Teatro Mercadante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 40°50′23.27″N 14°15′15.11″E / 40.839797°N 14.254197°E40.839797; 14.254197

Teatro Mercadante
Napoli - Teatro Mercadante.jpg
Ubicazione
Stato Italia Italia
Località Napoli
Indirizzo Piazza Municipio, 46
Dati tecnici
Tipo Sala a ferro di cavallo con quattro ordini di palchi
Capienza 553 posti
Realizzazione
Costruzione 1777
Architetto Francesco Securo
Sito ufficiale

Il Teatro Mercadante (già Teatro del Fondo) è uno storico teatro di Napoli.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Costruito tra il 1777 e il 1778 su progetto del colonnello messinese Francesco Sicuro, grazie ai beni confiscati ai Gesuiti in seguito alla loro espulsione da Napoli, che costituivano il cosiddetto “Fondo di separazione dei lucri” (da cui l’originario nome del teatro: Teatro del Fondo), venne inaugurato il 31 luglio 1779 con la rappresentazione L’infedele fedele di G.B. Lorenzi, musicata da Domenico Cimarosa.

Dopo il breve periodo della Repubblica Napoletana del 1799, in cui il Teatro assunse il nome di "Teatro Patriottico", il Teatro del Fondo venne affidato nel 1809 al celebre impresario Domenico Barbaja. Sotto la sua gestione il Teatro ospitò i più grandi musicisti dell’epoca, da Gioacchino Rossini a Mozart a Gaetano Donizetti. Dopo notevoli interventi di restauro, alcuni dei quali radicali (nel 1893 fu rifatta la facciata su disegno dell’ingegner Pietro Pulli), nel dicembre del 1870 il Teatro assunse l’attuale denominazione in onore del musicista pugliese Saverio Mercadante, napoletano d’adozione.

Dopo circa un secolo, segnato soprattutto dai successi di Eduardo Scarpetta, il Teatro, già gravemente danneggiato dai bombardamenti della Guerra, chiuse definitivamente nel 1963 per inagibilità dovuta a ragioni statiche.

Dalla metà degli anni Ottanta vi furono allestite mostre e alcune rappresentazioni, come Histoire du soldat di Igor Stravinskij con regia di Roberto De Simone e partecipazione straordinaria di Arturo Brachetti nel 1987, e Rasoi di Mario Martone nel 1990. Solo dal 1995 in poi il Mercadante ha ripreso regolarmente la sua attività con stagioni teatrali regolari e progetti di teatro contemporaneo.

Dalla stagione teatrale 2003-2004 il Mercadante è gestito dal Teatro Stabile di Napoli.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]