Sorianello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sorianello
comune
Sorianello – Stemma
Sorianello – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Calabria.svg Calabria
ProvinciaProvincia di Vibo Valentia-Stemma.png Vibo Valentia
Amministrazione
SindacoSergio Cannatelli (lista civica) dall'8-6-2009
Territorio
Coordinate38°36′N 16°14′E / 38.6°N 16.233333°E38.6; 16.233333 (Sorianello)Coordinate: 38°36′N 16°14′E / 38.6°N 16.233333°E38.6; 16.233333 (Sorianello)
Altitudine420 m s.l.m.
Superficie9,59 km²
Abitanti1 176[1] (31-12-2015)
Densità122,63 ab./km²
FrazioniFago Savini
Comuni confinantiGerocarne, Pizzoni, Simbario, Soriano Calabro, Spadola
Altre informazioni
Cod. postale89831
Prefisso0963
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT102039
Cod. catastaleI853
TargaVV
Cl. sismicazona 1 (sismicità alta)
Nome abitantisorianellesi
Patronosan Nicola vescovo
Giorno festivo6 dicembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Sorianello
Sorianello
Sorianello – Mappa
Posizione del comune di Sorianello nella provincia di Vibo Valentia
Sito istituzionale

Sorianello è un comune di 1.196 abitanti della provincia di Vibo Valentia. Fa parte della Comunità montana Alto Mesima/Monte Poro.

Situato nella zona delle Serre vibonesi parte centrale della provincia di Vibo Valentia, dista 13 km dall'uscita "Serre" dell'Autostrada A2 e 20 km dal Capoluogo di provincia Vibo Valentia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo alcuni studiosi le sue origini risalirebbero all'età dei Goti ed agli insediamenti del monachesimo eremita, sino agli inizi dell'Ottocento facente parte di un unico nucleo urbano (Università) con il contiguo Soriano Calabro con cui condivide almeno sino a quella data storia, personaggi e riferimenti. Il suo toponimo attuale (assunto negli anni venti del secolo scorso) è un diminutivo del nome di Soriano una volta contrassegnato con i ripartimenti di Alto e Basso. Prima castello fortificato sotto i Culchebret, fu un possedimento dei Carafa di Nocera e successivamente entrò nelle proprietà del Monastero di San Domenico di Soriano, divenne comune autonomo nel XIX secolo con le disposizioni governative di Murat.

Nel 1964 cedette la borgata Collina degli Angeli al comune di Soriano Calabro[2].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa di San Giovanni Battista, situata nella parte alta del paese da dove si può ammirare un panorama suggestivo, all'interno della chiesa tra le altre cose troverete: una scultura del Cristo scolpita nel legno opera probabilmente del Müller e una statua in legno del cinquecento raffigurante Gesù.
  • Chiesa di San Nicola, situata invece ai piedi del paese( essendo Sorianello ubicato su una collina), dal sito web del comune di sorianello: "è la più antica di Sorianello. Rimane, dopo il terremoto del 1783, una delle cappelle, costruita in mattoni e a forma circolare, dove all'interno troviamo un altare in marmo, i resti del vecchio pavimento ed il campanile con le campane risalenti al 1520. La chiesa è stata in parte ricostruita, dopo il terremoto. All'interno si può ammirare la statua lignea della Madonna della Salute del 1854. Interessante la sua struttura edificata sui resti del castello feudale. Al suo interno c'è un piccolo museo gestito dalla parrocchia di S. Maria e S. Nicola, dove sono conservati dipinti a olio di scuola napoletana del Settecento ed altre opere d'arte, di proprietà delle tre Chiese del paese"[3].
  • Chiesa di Santa Maria del soccorso, dove è presente tra le altre cose l'altare maggiore barocco in marmi policromi proveniente dalla distrutta chiesa di San Domenico in Soriano.
  • Valle dei Mulini, situato in località San Bruno, creato dall'amm. comunale assieme al parroco del paese negli anni 90 e 2000 è un parco con mulini ad acqua ereditati dai tempi antichi che servivano per la lavorazione dei cereali, oggi sono stati rimessi a nuovo, nel parco sono presenti inoltre: una vasta vegetazione, un laghetto artificiale alimentato dal fiume cornacchia che attraversa la valle, i ruderi degli antichi insediamenti dei monaci basiliani, la chiesetta di San Bruno con accanto un albero di ulivo secolare dove si ritiene che il santo Bruno di Colonia abbia fatto diverse soste nei suoi viaggi da Serra san Bruno a Mileto, una statua in marmo di San Bruno.
  • Museo della civiltà contadina, creato nel 1995 all'interno del palazzo Imeneo-Florenzano (sede municipale).
  • La frazione Fago Savini, Località di montagna tra Sorianello e Serra San Bruno ricca di verde, qui troverete la chiesa di Cristo redentore costruita negli anni '90 con annessa piazza e piccolo parco pubblico.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

  • Prima Domenica di Agosto festa della Madonna della salute
  • Seconda Domenica di Agosto festa del cuore di Maria
  • 6 dicembre festa del Santo patrono San Nicola Vescovo

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L'attività economica si basa sull'agricoltura (produzione di cereali, frumento, ortaggi, olive, uva, agrumi), è presente l'allevamento di bovini, suini, ovini, caprini;l'assetto industriale è costituito da piccole imprese che operano nell'ambito alimentare, edile e della lavorazione del legno.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
maggio 1985 giugno 2004 Stefano Santaguida Lista civica Tre spighe Sindaco
giugno 2004 giugno 2009 Pasquale Gradia Lista civica Tre spighe Sindaco
giugno 2009 in carica Sergio Cannatelli Lista civica Sorianello nel cuore Sindaco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2012.
  2. ^ Decreto del presidente della Repubblica 14 agosto 1964, n. 734, in materia di "Distacco della borgata "Collina degli Angeli" dal comune di Sorianello con aggregazione al comune di Soriano Calabro (Catanzaro)."
  3. ^ Punti di interesse - Comune di Sorianello

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]