San Gregorio d'Ippona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
San Gregorio d'Ippona
comune
San Gregorio d'Ippona – Stemma
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Calabria.svg Calabria
ProvinciaProvincia di Vibo Valentia-Stemma.png Vibo Valentia
Amministrazione
SindacoMichele Pannia (lista civica) dall'8-6-2009
Territorio
Coordinate38°39′N 16°06′E / 38.65°N 16.1°E38.65; 16.1 (San Gregorio d'Ippona)Coordinate: 38°39′N 16°06′E / 38.65°N 16.1°E38.65; 16.1 (San Gregorio d'Ippona)
Altitudine402 m s.l.m.
Superficie12,53 km²
Abitanti2 272[1] (31-12-2010)
Densità181,32 ab./km²
FrazioniMezzocasale, Regina Elena, Zammarò
Comuni confinantiFrancica, Jonadi, San Costantino Calabro, Vibo Valentia
Altre informazioni
Cod. postale89853
Prefisso0963
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT102034
Cod. catastaleH941
TargaVV
Cl. sismicazona 1 (sismicità alta)
Nome abitantiIpponesi
Patronosan Gregorio Magno
Giorno festivo12 marzo
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
San Gregorio d'Ippona
San Gregorio d'Ippona
San Gregorio d'Ippona – Mappa
Posizione del comune di San Gregorio d'Ippona nella provincia di Vibo Valentia
Sito istituzionale

San Gregorio d'Ippona è un comune italiano di 2.240 abitanti della provincia di Vibo Valentia, in Calabria.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

La denominazione di San Gregorio deriva da San Gregorio Magno che sarebbe stato onorato in un monastero benedettino in località Abbadia (via Fontana Vecchia). Ippona invece deriva da Hipponion, nome di Vibo Valentia dato dai greci a partire dalla seconda metà del VII secolo a.C. e a sua volta conosciuta come Veip o Veipone in epoca pre-ellenica e bruzia.

Santuario di Santa Ruba

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La storia di San Gregorio d’Ippona è certamente legata a quella di Hipponion, da cui ne riprende parte dal nome.

  • L'Italia dopo essere stata liberata nel 553 dai Goti, passò sotto la dominazione bizantina, che in Calabria duro fino al 1059
  • Nel 1789 scoppiò la rivoluzione francese, questa in Calabria fu accolta con simpatia soltanto da pochi che appartenevano dalla borghesia e dagli nobili intellettuali
  • Nel 1799 Napoleone fece occupare Napoli e venne proclamata la Repubblica Partenopea, Monteleone fu una delle città calabresi che abbassò la bandiera borbonica e innalzò l’albero della libertà.
  • Con la legge del 2 agosto 1806 i francesi abolirono la feudalità liberando così il sud tra cui Monteleone e i suoi casali riacquistarono la libertà che avevano perduto nel 1501 con la loro vendita a Ettore Pignatelli.
  • Nel 1807 San Gregorio finalmente diventò un comune autonomo e oltre alle due frazioni attuali fino al 1810 anche Piscopio era una sua frazione che poi divenne anch’esso comune autonomo. Il primo sindaco fu Nicola Bisogni.

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Al centro di Vibo Valentia e di San Gregorio si trova il Santuario di Santa Ruba, considerata come "il gioiello di San Gregorio d’Ippona", non si conoscono ne le sue origini né quando fu fatta, anche se alcuni studiosi hanno trovato tracce di una struttura primitiva risalente al periodo bizantino–basiliano e con architettura barocca.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazioni precedenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 1885 Carmelo Nardi Sindaco
  • 1891 Giuseppe Bisogni Sindaco
  • 1896 Nunzio Citanna Sindaco
  • 1921 Gregorio Pugliese Sindaco
  • 1922 Giuseppe De Vita Commissario Prefettizio
  • 1922 Giuseppe Greco Sindaco
  • 1926 Giuseppe Greco Podestà
  • 1932 Ferdinando Giangotti Commissario Prefettizio
  • 1933 Francesco Citanna Commissario Prefettizio
  • 1934 Francesco Citanna Podestà
  • 1934 Lorenzo Greco Commissario Prefettizio
  • 1935 Carlo Taccone Podestà
  • 1938 Giosuè Naso Podestà
  • 1946 Vincenzo Valentini Sindaco
  • 1951 Vincenzo Valentini Sindaco
  • 1956 Nicola Valentini Sindaco
  • 1959 Giovanni Bottari Commissario Prefettizio
  • 1959 Gregorio Meddis Sindaco
  • 1964 Francesco Greco Sindaco
  • 1973 Saverio Pannia Sindaco
  • 1978 Saverio Pannia Sindaco
  • 1983 Francesco Vinci Sindaco
  • 1988 Saverio Pannia Sindaco
  • 1990 Filippo Ruggiero Sindaco
  • 1993 Filippo Ruggiero Sindaco
  • 1998 Filippo Ruggiero Sindaco
  • 2002 Pasquale Farfaglia Sindaco
  • 2004 Annunziato Vardè Commissario Prefettizio
  • 2005 Pasquale Farfaglia Sindaco
  • 2007 Marilisa Magno Commissario Prefettizio
  • 2007 Giuliana Perrotta Presidente Commissione Straordinaria
  • 2009 Michele Pannia Sindaco
  • 2014 Michele Pannia Sindaco

Scioglimenti per infiltrazioni mafiose[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2007 il Consiglio comunale è stato sciolto per infiltrazioni mafiose con decreto del presidente della Repubblica, la commissione d'accesso agli atti ha rilevato illegalità nella gestione degli appalti pubblici, nella riscossione dei tributi ed inoltre abusivismo edilizio imperante e collegamenti diretti e indiretti di alcuni amministratori locali con soggetti appartenenti alla locale 'ndrina dei Fiarè, associazione criminale che ha influenzato le elezioni amministrative del 2005 e ne ha tratto i conseguenti ingiusti vantaggi a danno del tessuto sociale-culturale-economico di San Gregorio D'Ippona. Il commissariamento dell'ente è durato due anni fino al 2009[3].

Nel 2018 il comune e stato nuovamente sciolto per infitrazione mafiose per illegalita della gestione edilizia, rapporti parentali e familiari con alcuni componenti della passata amministrazione e sulla gestione della pubblica illuminazione.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  3. ^ SAN GREGORIO D'IPPONA | Legautonomie Calabria
  4. ^ Decreto del presidente della Repubblica 11 maggio 2018, n. , in materia di "Scioglimento del consiglio comunale di San Gregorio d'Ippona e nomina della commissione straordinaria"

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]