San Nicola da Crissa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
San Nicola da Crissa
comune
San Nicola da Crissa – Stemma
San Nicola da Crissa – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Calabria.svg Calabria
ProvinciaProvincia di Vibo Valentia-Stemma.png Vibo Valentia
Amministrazione
SindacoCondello Giuseppe (lista civica Colomba e ramoscello d'ulivo) dall'11-6-2017
Territorio
Coordinate38°40′N 16°17′E / 38.666667°N 16.283333°E38.666667; 16.283333 (San Nicola da Crissa)Coordinate: 38°40′N 16°17′E / 38.666667°N 16.283333°E38.666667; 16.283333 (San Nicola da Crissa)
Altitudine518 m s.l.m.
Superficie19,4 km²
Abitanti1 253[1] (31-8-2020)
Densità64,59 ab./km²
Comuni confinantiCapistrano, Filogaso, Torre di Ruggiero (CZ), Vallelonga
Altre informazioni
Cod. postale89821
Prefisso0963
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT102035
Cod. catastaleI058
TargaVV
Cl. sismicazona 1 (sismicità alta)[2]
Nome abitantisannicolesi
Patronosan Nicola di Bari
Giorno festivo6 dicembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
San Nicola da Crissa
San Nicola da Crissa
San Nicola da Crissa – Mappa
Posizione del comune di San Nicola da Crissa nella provincia di Vibo Valentia
Sito istituzionale

San Nicola da Crissa è un comune italiano di 1 253 abitanti della provincia di Vibo Valentia in Calabria.

Ha una superficie di 19,32 km². Si trova a 21 km a est da Vibo Valentia ed è situato a 518 m sulle pendici del monte Cucco, nel versante tirrenico delle Serre.

Appartenente in passato ai baroni di Vallelonga e alla famiglia dei Castiglione-Morelli, oggi è un centro agricolo nel quale si produce frutta, ortaggi, cereali, olive.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La storia del paese si intreccia con quella di Crissa, leggendaria città fondata dai Greci, probabilmente provenienti da Locri Epizefiri, nel VII secolo a.C.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma comunale, concesso con Decreto del presidente della Repubblica del 28 luglio 2005, si blasona:

«troncato: il primo di azzurro, al libro di rosso, coricato, visto in prospettiva, con il taglio visibile in sbarra, il dorso ornato dal titolo, in fascia, in due righe e in lettere maiuscole d’oro, la prima riga recante CONSILIORUM SIVE, la seconda riga RESPONSORUM JURIS, esso libro sostenente la mitria d’oro, caricata in alto di una crocetta di rosso, e tre sferette dello stesso, unite, poste una, due, a destra della mitria, sferette e mitria attraversanti un pastorale d’oro, posto in sbarra abbassata, in parte combaciante con il libro; il secondo di rosso, al vetusto olivo di verde, fustato al naturale, nodrito in punta. Ornamenti esteriori da Comune.»

(D.P.R. 28.07.2005[3])

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Piazza Crissa, il balcone delle Calabrie

Il luogo che più caratterizza il piccolo centro delle preserre è sicuramente Piazza Crissa con lo spettacolare panorama offerto dalla balconata. Da qui, nei giorni con ottima visibilità, si possono ammirare l'Angitola, il golfo di Sant'Eufemia, il territorio delle province di Vibo Valentia, Catanzaro, Reggio Calabria, Cosenza, lo stretto di Messina e l'Etna. La piazza con la sua balconata venne definita "Il balcone delle Calabrie" da Ferdinando II di Borbone.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è attraversato dalla Strada Statale 110 di Monte Cucco e Monte Pecoraro. Se si proviene da Vibo Valentia si attraversa la Strada Statale 606, la Strada Provinciale 4 e la Strada Provinciale 54. Se si proviene da Serra San Bruno si percorre la Strada statale 713 Trasversale delle Serre e 3 km sulla SS 110.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 agosto 2020 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Emblema del Comune di San Nicola da Crissa (Vibo Valentia), Governo Italiano, Ufficio Onorificenze e Araldica, 2005. URL consultato il 6 novembre 2020.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN238108935 · GND (DE4444417-5 · WorldCat Identities (ENviaf-238108935
Calabria Portale Calabria: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Calabria