Nardodipace

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nardodipace
comune
Nardodipace – Stemma
Nardodipace – Veduta
Via di Nardodipace
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Calabria.svg Calabria
Provincia Provincia di Vibo Valentia-Stemma.png Vibo Valentia
Amministrazione
Sindaco Antonio Demasi ("Nardodipace riparte") dal 6-11-2017
Territorio
Coordinate 38°28′N 16°20′E / 38.466667°N 16.333333°E38.466667; 16.333333 (Nardodipace)Coordinate: 38°28′N 16°20′E / 38.466667°N 16.333333°E38.466667; 16.333333 (Nardodipace)
Altitudine 1 080 m s.l.m.
Superficie 33,3 km²
Abitanti 1 359[1] (30-04-2012)
Densità 40,81 ab./km²
Frazioni Albani, Cassari, Ragonà, Santo Todaro, Vecchio abitato
Comuni confinanti Caulonia (RC), Fabrizia, Martone (RC), Mongiana, Pazzano (RC), Roccella Ionica (RC), Stilo (RC)
Altre informazioni
Cod. postale 89824, 88020 (fino al 1997)
Prefisso 0963
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 102024
Cod. catastale F843
Targa VV
Cl. sismica zona 1 (sismicità alta)
Cl. climatica zona F, 3 017 GG[2]
Nome abitanti nardodipacesi o nardopacesi
Patrono santa Vergine
Giorno festivo 8 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Nardodipace
Nardodipace
Nardodipace – Mappa
Posizione del comune di Nardodipace nella provincia di Vibo Valentia
Sito istituzionale

Nardodipace (Narduepaci in dialetto calabrese[3]) è un comune di 1.359 abitanti della provincia di Vibo Valentia che si trova sul margine sud-orientale delle Serre calabresi, dalla parte ionica.

La sua altitudine va dai 600 m (valle Precariti) circa ai 1370 m.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio del comune scorre la fiumara Allaro, che nasce a Fabrizia e sfocia nel Mar Ionio nell'area di Caulonia.

Il comune risiede nella zona climatica F.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Monumento ai caduti
Chiesa di Nardodipace - Vecchio abitato - Agosto 2017

Fu fondato nel XVIII secolo come Casale di Fabrizia Fino al 1901 è da cui resta dipendente fino al 1901 momento in cui diventa comune autonomo[4].

Nel 1951 Nardodipace come molti paesi della Calabria vengono travolti da un'alluvione, e l'abitato viene ricostruito 6 km a monte in località Ciano. La popolazione abbandona progressivamente il precedente centro abitato che viene rinominato come: "Nardodipace vecchio"[4].

Dal 2004 il territorio entra a far parte dell'area naturale protetta del Parco naturale regionale delle Serre.

Nel settembre 2008, il prefetto di Vibo Valentia Sodano dispone una commissione d'accesso per decidere tre anni più tardi, esattamente il 19 febbraio 2011, lo scioglimento per 'ndrangheta[5][6][7].

Il sindaco Romano Loielo decide di ricandidarsi e viene rieletto il 18 novembre 2013, poiché ancora non si era concluso il provvedimento di richiesta di ineleggibilità[8]. Il 3 febbraio 2015 il sindaco viene arrestato, insieme ad un assessore e sua moglie, per aver dirottato finanziamenti pubblici dell'Unione europea su proprie attività[9].

Dal punto di vista toponomastico, “Nardodipace” è nome che può essere considerato descrittivo dei luoghi, qualora si consideri possibile una sua origine intorno al III millennio a.C., quando popolazioni provenienti dal Mediterraneo orientale, alla ricerca di miniere di rame, piombo e di argento, approdarono in Calabria. Le miniere delle Serre calabresi e quelle di S. Donato di Ninea al Monte Mula, che guarda la piana di Sibari, sono state attive ben prima dell’arrivo dei primi coloni greci. Morgeti, Fenici e altre popolazioni di lingue fenicio-puniche hanno lasciato numerose tracce toponomastiche, alcune delle quali sono state recentemente esaminate (p.es. Riace, Reggio, Melicuccà, Mella, Monasterace, Mula, Apsia) [10]. “Nardodipace” potrebbe essere la corruzione di “Nara-adi-ake”. “Nara” (ναρ dei Greci) appare derivato all’accadico Naru, fiume; “di” potrebbe essere una contrazione dell’accadico adi, villaggio; “ake” è un suffisso indicativo di località, che in occidente si addolcisce in “ace” oppure in “aci” (come in “Acitrezza” e in altri toponimi). In questa lettura il nome appare come efficacemente descrittivo di un insediamento che si sviluppava (come Nardodipace Vecchio) lungo un fiume montano. Nell’insieme, il toponimo appare come il tentativo, stabilizzato nel tempo, di dare un senso a Nara-adi-ake, suoni apparentemente privi di significato di una lingua dimenticata [11].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Particolare all'interno della chiesa della Natività
  • Chiesa della natività: costruita in stile barocco con elementi bizantini da Tommaso Cascella negli anni '60 durante la ricostruzione del paese[12]

Aree archeologiche[modifica | modifica wikitesto]

I Megaliti di Nardodipace[modifica | modifica wikitesto]

Geosito B
Geosito A

I ritrovamenti avvenuti nei primi anni del nuovo millennio, più precisamente nell'anno 2002 in seguito ad un grosso incendio che, disboscando notevolmente la zona, diede risalto a questi enormi complessi di pietre accorpate fra loro, sono da un punto di vista archeologico nonché antropologico molto interessanti, in quanto aprono scenari di notevole interesse circa l'esistenza di popolazioni di molto antecedenti la colonizzazione delle terre calabresi da parte dei greci. I cosiddetti Megaliti di Nardodipace, collocabili temporalmente tra il V e il II millennio a.c., sono collocati in due zone distinte: Geosito A e Geosito B.

I Megaliti sono costituiti da quarzo e granito e, simili strutturalmente ai megaliti inglesi, hanno provocato negli anni ferventi polemiche. La questione riguardante i megaliti è ancora aperta e ha visto nel corso degli anni la tesi sismologica gettare non pochi dubbi sulla teoria di una civiltà che abbia colonizzato questi territori e lasciato un segno quasi indelebile sul territorio.

Possibili origini[modifica | modifica wikitesto]

Il grecista Franco Mosino ha collegato questa civiltà a quella dei Lestrigoni o Pelasgi descritti da Omero nell'Odissea e sui quali si dilunga lo studioso Domenico Raso in alcuni libri scritti dopo il rinvenimento dei due geositi megalitici in oggetto. In molti sono venuti nel piccolo centro calabrese a studiare i siti megalitici senza fornire però finora nessuna risposta certa. Ciò è anche dovuto ad una mancanza di volontà, da parte delle autorità competenti, di avviare lavori di accertamento oltre che gli opportuni scavi al fine di verificare e ufficializzare la natura di questi complessi. Tale discussione però, oltre a risolversi facilmente a favore della stessa tesi antropica qualora si osservino da vicino i complessi in oggetto, pare giungere ad un punto di svolta in seguito alla constatazione piramidale di uno dei due geositi, quello denominato con la lettera A.

[senza fonte]

Tuttavia conviene specificare, come non si possa parlare di Piramide in senso stretto, che per definizione non può avere base circolare per essere tale, in tal caso sarebbe un cono o un tronco di cono. L'agglomerato che da forma alla collina è infatti, più verosimilmente costituito dall'accostamento di diverse strutture circolari, sottostanti l'attuale manto erboso, simili a cumuli, di matrice anche quella diremmo celtica, o legata alle strutture megalitiche Britanniche. pertanto I Megaliti, peraltro studiati dal dipartimento di archeofisica dell'Università di Torino, risultano essere astronomicamente allineati proprio con il più famoso sito inglese. Del resto Nardo di Pace sta a metà tra la terra ferma, o almeno la sua ultima punta e la Sicilia (dove non mancano siti analoghi, anche se le dominazioni successive li hanno cancellati, ma sono descritti nelle cronache medievali (il geografo Idrisi ne è un esempio), ma soprattutto con Malta altro luogo in cui ritroviamo i Menhir e i simboli, quelli sono essenziali, che ritroviamo anche a Nardodipace.

Piuttosto infatti che di una civiltà propriamente uscita dalla letteratura greca di prima generazione, è il carattere celtico delle spirali, ma soprattutto la grafica runica a metterlo in evidente connessione con Popolazioni scese da Nord, o perché no, giunte a Nord da Sud, e quindi con un percorso inverso, ma attenzione, le pietre di Nardo di Pace, come quelle di Malta o di Stonehenge "parlano" per così dire la stessa lingua, utilizzano il medesimo alfabeto fatto di rune e gli stessi simboli, ribadisco fra tutte la spirale e questa lingua non è il Greco preteso dai presunti Pelasgi. Tra mito, preteso quasi per forza, e incuria del tempo e dell'uomo, sembra essere destinato oltra che alla confusione degli studi e delle deduzioni, anche al degrado e all'oblio, una, anzi forse l'unica testimonianza di una Civiltà della Pietra, questo si, ben più antica forse del V millennio, e scomparsa, di cui quelle di Nardo di Pace costituiscono ad oggi, un unicum in terra italiana. Esso è di fatto l'unico sito megalitico rimasto in piedi, anche se parzialmente, con i megaliti decorati, ancora in sito. Sull'uso religioso, anche qui si potrebbe dissentire, è ovvio, come nel più noto sito inglese, che i siti astronomici, e da cui era pertanto possibile scrutare gli astri con importanti informazioni per la caccia, l'agricoltura, l'avvicendarsi delle stagioni, fossero nel contempo luoghi di culto. L'astronomia stessa rientrava nel culto. Piuttosto, la sottostante collina, probabilmente costituita dall'accostamento di piccole "cupole" potrebbe avere avuto funzione di sepoltura. E pertanto destinare quest'area in cima all'Aspromonte è vero, ma nel cuore più impenetrabile, ancora attualmente della regione, ad uno scopo triplice: astronomico, religioso e funerario.[senza fonte]

Tutto ciò che si trova a Nardo di Pace si ritrova nei più antichi luoghi di culto destinati alla venerazione della Grande Madre.[senza fonte]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[13]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Piazza Municipio

Il comune di Nardodipace è costituito da 5 centri abitati:

  • Ciano, detto Nardodipace (capoluogo comunale);
  • Nardodipace, detto Vecchio Abitato;
  • Ragonà (frazione);
  • Cassari (frazione);
  • Santo Todaro (frazione).

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Municipio di Nardodipace
  • Sindaco di Nardodipace:
Sindaco Partito Data elezione Data fine mandato
Commissione straordinaria antimafia 4/12/2015 6/11/2017
Antonio Demasi Nardodipace riparte 6/11/2017 in carica

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 aprile 2012.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 437.
  4. ^ a b Nardodipace, in sapere.it. URL consultato il 03-02-2015.
  5. ^ VV/ SCIOLTO PER MAFIA IL COMUNE DI NARDODIPACE: CI SONO VOLUTI TRE ANNI, in scirocconews, 13-12-2011. URL consultato il 03-02-2015.
  6. ^ Mafia, sciolto il Comune di Nardodipace, in calabrianotizie.it, 14-12-2011. URL consultato il 03-02-2015.
  7. ^ Mafia, sciolti sei comuni in Calabria, Campania e Sicilia, in Ilfatto.it. URL consultato il 6 aprile 2013.
  8. ^ Mafia, nel comune calabrese sciolto per infiltrazioni eletto lo stesso sindaco, in ilfattoquotidiano, 18-11-2013. URL consultato il 03-02-2015.
  9. ^ Calabria, arrestato il sindaco del Comune più povero d'Italia: "Intascava i fondi", in Repubblica.it, 03-02-2015. URL consultato il 03-02-2015.
  10. ^ Giacomo Tripodi, Some archaic toponyms of Middle Eastern origin in Western Europe, in Complessità - Sicania Ed., vol. 2013, 1-2.
  11. ^ Giacomo Tripodi, Su alcuni idronimi di possibile origine arcaica, in Complessità - Sicania Ed., 2014-2015, 1-2.
  12. ^ Parrocchia della Natività di Maria Vergine, Nardodipace (Vibo Valentia), 1783 - - Ente, in beniculturali.it. URL consultato il 03-02-2015.
  13. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN139669053
Calabria Portale Calabria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Calabria