quasi in contemporanea, tra le vie della città vecchia, di numerose 'band', come nella tradizione della città natale di questo genere musicale (New Orleans).

Persone legate a Tropea[modifica | modifica wikitesto]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Piantagione di cipolla rossa
La spiaggia

Agricoltura[modifica | modifica wikitesto]

Rileva l'esportazione della cipolla rossa, più dolce rispetto alla bianca. Coltivata tra Nicotera, in provincia di Vibo Valentia, e Campora San Giovanni, nel comune di Amantea, in provincia di Cosenza, e lungo la fascia tirrenica. Il prodotto ha ricevuto il marchio IGP ed è tutelato da un Consorzio riconosciuto dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali. Per molti anni, la produzione, la lavorazione e la commercializzazione della cipolla rossa di Tropea hanno rappresentato una delle attività economiche tra le più importanti per il territorio[17].

Commercio[modifica | modifica wikitesto]

I negozi di Tropea vendono prodotti tipici e artigianali dei comuni limitrofi, tra cui la cipolla rossa, la 'nduja di Spilinga, il formaggio pecorino del Poro, l'olio extravergine d'oliva e vini. Offerti anche prodotti di artigianato locale, come i manufatti in terracotta ed i canestri, i cesti e le gerle in vimini.[18]

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

L'economia tropeana si basa prevalentemente sul turismo estivo, (dagli inizi di giugno alla fine di settembre). La ricettività si caratterizza dalla presenza di molti b&b all'interno del centro storico (ricavati in palazzi d'epoca), hotel collocati principalmente nella zona nuova della città e qualche campeggio nella zona della marina (dove è possibile alloggiare in tende e/o camper quasi a ridosso delle famose spiagge bianche della città). Data la piccola estensione territoriale, molte sono le strutture ricettive (villaggi, case vacanze e residence) nei paesi limitrofi, un tempo facenti parte del sistema dei casali di Tropea (Santa Domenica, Capo Vaticano, oggi sotto il comune di Ricadi, Parghelia, Drapia e Zambrone). Per la versione on line del Sunday Times (14 gennaio 2007), Tropea è tra le 20 spiagge più belle d'Europa.[19]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

La città è collegata ai centri di Rosarno e Lamezia Terme (sede dell'omonimo aeroporto) dalla stazione ferroviaria, in cui transitano quasi esclusivamente treni regionali (ad eccezione del periodo estivo, il cui collegamento è potenziato da treni Espresso ed InterCity da e per le principali città italiane).

Porti[modifica | modifica wikitesto]

Tropea è dotata di un porto turistico di recente costruzione, da dove è possibile raggiungere le vicine Isole Eolie (in particolare il vulcano Stromboli, quasi sempre visibile dalla costa calabrese tirrenica meridionale) e le coste limitrofe costituite da falesie d'arenaria, piccole baie, scogliere e spiagge quasi incontaminate.

Strutture sportive[modifica | modifica wikitesto]

Tropea è dotata di uno stadio chiamato "Stadio del Sole" dove milita la squadra "FCD Tropea" ed una palestra comunale che viene usufruita per eventi di vario genere e usi scolastici.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

[20]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
21 novembre 1993 16 novembre 1997 Gaetano Vallone Lista civica Sindaco
16 novembre 1997 26 maggio 2002 Gaetano Vallone Lista civica Sindaco
26 maggio 2002 28 maggio 2006 Domenica Cortese Lista civica Sindaco
28 maggio 2006 28 marzo 2010 Antonio Euticchio Lista civica Sindaco
28 marzo 2010 25 maggio 2014 Adolfo Repice Lista civica Sindaco
25 maggio 2014 23 settembre 2017 Giuseppe Rodolico Lista civica Sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

  • L'8 maggio 2005 la 1ª tappa del Giro d'Italia 2005 si è conclusa a Tropea con la vittoria di Paolo Bettini.
  • Il 14 maggio 2011 si è replicato con l'arrivo dell'8ª tappa del Giro d'Italia 2011 vinta da Oscar Gatto.
  • Tropea ha avuto una squadra di Pallavolo che ha militato per anni nei campionati semi-professionistici. La massima categoria raggiunta dall'Associazione Pallavolo Costa degli Dei Tropea è stata la serie B1, nella stagione 2003-2004, sotto la presidenza dell'architetto Nicola Mazzocca, al quale si vorrebbe intitolare il palazzetto, ma il titolo venne ceduto alla Raffaele Lamezia e la squadra locale tornò in serie B2.
  • La FCD Tropea (la principale squadra calcistica del paese), milita nel campionato di Prima Categoria nella stagione calcistica 2017-2018.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b ISTAT - Bilancio demografico mensile novembre 2015, su demo.istat.it. URL consultato il 21 marzo 2016.
  2. ^ Tabella climatica mensile e annuale (TXT), in Archivio climatico DBT, ENEA.
  3. ^ Discorso della famiglia Giffone de' marchesi di Cinquefondi con le notizie della sua prima origine, e delle sue discendenze, Napoli editore Giuseppe Roselli 1703
  4. ^ Il “Club Unesco Tropea Costa degli Déi” si presenta alla città
  5. ^ a b Antonio Caracciolo e la Tropea che non vogliamo ...
  6. ^ Tropea Magazine - Il Monastero delle Clarisse della Madonna della ...[1]
  7. ^ Arte e Storia VG-Il Convento della Pietà di Tropea
  8. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  9. ^ Statistiche demografiche ISTAT
  10. ^ "Gruppo Fermodellistico Tropeano"
  11. ^ Francesco Barritta, Domingo Arena e il batllismo in Uruguay, su tropeaedintorni.it.
  12. ^ Salvatore Libertino, Domingo Arena, su tropeamagazine.it.
  13. ^ Dora Issel Russel, Un tropeano a Montevideo, su Luciano Del Vecchio (a cura di), digilander.libero.it.
  14. ^ s.libertino, Tropea Magazine - Irma Scrugli: una vita oltre il tempo, su www.tropeamagazine.it. URL consultato il 23 dicembre 2016.
  15. ^ Serva di Dio Irma Scrugli su santiebeati.it, su Santiebeati.it. URL consultato il 23 dicembre 2016.
  16. ^ paroladivita.org, http://www.paroladivita.org/Chiesa/Irma-Scrugli-una-vita-accanto-agli-ultimi.
  17. ^ Pino Vita, “La treccia rossa”, la storia della cipolla di Tropea : Tropeaedintorni.it, su www.tropeaedintorni.it. URL consultato il 23 dicembre 2016.
  18. ^ Atlante cartografico dell'artigianato, vol. 3, Roma, A.C.I., 1985, p. 15.
  19. ^ The top 20 beach holidays, in timesonline.co.uk. URL consultato il 9 marzo 2011.
  20. ^ Tropea Magazine - I Sindaci di Tropea 1321 a oggi

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN158429365 · LCCN: (ENn94056379 · GND: (DE4277595-4 · BNF: (FRcb146426628 (data)
Calabria Portale Calabria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Calabria